Cultura e spettacolo

Appuntamento alla Corte dal 19 al 24 aprile con "Delirio di una notte d'estate"
3 minuti e 49 secondi di lettura

GENOVA - Tornano a teatro i detenuti della casa circondariale di Genova Marassi che dal 19 al 24 aprile al Teatro Ivo Chiesa porteranno in scena "Delirio di una notte d'estate", una rivisitazione da Shakespeare. E i più contenti sono proprio loro, i detenuti, che possono tornare sul palcoscenico a incontrare la città.

"Inizia a fare lo spettacolo per passare il tempo, poi ti affezioni e non potendolo fare ti manca a livello psicologico ed emotivo: l'anno scorso lo abbiamo fatto in streaming, ma non è come farlo dal vivo"

A parlare è Giorgio che è alla sua ottava rappresentazione e che ormai è un attore provetto: "Il mio ruolo di quest'anno è una presa in giro di quello che nasce come una presa in giro ovvero sarò una drag queen, ma una drag casalinga, un po' ruspante e romagnola: si tratta di uno spettacolo molto divertente, anche se credo che Shakespeare potrebbe rivoltarsi nella tomba con questo allestimento", scherza raccontando a Primocanale quello che farà in scena alla Corte. E gli fa eco Sahid: "Per me è stata la prima volta che faccio questo percorso: non ero mai andato a teatro prima ed è stata una bellissima esperienza". Ma poi Giorgio spiega il significato di questo progetto: "Ogni anno cambia la compagnia: è un bene perché se ne va, una sfiga per chi come me rimane", ironizza. 

"Quello che è certo è che si crea una bellissima coesione sia con gli attori esterni che con noi detenuti: una sintonia, un divertimento comune, una voglia di fare generale che riusciamo poi a trasmettere questo nostro entusiasmo anche al pubblico che ci viene a vedere"

La pandemia negli ultimi due anni ha pesato anche sull'attività di Teatro Necessario che dal 2005 ogni anno prepara uno spettacolo, con la regia di Sandro Baldacci e la partecipazione di attori professionisti, per presentarlo al pubblico su uno dei palchi cittadini. L'anno scorso, "Profughi da tre soldi" aveva debuttato online. Il progetto prevede ogni anno la creazione di uno spettacolo in una rilettura che possa far riflettere chi partecipa, che sia da spettatore o da protagonista, su una determinata tematica. "Mai più intitolerò uno spettacolo 'delirio' perché è stato un vero delirio, non abbiamo mai provato con tutti gli attori in scena a causa delle restrizioni del Covid-19", racconta Baldacci. "Nonostante tutto siamo qua, dopo due anni di pandemia volevamo realizzare uno spettacolo più leggero, ironico, divertente: così i folletti e spiritelli che affollano l'universo shakespeariano sono soliti somministrare, al posto di filtri e pozioni, potenti sostanze chimiche e droghe, forse meno poetiche, ma dal sicuro effetto". 

"Le recite al Teatro dell'Arca per le classi delle scuole sono già tutte esaurite e siamo contenti per questo traguardo"

Nel 2013 è stato costruito il Teatro dell'Arca con l'aiuto dei detenuti proprio all'interno del carcere, dove questo allestimento inaugurerà la seconda parte della stagione: ogni anno viene proposta una serie di spettacoli che vanno in scena sia per il personale e le persone detenute, sia per il pubblico genovese e soprattutto le scuole. Il Teatro dell'Arca è sia spazio di libertà per i detenuti sia luogo di incontro tra carcere e città, spesso visti come due mondi lontani e ben separati. La Casa Circondariale di Marassi, invece, è inserita nel centro città e il reinserimento sociale è la principale finalità che ogni direttore si propone. Come Tullia Ardito, che è arrivata da un mese a ricoprire questo ruolo e che ha ben capito l'importanza di Teatro Necessario: "Si tratta di un'esperienza di gran valore. Per me è la prima volta che dirigo un carcere con una compagnia teatrale all'interno e lo sosterremo, come sempre stato fatto da tutti i precedenti direttori, cercando di collegarlo molto alla formazione professionale perché non sia un percorso fine a sé stesso"

"Puntiamo ad aumentare i corsi professionalizzanti in modo tale che i detenuti, una volta usciti dal penitenziario, avranno in mano un attestato spendibile nel mondo del lavoro, magari anche in campo teatrale"

E il cast, che vede la partecipazione di Igor Chierici e Cristina Pasino, ma anche di Luca Cicolella e Caterina Bonanni, ma soprattutto Giorgio, Sahid e altri detenuti è lieto di poter festeggiare il ritorno ad una quasi normalità per la 'scatenata' compagnia. La pandemia è un ricordo molto nitido ed è stato ancor più di isolamento per i detenuti, che per evitare il dilagare del virus nella struttura hanno dovuto osservare quarantene più stringenti, come ricordano Giorgio e Sahid. 

