Cultura e spettacolo

C'è un po' di emozione e tanto orgoglio per i detenuti che stanno prendendo parte al progetto: "Questa per noi è un'esperienza bellissima che ci fa anche rilassare un po', ci fa sempre piacere quando abbiamo l'occasione di fare questi lavori"
3 minuti e 22 secondi di lettura

GENOVA - Una mostra aperta al pubblico all'interno di un carcere e un murales dipinto dai detenuti sul muro di cinta. Sembrava una sfida impossibile quella lanciata da Teatro Necessario, la onlus che dal 2005 opera all'interno della casa circondariale di Genova Marassi portando in scena ogni anno uno spettacolo teatrale al di fuori del carcere assieme ai detenuti, alla direttrice Tullia Ardito. Eppure, oggi si può dire che il sogno è diventato realtà: fino al 29 maggio sono in mostra alcune opere di Keith Haring, in un allestimento aperto al pubblico due volte al giorno dalle ore 9 alle 12:00 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00, previa prenotazione online (clicca qui). E intanto, mentre i visitatori possono ammirare alcuni quadri del famosissimo street artist statunitense all'interno del Teatro dell'Arca, i detenuti sono all'opera per realizzare un murales che prende ispirazione proprio da uno dei quadri di Haring e che cresce sempre più in fretta. E due detenuti, invece, fanno da Cicerone, spiegando al pubblico il progetto, la storia dell'artista e alcune curiosità sulle opere. 

"E' stata un'idea un po' folle: siamo stati contattati da questa organizzazione ELV Culture of Innovation di Milano, che ci ha proposto una mostra nel Teatro dell'Arca proprio perché si tratta di un artista così singolare, abituato a lavorare negli spazi di periferia, nelle metropolitane e quindi il carcere sembrava il luogo più adatto per esporre le sue opere"

A raccontare il progetto a Primocanale è Mirella Cannata, presidente dell'associazione Teatro Necessario. "Sembrava già impossibile così, anche perché dovevamo avvalerci dell'aiuto della polizia penitenziaria. Ma la direzione ci ha appoggiati e volevamo che però fosse anche una bella occasione per coinvolgere i detenuti: quattro di loro, coordinati dalla sezione decorativa di dell'Accademia Ligustica di Belle Arti, stanno realizzando un murales ispirato proprio all'artista". Spiccano gli omini colorati così riconoscibili nati dalla fantasia del pittore di fama internazionale, che sognava la sua arte come "arte per tutti" e che potrebbe dirsi felice di vedere prendere vita un'opera come questa all'interno di un carcere. 

Al centro del murale il teatro al posto della tv che solitamente è uno dei soggetti ricorrenti in Keith Haring. Questo per celebrare l'Arca, dove ogni anno non soltanto avvengono le prove dello spettacolo da portare in scena ad aprile in uno dei teatri cittadini, ma anche i laboratori di scenotecnica e da qualche anno anche una stagione teatrale vera e propria, con un cartellone aperto sia al pubblico esterno, sia ai detenuti. E proprio Naim ed Erat hanno preso parte a Riccardo III nel dietro le quinte e oggi, pennelli alla mano, stanno abbellendo il muro di cinta del penitenziario.  

"Questa per noi è un'esperienza bellissima che ci fa anche rilassare un po', ci fa sempre piacere quando abbiamo l'occasione di fare questi lavori, grazie a questi corsi che abbiamo frequentato. Ed è bello vedere i ragazzi delle scuole che ci vengono a trovare"

C'è un po' di emozione e tanto orgoglio, testimoniato anche dalle magliette indossate da tutti e realizzate dai detenuti dell'alta sicurezza, un altro laboratorio del terzo settore attivo da anni che offre opportunità anche per il futuro, per il "dopo" la detenzione. E poi comunque sono esperienze che "cambiano", che lasciano un segno, ci raccontano i detenuti. Come il murales. 

"Quest'esperienza è unica a livello nazionale", tiene a sottolineare la direttrice Tullia Ardito, a poco più di un anno dal suo arrivo a Marassi. "Ci è sembrato subito un progetto che potesse lasciare un ricordo tangibile nei detenuti, ma anche per la polizia penitenziaria e per la città".

"La prima reazione dei detenuti a questo murales? Grande stupore, ma sono molto contenti di partecipare, anche perché iniziative come queste permettono di mettere in contatto i detenuti con il mondo esterno e di far sentire loro meno la solitudine durante il periodo di detenzione"

Scopo di questi laboratori è sempre quello di avvicinare nuovamente chi sta scontando una pena alla società. Anche perché la vita all'interno della casa circondariale è complessa e - nonostante sia passato un anno - per la direttrice le richieste per Roma restano le stesse: "Chiediamo risorse sia economiche sia anche in termini di personale". 

