Cultura e spettacolo

Condanna da parte delle istituzioni delle modalità di questa protesta, che ha impedito al pubblico di vedere l'allestimento per alcune ore
3 minuti e 53 secondi di lettura

GENOVA - "Il gesto di oggi avrebbe offeso moltissimo Artemisia perché lei, come ho cercato di raccontare veramente a tanti pubblici diversi, è sempre stata molto sensibile rispetto a questi temi della violenza e della parità di genere, temi all'ordine del giorno che l'arte di Artemisia ci consente di trattare e di raccontare in modo diverso con la forza delle sue immagini": al di là di come la si pensi su quella divisiva stanza dello stupro, la condanna nei confronti del gesto dei tre attivisti di "Bruciamo tutto" è arrivata unanime da parte della città di Genova, anche dalla curatrice e storica dell'arte Anna Orlando che ha voluto ricordare il significato delle opere di un'artista eccezionale. Un'artista che emerge pienamente dall'allestimento di Arthemisia a Palazzo Ducale, che ha portato in città tanti visitatori e che ha destato grande attenzione nel panorama dell'arte nazionale. Un allestimento attuale, capace di coniugare le potenzialità offerte dalla tecnologia con le opere scelte dalla curatela di Costantino D'Orazio e abbinate anche ad una selezione di opere legate anche alle altre donne del suo tempo e a Genova. Un allestimento sicuramente potente, che arriva come un pugno allo stomaco, nella scelta di raccontare in una stanza immersiva la violenza subita dall'amico e collega del padre, Agostino Tassi: nella stanza buia le parole pronunciate dalla pittrice al processo contro il suo violentatore riecheggiano mentre il letto e le pareti si tingono di sangue. Lo stesso sangue che sgorga copioso nelle opere dove Artemisia si 'vendica' attraverso l'arte, ristabilendo la giustizia che a lei fu negata. 

Genova, blitz di tre attivisti alla mostra di Artemisia: vernice rossa e teli neri sui quadri dello stupratore - LA NOTIZIA

"Questa artista ha lottato con la forza delle sue immagini, ha lottato con i suoi quadri dove racconta sempre sé stessa. È sempre lei. La vedete che ci guarda e trionfa sul male subito. Quindi questi sono messaggi positivi, messaggi di reazione e di azione, dove la violenza è simbolica, è la condanna del male. Quindi penso che un gesto come questo, che è negativo nella sua totalità, non sarebbe stato apprezzato neanche da Artemisia, che era una donna, non era una femminista, al di là delle prese di posizioni politiche e delle strumentalizzazioni politiche", spiega Orlando a Primocanale. 

Artemisia e quella "stanza dello stupro" che divide a Palazzo Ducale - L'OPINIONE

Oggetto di contestazione è stata anche la presenza di tre opere di Agostino Tassi all'interno della mostra, opere che permettono di conoscere meglio il contesto in cui operava Orazio Gentileschi e lo stesso Tassi. Le opere - di cui erano in vendita al bookshop anche alcuni gadget - sono state "oscurate" da dei teli neri da parte del collettivo, costola di "Ultima generazione", il gruppo che solitamente fa questo tipo di dimostrazioni e proteste per riportare l'attenzione sui cambiamenti climatici. Ma questa volta è l'istanza 'femminista' ad aver spinto i tre giovani, due ragazzi e una ragazza di età tra i 25 e i 30 anni, a manifestare. I tre lombardi, per cui è stato promulgato un foglio di via, hanno scritto accanto alle opere del pittore il nome dell'ultima vittima di femminicidio in Italia, Joy Omoragbon: si tratta di una donna di 49 anni e di origini nigeriane, uccisa a coltellate probabilmente dal compagno a Cologno al Serio, in provincia di Bergamo.

 Su Primocanale è intervenuto anche il presidente di Fondazione Palazzo Ducale, Beppe Costa, che ha condannato le modalità della protesta, con grande dispiacere nei confronti di chi non ha potuto accedere alla Cappella del Doge, pur avendo acquistato con anticipo il biglietto.

"Naturalmente non sono contrario all'espressione delle proprie opinioni, ma ritengo che vada fatto tenendo conto anche della libertà degli altri. E oggi c'erano moltissimi visitatori a cui è stato negato il diritto di vedere la mostra"

"Ringrazio polizia e carabinieri per l'intervento e per la celerità dei rilievi condotti. E ringrazio anche il personale di Palazzo Ducale e della società Arthemisia che hanno consentito di riaprire l'esposizione già nel pomeriggio". Chiara la condanna, invece, del presidente e assessore alla cultura di Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha espresso solidarietà alla struttura e condannato fermamente le azioni delle attiviste: "Un modo di esprimere il dissenso che condanniamo fermamente perché l’arte non va mai censurata, anche se una mostra non piace". 

