Cultura e spettacolo

Sabato alle ore 18 il concerto gratuito al Teatro Carlo Felice del cantante genovese assieme alla moglie, il soprano Serena Gamberoni, e i ragazzi dell'Accademia di Alto Perfezionamento in occasione del conferimento della Croce di San Giorgio
8 minuti e 4 secondi di lettura

GENOVA - Ha calcato la scena sui palchi più importanti al mondo, da Parigi a New York, da Vienna a Tokyo, interpretato più di 50 ruoli e debuttato a soli 23 anni al Teatro della Scala: eppure l'emozione del tenore Francesco Meli per la Croce di San Giorgio è palpabile. Il riconoscimento arriva da Regione Liguria ed è l'onorificenza più alta istituita proprio per premiare le grandi personalità artistiche liguri: prima di lui, lo hanno ricevuto il cantautore Gino Paoli e gli attori Tullio Solenghi ed Elisabetta Pozzi. In questa occasione, Meli ha dato riprova di una delle sue più grandi qualità, oltre al canto che lo rende uno dei tenori più richiesti a livello internazionale: la sua generosità, unita al grande amore per Genova. Sabato 17 febbraio alle ore 18, infatti, in occasione del conferimento della Croce d'oro, ha deciso di regalare alla città e alla regione un concerto. Con lui, la moglie e soprano Serena Gamberoni e i loro allievi dell'Accademia di Alto Perfezionamento. Lo abbiamo incontrato a Newsroom 28. 

Partiamo dal significato di questa Croce di San Giorgio...
Sì, quando mi hanno detto che mi avrebbero dato questo premio è stato una grande sorpresa perché non me l'aspettavo. Sono quelle onorificenze che vengono date ogni tanto e uno non sa neanche quasi che che esistano. Perciò per me è una grande soddisfazione e un onore enorme. Sono molto lusingato di questa considerazione che la Regione ha avuto nei miei confronti e sono molto contento di poterla condividere con gli allievi della nostra Accademia e con mia moglie, con Serena, che parteciperà al concerto e che è anche parte fondamentale della nostra Accademia.

Visto che l'Accademia di Alto perfezionamento si rivolge proprio ai giovani, quale può essere un consiglio per iniziare una carriera di questo tipo che non è assolutamente facile perseguire da una città come Genova?
Io sono cresciuto quando il Carlo Felice produceva tanto e io ho visto tanti belli spettacoli, erano anni più ricchi per i teatri italiani e sono cresciuto in un momento piuttosto florido, dal punto di vista musicale. Perciò Genova comunque è stato per me importante in tutti i casi, anche se poi sono andato a studiare a Milano col mio maestro. Dare un consiglio a un ragazzo giovane è molto difficile, perché poi ognuno ha il suo percorso e le sue caratteristiche. Sicuramente quello che mi ha sempre aiutato nel mio viaggio in questo mondo è il continuo studio. Continuare a studiare, non fermarsi mai, essere molto consapevoli dei propri limiti e delle proprie qualità. Io ai ragazzi dico sempre che bisogna avere un atteggiamento molto umile, riverente quasi nei confronti di quello che facciamo e della musica, che è talmente più grande di noi. L'altro giorno, proprio in un momento di discussione coi ragazzi, dicevo "moriremo che conosceremo probabilmente il 5% di quello che potremmo conoscere della musica. Penso a quanto c'è di più da scoprire e da poter vivere, perciò è un continuo percorso di studio, di approfondimento e di umiltà. L'umiltà è importante: bisogna essere consapevoli di quanto si è bravi, ma allo stesso tempo non deve diventare un cuscino su cui appoggiarsi questa consapevolezza. 