 

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 15 Aprile 2023

Il "Riccardo III" dei detenuti di Marassi contro guerre e violenza conquista un teatro pieno di giovani

Il senso di Teatro Necessario, che dal 2005 porta sul palcoscenico i detenuti, è nella frase di Seidki: "Noi quando saliamo su questo palco ci sentiamo attori a tutti gli effetti, stacchi da tutto il resto e ti dimentichi dei problemi mentali"
Martedì 11 Aprile 2023

I detenuti di Marassi in scena con il loro "Riccardo III". E c'è chi vuole fare teatro anche una volta fuori dal carcere

Lo spettacolo liberamente tratto da William Shakespeare in scena al Teatro Ivo Chiesa dal 14 al 20 aprile e poi all'Arca all'interno della Casa Circondariale dal 26 al 28
Sabato 26 Novembre 2022

Al Teatro dell'Arca nel carcere di Marassi tutto esaurito per lo spettacolo dei detenuti di alta sicurezza

Procede la stagione all'interno della casa circondariale genovese, per detenuti e cittadini. Il cartellone è ricchissimo e "7 minuti" è andato subito in sold out, vista la particolarità del cast, per la prima volta composto da detenuti di alta sicurezza
Giovedì 17 Novembre 2022

Il garante: "L'obiettivo è reinserire i detenuti in società"

https://www.youtube.com/embed/QKUMJXvtrhQ  
Mercoledì 16 Novembre 2022

Genova, l'avvocato Stefano Sambugaro nominato garante per i diritti dei detenuti

"La pena dei detenuti è quella stabilita dalla legge
Venerdì 14 Ottobre 2022

Carcere di Marassi, presentata la stagione del teatro dell'Arca. E i detenuti realizzeranno un murale

Tanti gli spettacoli in programma per detenuti e cittadini
Giovedì 21 Aprile 2022

"Delirio di una notte d'estate", i detenuti di Marassi in scena fino al 24 aprile

Lo spettacolo di Teatro Necessario alla Corte è una rivisitazione tratta da Shakespeare e vede sul palcoscenico detenuti e attori professionisti
Giovedì 14 Aprile 2022

I detenuti di Marassi tornano in scena con Shakespeare: "Ci era mancato il teatro"

Appuntamento alla Corte dal 19 al 24 aprile con "Delirio di una notte d'estate"
Sabato 22 Aprile 2023

Genova, i detenuti al lavoro per ripulire i giardini della Val Bisagno

Il presidente del municipio Bassa val Bisagno Angelo Guidi: " Si tratta di un'iniziativa che tutti auspicavano, che abbiamo voluto portare avanti con determinazione e che permette la realizzazione di un lavoro socialmente utile per la nostra comunità"
Venerdì 24 Febbraio 2023

Due detenuti indagati per la morte di Luca Volpe, giovane che uccise nonno a coltellate

A causare la morte del giovane sarebbero state le conseguenze di una lite avvenuta la sera precedente
Sabato 24 Dicembre 2022

Genova, trovano cellulari in cella: due agenti aggrediti da sei detenuti

Trasferiti al pronto soccorso del San Martino. I sindacati: "I detenuti che non vogliono essere sottoporsi al trattamento e che aggrediscono uomini e donne dello stato devono essere collocati in regimi stringenti"
Venerdì 23 Dicembre 2022

Carceri, il nuovo garante: "Natale giorno più duro per i detenuti"

Doriano Saracino è il nuovo garante regionale dei detenuti: "Salute e formazione per lavorare sul reinserimento"
Giovedì 22 Dicembre 2022

Carceri, ecco il nuovo 'garante dei detenuti' liguri

Lo scopo è quello, si di assicurare una pena per chi sbaglia, ma di farlo in modo che essa sia caratterizzata da comportamenti civili e non disumanizzanti
Sabato 01 Ottobre 2022

Genova, presidio anarchici in solidarietà dei detenuti di Marassi

I manifestanti dicono anche no all' estradizione di due insurrezionalisti reclusi per scontri di piazza
Domenica 24 Luglio 2022

Carcere di Sanremo, detenuti danno fuoco alla propria cella: 50 evacuati

Il segretario Uil Pagani: "Polizia Penitenziaria non deve essere l’agnello sacrificale del sistema"
Mercoledì 29 Giugno 2022

Nel carcere di Marassi ancora un cellulare trovato in mano ai detenuti

Solo qualche giorno fa una donna ha tentato di portare droga al convivente detenuto nel carcere, trovato poi in possesso di un cellulare
Domenica 29 Maggio 2022

Carcere di Imperia, rivolta dei detenuti

Rivolta dei reclusi nel carcere di Imperia. Una trentina dei settantasette detenuti hanno "praticamente preso possesso del secondo piano del penitenziario - dice il segretario della Uil Penitenziaria, Fabio Pagani - approfittando del fatto di trovarsi fuori dalle celle, in un momento di convivialità
Mercoledì 04 Maggio 2022

Sanremo: agente penitenziario accerchiato e preso a schiaffi da detenuti

Un agente della polizia penitenziaria, in servizio nel carcere di Sanremo, è stato accerchiato da una decina di detenuti e uno di loro lo ha schiaffeggiato dopo aver cercato di prendergli le chiavi. Il detenuto gli ha anche strappato via la radio e il telefono di servizio, spintonandolo fino a sping
Domenica 06 Marzo 2022

Genova, distillavano grappa in cella: nei guai detenuti del carcere di Marassi

GENOVA-Stavano facendo macerare della frutta per poi farla diventare grappa. La polizia penitenziaria ha scoperto così, durante la perquisizione di una cella occupata da detenuti sudamericani, uno smartphone di ultima generazione e due secchi di frutta macerata. Gli uomini si trovano al quarto pian
Mercoledì 26 Gennaio 2022

Covid, cluster nel carcere di Marassi: più di 100 detenuti positivi

A preoccupare non solo l'aumento dei contagiati ma anche la velocità con cui il numero si impenna: solo sei giorni fa erano solo 63