Commenti

GENOVA - Quel cinghiale che arriva sulla spiaggia di Sturla e assale una signora di 58 anni, che aveva appena finito di mangiarsi una pizza in riva al mare e le addenta un braccio, segna un confine. Attenzione, c’è un’altra Genova sotto quella delle grandi opere che sembrano occupare tutto l’orizzonte. Il Water front di Levante di Renzo Piano e le sue affascinanti visioni dell’acqua che riconquista spazio e regala vita. La Grande Diga messa in discussione per il suo costo così salito. Le infrastrutture in costruzione, come il Terzo Valico, il Nodo ferroviario, la metropolitana, lo sky tram, Erzelli, la grande scommessa sotto il cielo più bello di Genova. Il ribaltamento a mare della Fincantieri a Sestri Ponente, l’Hennebique con quei fiumi sotterranei che lo hanno incatenato nella sua possibile ricostruzione. Il nuovo Ospedale Galliera, la Funivia dal Porto Antico a Begato. 

Potremmo continuare, ma quel morso di cinghiale ci ricorda che non si può perdere di vista quell’altra città, che bolle sotto le grandi visioni, scommesse, speranze del futuro più o meno prossimo.

Intanto ci sono 15 mila cinghiali che scorrazzano sul bordo dei nostri confini verdi e oramai sfondano, entrano, scendono, invadono, ora addirittura assaltano e sono una presenza costante del nostro panorama. Non sono stati fermati: prima c’era il lock down, poi è arrivata la peste suina e gli invasori si sono moltiplicati. Come fermarli?

E poi ci sono le bande di minori, le minigang, che imperversano non solo a Quinto, ma in tanti altri quartieri della città, sfidandosi nelle notti estive in vere battaglie, un inedito assoluto per una città tranquilla, dove il problema notturno era sempre stato concentrato nella movida del centro storico, che faceva tremare solo i caruggi.

E poi ci sono gli episodi violenti come quello di Circonvallazione a Monte, dove una vera battaglia entica è scoppiata tra giovanissimi rifugiati in una delle zone più tranquille dei quartieri borghesi per definizione. In cima a salita San Rocchino, tra un convento di suore e una palazzina che i proprietari avevano affittato a un cooperativa solidale per ospitare, appunto, minori rifugiati.

E così, in questo piccolo angolo riservato della Genova più understatment che ci sia, passo dell’Acquidotto, corso Armellini l’Ospedale Evangelico, è esplosa una miccia di violenza mai vista, neppure quando i black bloc del G8 scorrazzavano, incendiando le macchine intorno a Piazza Manin.

E il serpente della violenza ha incominciato a strisciare un po’ ovunque, rapine a Brignole, proteste nella zona del Molo, dove molti ragazzi minori non accompagnati sono stati sistemati nella storico Massoero e poi quel Levante  dove si è spostata quella che adesso chiamano la “mala movida”.

In questo contorno l’emergenza dell’accoglienza suona forte perché i disagi nascono da come viene gestita in una catena di solidarietà che Genova ha nella sua nobile tradizione, ma che ora deve fare fronte a numeri mai visti, non solo di minori, come urla da tempo don Martino, il sacerdote, delegato dal vescovo Marco Tasca  a gestire i migranti per la Chiesa genovese.

La trincea numero uno della città è allora quella che da qualche settimana deve presidiare il nuovo assessore ai Servizi Sociali, Lorenza Rosso, avvocato di tante competenze, che Bucci ha scelto per il ruolo sicuramente più impegnativo nella prospettiva dei tempi duri che stanno per arrivare.

Genova è anziana, sempre più rarefatta nei suoi nuclei famigliari, nei quali i single di ogni età, ma soprattutto di quella più avanzata, stanno raggiungendo il numero delle famiglie. Prevalentemente è una città di donne, anziane e sole.

Allora il vecchio progetto che la giunta di Beppe Pericu, l’indimenticabile grande sindaco, e l’assessore di allora, Alberto Veardo, avevano incominciato a costruire per un Piano Regolatore Sociale, coalizzando tante competenze e tante spinte di solidarietà delle quali Genova è piena, dovrebbe essere ritirato fuori dai cassetti. O riscritto sulle esigenze di oggi.

E’ giusto che si spinga sull’ottimismo del fare, sulle grandi opere che cambiano il mood della città, sugli investimenti che chiamano altri investimenti e attraggono e trasformano una città troppo ferma per decenni. Come fa il sindaco Bucci.

Ma guai a dimenticarsi della città dei deboli, dei fragili.