Qual è stato il momento in cui Francesco Meli ha realizzato il proprio sogno? Quando ha sentito di avercela fatta: il ruolo, l'allestimento, il palcoscenico?
Allora io ho cominciato che ero giovanissimo, perciò le cose sono arrivate veloci: non dico che non me ne sono neanche accorto, ma è stata un'escalation di eventi. In più l'ho fatto crescendo con Serena perché ci siamo sposati che cantavamo da poco ed è tutto cresciuto insieme, la nostra famiglia e la nostra carriera professionale. Mi ricordo quando ho fatto la prima volta l'inaugurazione della Scala, nel 2005. Avevo 25 anni, ero molto giovane e alla fine, quando tu sei lì a prendere gli applausi, a un certo punto si accendono le luci della sala e tu vedi la sala gremita di pubblico con tutti i fiori, le decorazioni, il presidente della Repubblica. Io mi ricordo che avevo per mano i miei colleghi e ho detto: "Ma cosa sta succedendo?" Perché è stata un'emozione enorme, nonostante avessi già cantato in tanti teatri. Io non penso di avercela fatta mai, neanche adesso, perché ci sono tante cose da fare e soprattutto oggi che la mia carriera ha un certo peso, io devo continuare a mantenere perché adesso è il momento più difficile. Se arrivare è un continuo lavoro per aprirsi delle nuove strade, oggi c'è la fase in cui devo confermare tutto quello che ho promesso e anche mantenuto fino ad oggi.

Tanti ruoli ancora da affrontare: quali?
Ci sono i ruoli segreti che non si possono dire e ci sono i ruoli che i melomani voglio che vogliono che io dica così mi possono sparare coi fucili. Sicuramente Otello è uno dei grandi obiettivi che ho nella mia carriera, anche abbastanza a breve termine. E poi l'ingresso molto in punta di piedi nel verismo, che è un un repertorio che io conosco molto bene ma che non ho mai affrontato e che piano piano magari cercherò di affrontare.

Al suo fianco sempre Serena Gamberoni, soprano ormai genovese d'adozione: galeotta è stata quale opera?
"L'elisir d'amore". Noi eravamo in un'accademia, avevamo vent'anni, Serena nemmeno perché c'è un breve lasso di tempo in cui ho due anni più di Serena. A scuola lei ne aveva ancora 19 e io 21. E ci siamo e ci siamo conosciuti lì, cantando, cantando un duetto dell'Elisir d'amore, dove Serena si è dimenticata le parole e ho cantato io la sua parte e niente da lì poi è nata la nostra storia che non si è mai interrotta.

Una storia d'amore, ma anche di collaborazione che ha voluto restituire tanto alla città di Genova. Intanto io voglio ricordare un momento molto significativo: il concerto di Pasqua in piena pandemia, nel 2020, e avete fatto un regalo straordinario ai liguri e ai genovesi che erano a casa, portando la musica, grazie anche alle immagini di Primocanale, nelle loro case...
Un ricordo bellissimo: io sono stato contattato da Ilaria Cavo per fare un concerto in Duomo e farlo io da solo o con Serena. Allora io le ho detto ma in un momento così difficile per tutti ci sono tanti amici qui a Genova che cantano molto bravi con delle bellissime carriere. Perché non non coinvolgere anche loro? Ovviamente questa mia idea è stata abbracciata immediatamente dagli organizzatori e i miei colleghi furono subito entusiasti di questa cosa. Durante la pandemia, io ho voluto chiudere le porte di casa perché io non ho cantato mai e non ho studiato: stava succedendo talmente qualcosa di terrificante che mettermi lì a cantare mi sembrava una cosa terribilmente irrispettosa. Ancora di più mettersi sui social, su Instagram o su Facebook, a fare le dirette dove canti. Poi mi sono reso conto invece di sbagliare, perché una volta abbiamo fatto io e Serena una diretta piccolissima e abbiamo ricevuto una miriade di messaggi. In questo momento terribile vedere qualcosa di reale che stava succedendo è stata una gioia incredibile, per noi e per gli altri. Allora ho capito di aver completamente sbagliato. E l'occasione del concerto di Pasqua è stata importantissima perché eravamo in Duomo cinque sei cantanti genovesi dal vivo che facevamo un regalo ai tanti a casa. 

