Cronaca

L'emergenza dei giardini di Quinto: serve ordinanza anti alcol del Comune per il levante. Anche ieri altri giovanissimi stranieri non accompagnati si sono presentati davanti alla questura
1 minuto e 48 secondi di lettura

GENOVA - Rapinato della collanina a bordo di un treno regionale: vittima un passeggero genovese che ieri mattina prima delle sei del mattino era su un treno diretto da ponente verso Genova. Ad assalire e strappare la collana all'uomo due ragazzi giovani, due nordafricani forse minorenni, poi fuggiti alla prima fermata del convoglio, nella stazione di Sestri Ponente.

Le indagini per rintracciare i due rapinatori sono state avviate dagli agenti della polizia ferroviaria e delle volanti della questura.

Questo fatto di cronaca riporta di attualità il fenomeno dei minori stranieri non accompagnati che giungono in Italia e per per le normative internazionali devono essere accolti e aiutati ad inserirsi nel mondo scolastico. Il loro numero negli ultimi mesi è aumentato a dismisura tanto da fare pensare che dietro il loro arrivo ci possa essere un'associazione che li incentiva per guadagnare su questo traffico di minori.

I minori non accompagnati si presentano in un questura o in una caserma dei carabinieri con una valigia e a quel punto scatta il piano di presa in carico dei servizio sociali del Comune, anche nelle ultime sere ne sono arrivati sei fra questura e alcune caserme: erano tutti egiziani.

Il problema è stato sollevato anche dal neo assessore alla Sicurezza di Genova Sergio Gambino parlando a Primocanale dell'emergenza della malamovida nei giardini di Quinto: una realtà dove però i problemi sono nati subito dopo il lockdown di due anni fa, quando i ragazzi dopo essere costretti a stare casa si sono riversati in massa nei punti di aggregazione, dal centro storico a Castelletto, a Nervi e sino ai giardini di Quinto. Le prime tensione ai giardini di via Gianelli erano nate fra compagnie di ragazzi genovesi, o anche arrivati dal Basso Piemonte grazie alla vicinanza della stazione ferroviaria (LEGGI QUI).

Negli ultimi mesi i problemi si sono acuti con la presenza di baby gang di minori nordafricani, che fra l'altro si accompagnano spesso con ragazzine genovesi. Uno dei nodi da risolvere a Quinto è la vendita di alcolici da parte di un market della zona aperto sino a tardi: per questo gli abitanti reclamano da palazzo Tursi un'ordinanza ad hoc come già è stato fatto per altri quartieri di Genova.

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 02 Luglio 2022

Risse a Genova Quinto, l'assessore alla sicurezza: "Un problema sociale di minori stranieri non accompagnati"

E il Pd punta il dito: "Colpa dell'assenza di politiche sociali negli ultimi 5 anni"
Mercoledì 29 Giugno 2022

Dall'archivio storico di Primocanale, 2005: baby gang ruba tavolo alla stazione

Il filmato dell'archivio storico di oggi si riferisce ad un fatto di cronaca molto curioso avvenuto il 25 gennaio 2005, quando sette giovani residenti tra la Val Polcevera e la Valle Scrivia – tutti minorenni, fra loro anche una ragazza – avendo evidentemente bisogno di un tavolo per la casa di uno
Martedì 21 Giugno 2022

Quinto: baby gang di ragazze ai giardini, naso fratturato a sedicenne

La vittima circondata dal branco e colpita con un pugno al viso da una diciottenne. Otto denunce