"Non è con gesti violenti e incivili che si combatte violenza e inciviltà. E vale anche per la violenza di genere. Anzi, forse in particolare per la violenza di genere. Un’opera e il luogo che le ospita non sono un tiro a segno ma rappresentano il lavoro, i sacrifici e l’impegno di tante persone”

 

ARTICOLI CORRELATI

Venerdì 29 Marzo 2024

Genova, blitz di tre attivisti alla mostra di Artemisia: vernice rossa e teli neri sui quadri dello stupratore

Tre giovani di "Bruciamo tutto", legati al collettivo di "Ultima generazione", hanno contestato la spettacolarizzazione dello stupro e la presenza dei quadri di Agostino Tassi. I tre sono stati portati via di peso dalle forze dell'ordine
Martedì 13 Febbraio 2024

Artemisia e quella "stanza dello stupro" che divide a Palazzo Ducale

C'è qualcosa che non comprendo fino in fondo nelle polemiche che avvolgono da diverse settimane la soprannominata "stanza dello stupro" nella mostra che porta a Palazzo Ducale la forza e la storia di una pittrice straordinaria come Artemisia Gentileschi, una donna prima di tutto simbolo dell'intrapr
Lunedì 26 Febbraio 2024

Dal coro Monte Cauriol a Danilo Rea e Artemisia: la settimana al Teatro Sociale di Camogli

Tanti appuntamenti in programma che vanno dal jazz alla prosa, dalla musica corale alla storia dell'arte
Lunedì 12 Febbraio 2024

Artemisia a Palazzo Ducale, un cartello di avviso per "la stanza dello stupro"

GENOVA - Una stanza in penombra, un letto che si colora di sangue, le parole che riecheggiano nella sala, che Artemisia Gentileschi usò nel 1612 per difendersi dal suo stupratore, Agostino Tassi: al centro delle polemiche da diverse settimane c'è la ribattezzata "stanza dello stupro", all'interno de
Sabato 10 Febbraio 2024

Artemisia e il no alla violenza sulle donne all'ingresso del Festival di Sanremo

SANREMO - Artemisia osserva tutti, cantanti, giornalisti e l'immensa macchina del Festival di Sanremo al Teatro Ariston. Dagli occhi della sua Giuditta con in mano la testa di Oloferne arriva il suo monito, il suo no alla violenza sulle donne, con quell'espressione fiera che rivendica la parità di g
Giovedì 01 Febbraio 2024

La Liguria al Festival di Sanremo con mortaio gigante, Artemisia e baci da cartolina

GENOVA - La Liguria va al Festival di Sanremo: anche quest'anno la vetrina offerta da un evento di portata nazionale come la kermesse canora, giunta alla 74esima edizione, sarà un'occasione da non perdere per promuovere il territorio. E allora sono diverse le iniziative di promozione turistica messe
Sabato 18 Novembre 2023

Vittorio Sgarbi al Ducale: “Con Artemisia si racconta una storia contemporanea”

Il celebre critico d'arte è stato la guest star della presentazione della mostra
Venerdì 17 Novembre 2023

Da Artemisia Gentileschi al 'Werther', gli appuntamenti del weekend in Liguria

A Murta secondo fine settimana dedicato alla Festa della zucca, a Rapallo 1^ edizione della Festa del Cioccolato Artigianale
Mercoledì 15 Novembre 2023

A Palazzo Ducale il coraggio e la passione di Artemisia Gentileschi

La mostra sulla grande pittrice del seicento resterà aperta fino all'1 aprile
Venerdì 06 Ottobre 2023

Artemisia Gentileschi, Calvino, McCurry e Salgado: ecco il programma di Palazzo Ducale

Fitto calendario tra mostre, incontri e festival per la stagione 2023/2024, il tutto in un anno in cui cambierà il direttore e partiranno i lavori per l'accesso a Torre Grimaldina
Venerdì 06 Ottobre 2023

Palazzo Ducale svela il programma, da Calvino ad Artemisia e McCurry

Gli appuntamenti a Palazzo per il 2023/2024, aspettando il nuovo direttore