Anche il progetto dell'Accademia di Alto Perfezionamento è nata in piena pandemia... Cosa vedremo sabato?
Siamo stati l'unico spettacolo dal vivo della stagione del Carlo Felice nel 2020, era stata una grande festa, soprattutto poi farla con alcuni ragazzi in un progetto così particolare e io mi vanto di dire un po' unico tra le accademie che ci sono dappertutto, perché il teatro riserva l'ultima produzione della stagione da quattro anni solamente all'Accademia. Sabato vedremo il primo concerto dei ragazzi che inaugurerà una piccola mini stagione che poi si svolgerà al Teatro della Gioventù, dove faremo più di 14 concerti, prima di cominciare il periodo dopo dove ci saranno le masterclass per preparare "Il barbiere di Siviglia", in scena a giugno.

Parlavamo prima del legame con la città di Genova e con la Liguria, Liguria che lei porta nel mondo, ma che comunque è anche un posto dove tornare non appena è libero dai suoi impegni!
Basta vedere l'Accademia per dire quanto la nostra Genova sia bella e affascinante, ha portato un sacco di allievi a trasferirsi qua, un po' per gli studi, un po' per amore. Genova è una città straordinaria, la Liguria è una regione straordinaria, con una storia incredibile. E noi liguri, noi genovesi, dovremmo ricordarcelo un po' di più. Ed è stata anche fucina di grandi artisti del passato, dai cantanti straordinari come Renata Scotto, Mariella Devia o altri come Fabio Armiliato, Marco Armiliato, Giuseppe Taddei che è stato uno dei più grandi baritoni della storia. Infatti quello che succede sabato mi rende molto felice, non solo perché viene conferito a me, ma perché si riconosce una importanza artistica che la nostra città ha sempre avuto nella storia. Spero che sia l'inizio di un percorso per tenere vivo quello che è il carattere artistico e culturale della nostra città e le istituzioni mi sembra che lo stiano facendo. 

E allora appuntamento sabato alle ore 18. Ad esibirsi, oltre a Francesco Meli e Serena Gamberoni, in una selezione di arie e duetti dal repertorio operistico ottocentesco saranno i soprani Gabriella Ingenito e Martina Saviano, i mezzosoprani Giulia Alletto, Greta Carlino e Eleonora Marras, i tenori Paolo Nevi e Manuel Caputo, i baritoni Gabriele Barrìa, Ernesto De Nittis, Gianpiero Delle Grazie, Willingerd Gimenez Carlo Sgura e i bassi Antonino Arcilesi e Davide Maria Sabatino; al pianoforte: Umberto Musso, Giuseppe Ottaviani e Mattia Torriglia. Da Donizetti a Rossini e Verdi, da Mozart a Ravel e Offenbach, il programma accontenterà il grande pubblico. 

 

https://www.instagram.com/p/C3Zpx7IILjy/

ARTICOLI CORRELATI

Lunedì 12 Febbraio 2024

Croce di San Giorgio a Francesco Meli: sabato un concerto gratuito per la città di Genova

Appuntamento alle ore 18 al Teatro Carlo Felice con la consegna dell'onorificenza e un fitto programma che vedrà protagonista il tenore genovese assieme al soprano Serena Gamberoni e i ragazzi dell'Accademia di Alto Perfezionamento
Lunedì 05 Febbraio 2024

L'orchestra del Carlo Felice a Muscat per portare il 'sogno' di Shakespeare in Oman

Trasferta in Oman per il Teatro Carlo Felice che porta nella capitale la sua coproduzione con la Royal Opera House di Muscat "A Midsummer Night's Dream"
Lunedì 12 Febbraio 2024

Carlo Felice, la prima della stagione 2024/2025 sarà al Teatro Nazionale di Genova

