CRONACA

I giudici hanno confermato la confisca dell'imbarcazione

Force blue: reati prescritti a Briatore, confiscati yacht e 3,6 milioni di euro

venerdý 04 ottobre 2019
Force blue: reati prescritti a Briatore, confiscati yacht e 3,6 milioni di euro

GENOVA - Il megayacht Force Blue deve andare allo Stato. I giudici della corte d'appello di Genova hanno confermato la confisca del natante mentre hanno prosciolto Flavio Briatore e altre tre persone per "intervenuta prescrizione". Il processo in secondo grado era stato celebrato dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio la precedente condanna a un anno e sei mesi.

I giudici del processo bis hanno anche confermato la confisca, in solido, di 3 milioni e 600 mila euro ai quattro imputati. Una sentenza che "verra' impugnata - ha spiegato uno dei legali - soprattutto nella parte che prevede la confisca". Il dibattimento bis in appello riguardava le accuse sull'omesso versamento Iva all'importazione, mentre gli Ermellini avevano gia' fatto decadere quelle relative alle fatture inesistenti.

Lo yacht fu sequestrato dalla guardia di finanza nel maggio 2010 al largo della Spezia mentre a bordo c'erano Elisabetta Gregoraci, col figlioletto, e una ventina di membri dell'equipaggio. Secondo l'imputazione originaria, Briatore e gli altri avrebbero simulato un'attivita' commerciale di noleggio che avrebbe consentito di utilizzare il Force Blue per uso diportistico in acque territoriali italiane dal luglio 2006 al maggio 2010 senza versare la dovuta Iva all'importazione per 3,6 milioni di euro. In primo grado il manager era stato condannato un anno e 11 mesi; pena poi ridotta in appello a un anno e sei mesi.

Da quella inchiesta era nato un filone per corruzione nel quale era indagato lo stesso Briatore. L'indagine dovrebbe chiudersi nelle prossime settimane. Secondo l'accusa, sostenuta dai pm Walter Cotugno e Patrizia Petruzziello, Pardini avrebbe dovuto chiudere la transazione fiscale del manager aggiungendo nel documento un riferimento alla incertezza normativa da potere usare nel processo di secondo grado a carico di Briatore per farlo assolvere e fargli riavere lo yacht Force Blue.

In cambio, il manager avrebbe mandato clienti vip nel resort di Pardini in Kenya. Pardini era finito ai domiciliari come il commercialista di Briatore, Andrea Parolini. Due funzionarie del Fisco, Elena Costa e Claudia Sergi, erano state interdette per un mese dalle loro funzioni.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place