Quel cinghiale che morde a Sturla e quella violenza che serpeggia nelle strade, perfino nei quartieri più tranquilli di una estate di fuoco in tutti i sensi, l’epidemia che “brucia” ancora, e come,  sono segnali che vanno raccolti in tempi così duri come quelli che viviamo.

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 12 Luglio 2022

Cinghiali, Bruzzone (Lega): "Chi è contro abbattimento è complice omicidio"

Il senatore della Lega attacca: "Ci sono troppi cinghiali e serve un intervento immediato per limitare il numero di suini sul territorio"
Giovedì 14 Luglio 2022

Guerriglia al centro minori di Castelletto: due ospiti della struttura denunciati

I carabinieri, al termine di alcuni accertamenti, hanno identificato e denunciavano in stato di libertà per furto, danneggiamento, imbrattamento e percosse, due cittadini egiziani ospiti della struttura
Giovedì 14 Luglio 2022

Genova, ventenne rapinato della collanina da una baby gang

L'aggressione ieri sera nella stazione di Voltri: indagini di carabinieri e polizia
Giovedì 14 Luglio 2022

Cinghiali a Genova, piano di contenimento: reti per peste suina estese ai confini della città

I lotti già installati sono posizionati tra Tiglieto e Mele e in via di posizionamento tra Casella e Montoggio
Mercoledì 13 Luglio 2022

Emergenza minori non accompagnati: dopo la guerriglia Castelletto chiede più vigilanza

Un abitante: "I gestori dei centri inadeguati". Tensione anche per gli ospiti del Massoero al Molo. Carratù (Municipio Centro Est): "Serve più vigilanza". Ma nei vicoli c'è anche chi invita alla tolleranza
Giovedì 14 Luglio 2022

Cinghiali, nuova richiesta al Governo di gestione dell'emergenza. Piana: "Ribadito il bisogno di estendere periodo di caccia"

Il problema del gran numero di ungulati presenti in Liguria come in altre regioni continua a riproporsi. Ha fatto il giro d'Italia la notizia di una genovese morsa da un cinghiale mentre si trovava sulla spiaggia libera di Sturla
Mercoledì 13 Luglio 2022

Genova, gang di minori stranieri rapina passante a Brignole: due denunce

E' successo ai giardini di Brignole, subito dopo i poliziotti hanno bloccato due giovani in stazione
Mercoledì 13 Luglio 2022

Genova, cinghiali a spasso in Sopraelevata. Il Comune studia il 'metodo recinzioni'

Ancora una segnalazione in città. L'assessore alla sicurezza Gambino: "A causa della particolare conformazione del nostro territorio, non è certamente di semplice attuazione"
Lunedì 11 Luglio 2022

Condanna a 5 anni in Moldavia per sfruttamento minori, arrestato a Loano

Era in albergo Loano, fermato su mandato arresto internazionale
Venerdì 08 Luglio 2022

Genova, minori stranieri: dopo la guerriglia interviene il prefetto

Lunedì 18 luglio vertice con Comune, Regione e forze di polizia. L'assessore Rosso: "Dietro flusso di giovani migranti una tratta"
Sabato 02 Luglio 2022

Genova, rapina a bordo di un treno: è allarme per le baby gang magrebine

L'emergenza dei giardini di Quinto: serve ordinanza anti alcol del Comune per il levante. Anche ieri altri giovanissimi stranieri non accompagnati si sono presentati davanti alla questura
Martedì 05 Luglio 2022

Genova, cinghiali distruggono l'aiuola di viale Brigate Partigiane

L'evento non stupisce però i genovesi, che da tempo fanno i conti con famiglie intere di ungulati in città per cercare cibo
Martedì 21 Giugno 2022

Quinto: baby gang di ragazze ai giardini, naso fratturato a sedicenne

La vittima circondata dal branco e colpita con un pugno al viso da una diciottenne. Otto denunce
Mercoledì 29 Giugno 2022

Dall'archivio storico di Primocanale, 2005: baby gang ruba tavolo alla stazione

Il filmato dell'archivio storico di oggi si riferisce ad un fatto di cronaca molto curioso avvenuto il 25 gennaio 2005, quando sette giovani residenti tra la Val Polcevera e la Valle Scrivia – tutti minorenni, fra loro anche una ragazza – avendo evidentemente bisogno di un tavolo per la casa di uno
Lunedì 06 Giugno 2022

Festa dei carabinieri: sul fenomeno baby gang "risultati importanti ma serve l'intervento dei genitori"

Circa 70 persone arrestate e 500 denunce per furti e rapine mentre sono stati circa 100 gli arresti per traffico di droga e oltre 150 le denunce