"Sono stati molto difficili perché siamo stati chiusi h24 nelle nostre celle, senza teatro, senza scuola, senza lavoro o altre attività per noi è stato davvero difficile. Ognuno di noi ha delle persone care al di fuori ed è stato molto doloroso non poterle incontrare per tanto tempo"

 

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 05 Aprile 2022

La musica del Teatro Carlo Felice suona per la Liguria, via al ciclo di concerti gratuiti

GENOVA - L'orchestra del Teatro Carlo Felice suona per la Liguria e si apre al territorio, uscendo dal palcoscenico e dalla scena genovese: con la collaborazione di Regione, via al ciclo di concerti che porterà la musica dalla Chiesa del Gesù di Genova venerdì 8 aprile alle 21 alla Concattedrale dei
Giovedì 31 Marzo 2022

I bimbi dell'asilo musicale 'dirigono' l'orchestra del Teatro Carlo Felice

Una lezione 'speciale' per i bambini di Villa Dufour con il maestro Donato Renzetti. A 5 anni hanno già le idee chiare su quali siano i loro strumenti preferiti
Martedì 15 Marzo 2022

Teatro Carlo Felice, riecco "Manon Lescaut": il ritorno dopo 14 anni di assenza

Appuntamento con la prima venerdì 25 marzo: sul podio il maestro Donato Renzetti
Lunedì 14 Marzo 2022

"Ma se ghe penso" diventa un musical, al Teatro Carlo Felice è in scena "Zena"

La commedia musicale commissionata a Fabrizio Lamberti sarà allestita nel primo foyer fino al 23 aprile
Giovedì 10 Marzo 2022

Il Teatro Carlo Felice presenta le nuove collaborazioni artistiche e sospende concerto da San Pietroburgo

GENOVA - Una squadra di grande valore ed esperienza per le collaborazioni artistiche del Teatro Carlo Felice per il periodo 2022-2025: Fabio Luisi come direttore onorario, Donato Renzetti come direttore emerito, Riccardo Minasi come direttore musicale e Francesco Filidei come compositore in residenz
Martedì 08 Marzo 2022

"Voci di donne liguri", al Teatro Carlo Felice serata 'tra ragazze' per l'8 marzo

La bella iniziativa gratuita organizzata per le donne e con le donne
Sabato 05 Marzo 2022

Ecco "Zena", il musical dedicato alla città debutta al Teatro Carlo Felice

GENOVA - La canzone "Ma se ghe pensu" diventa uno spettacolo grazie al Teatro Carlo Felice, che ha commissionato un vero e proprio musical da dedicare alla città di Genova. Così nasce "Zena - Il viaggio di un emigrante", uno spettacolo in atto unico che sarà dedicato alla nostalgia che si prova lont
Martedì 01 Marzo 2022

"Voci di donne liguri", al Teatro Carlo Felice l'8 marzo evento al femminile

Le eccellenze della Liguria protagoniste in occasione della Giornata Internazionale della Donna: appuntamento alle 18
Mercoledì 02 Marzo 2022

Ucraina, il teatro Govi rinvia il Festival di letteratura russa dedicato a Dostoevskij tra le polemiche: "Si farà con la pace"

I cittadini: "Mi aspetto i roghi delle opere di grandi autori russi", "Brutto, bruttissimo clima". La replica: "Non si tratta di censura, ma di un atto simbolico, forse ci siamo spiegati male"
Lunedì 28 Marzo 2022

Davagna, il cadavere ritrovato in un rio è della donna scomparsa a Marassi

Giuseppina, 73 anni, era scomparsa nel mese di febbraio da via Biga
Martedì 22 Marzo 2022

Genova, imbrattano cancellata stadio Marassi: denunciati due ultrà

Due tifosi doriani fermati dalla polizia nei pressi della gradinata Sud
Lunedì 11 Aprile 2022

Marassi, San Fruttuoso e Quezzi: la Val Bisagno si fa bella grazie ai 'volontari'

Cinque persone, definite dallo Stato 'soggetti disagiati', ormai da mesi dipingono le ringhiere di alcune vie dei quartieri della Val Bisagno
Domenica 06 Marzo 2022

Genova, distillavano grappa in cella: nei guai detenuti del carcere di Marassi

GENOVA-Stavano facendo macerare della frutta per poi farla diventare grappa. La polizia penitenziaria ha scoperto così, durante la perquisizione di una cella occupata da detenuti sudamericani, uno smartphone di ultima generazione e due secchi di frutta macerata. Gli uomini si trovano al quarto pian
Venerdì 04 Marzo 2022

Genova, imbrattato con svastiche hub vaccinale del Teatro della Gioventù

GENOVA - Un gesto assurdo ma sfortunatamente non un caso isolato. Questa mattina sono comparse delle svastiche disegnate con un pennarello sui pannelli dell'ingresso dell'hub vaccinale del Teatro della Gioventu', nel centro cittadino di Genova. Dopo la segnalazione da parte dei gestori dell'hub, su
Martedì 08 Febbraio 2022

Genova, incidente a Marassi: 90enne in codice rosso

GENOVA - È stato trasportato in ospedale in codice rosso un uomo di 90 anni investito da un autobus. Secondo una prima ricostruzione l'uomo avrebbe attraversato fuori dalle strisce pedonali ed è stato travolto dal mezzo. Il fatto è successo in via Pinetti a Marassi, dove si sono precipitati gli ope
Venerdì 11 Marzo 2022

Genova, sabato 12 raccolta del Civ di Marassi per Ucraina

Appuntamento in corso De Stefanis e via Tortosa dalle 8:30 alle 18:30
Giovedì 10 Marzo 2022

Sampdoria, sabato a Marassi raccolta beni per Ucraina

In occasione del march contro la Juventus verranno allestiti due punti dove consegnare medicinali e alimenti
Mercoledì 26 Gennaio 2022

Covid, cluster nel carcere di Marassi: più di 100 detenuti positivi

A preoccupare non solo l'aumento dei contagiati ma anche la velocità con cui il numero si impenna: solo sei giorni fa erano solo 63
Martedì 08 Marzo 2022

Ucraina, da Genova Marassi partono aiuti e disegni dei bambini

GENOVA - La guerra in ucraina ha scosso profondamente la coscienza dei liguri, che hanno subito dato vita a tante iniziative di solidarietà. Una di queste parte da Marassi: "Abbiamo deciso di dare il nostro contributo per questa emergenza umanitaria - spiega Roberta Toscano, presidente del Civ "Nel