Nel frattempo, grande successo per il Teatro Carlo Felice alla Royal Opera House di Muscat con la loro coproduzione, "A Midsummer Night's Dream"
Giovedì 01 Febbraio 2024

Al Carlo Felice 'Idomeneo' di Mozart per la prima volta a Genova

Andata in scena per la prima volta il 29 gennaio 1781 al teatro di corte di Monaco di Baviera, 'Idomeneo' – al Carlo Felice dal 16 al 25 febbraio con la regia di Matthias Hartmann e Riccardo Minasi sul podio, prima esecuzione assoluta a Genova - segna nell’attività creativa mozartiana un passaggio d
Domenica 14 Gennaio 2024

Concerto Carlo Felice, Dvogan malata: la Gog si affida a Dindo

GENOVA - Cambio programma alla Giovine Orchestra Genovese che domani sera avrebbe dovuto ospitare al Teatro Carlo Felice la talentuosa pianista diciassettenne russa Alexandra Dvogan in quello che si preannunciava uno degli appuntamenti più interessanti del cartellone. La giovanissima artista plurip
Giovedì 11 Gennaio 2024

Al Carlo Felice ritorna "Madama Butterfly": e la Val Bisagno ci va con le navette gratis

Uno dei titoli più amati della lirica torna in scena all'Opera Carlo Felice. Ma la novità è l'abbonamento e le navette gratuite per il municipio della Media Val Bisagno che permetterà al pubblico di andare e tornare facilmente dal teatro
Mercoledì 03 Gennaio 2024

Orchestra Carlo Felice Genova festeggia i 174 anni di storia

GENOVA - L'orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova nel 2024 taglierà il notevole traguardo dei 174 anni di storia. Era il 30 settembre 1850, quando nel capoluogo ligure fu istituita per la prima volta un'orchestra civica, destinata al servizio dei teatri appartenenti alla città e dipendente dal
Venerdì 29 Dicembre 2023

Brahms e Haydn, al Carlo Felice il concerto sinfonico per salutare il 2023

Appuntamento il 31 di dicembre alle ore 17:00. Una novità per l'orchestra, che solitamente ha sempre suonato il primo dell'anno. Ma ecco il programma
Mercoledì 20 Dicembre 2023

Sciopero al Teatro Carlo Felice, annullato il Concerto di Natale

GENOVA - Dopo lo sciopero di domenica che ha portato un coro a ranghi ridotti sul palco della prima di "Édith" al Teatro Carlo Felice, salta il concerto di Natale. A comunicarlo online è la Direzione della Fondazione Teatro Carlo Felice sul proprio sito web. A causa dello sciopero della sigla del si
Domenica 17 Dicembre 2023

Genova, applausi per "Edith" alla prima assoluta al Carlo Felice

GENOVA - Il Carlo Felice ha chiuso la prima parte della stagione lirica ospitando la prima assoluta di "Edith", opera in un prologo e due atti di Maurizio Fabrizio su libretto di Guido Morra. Lo spettacolo è andato in scena nonostante lo sciopero indetto dalla sigla sindacale Snater che conta molti
Lunedì 18 Dicembre 2023

In "Édith" il primo 'ring' della lirica, al Carlo Felice l'opera che racconta lo scontro Cerdan-LaMotta

GENOVA - Come pugili, anche i cantanti si scatenano sul palcoscenico e sono abituati a combattere per farsi avanti. E' questo quello che lega gli interpreti ai loro personaggi, così come è stato questo a legare Édith Piaf e Marcel Cerdan. Dalla "strada" al successo, due vite straordinarie che si son
Giovedì 14 Dicembre 2023

"Édith" in prova al Carlo Felice, la prima opera di Maurizio Fabrizio: "Il mio riferimento? Puccini"

Un compositore pop della grande canzone italiana si affaccia per la prima volta all'opera lirica, per raccontare la struggente storia d'amore tra la cantante Édith Piaf e il pugile Marcel Cerdan
Sabato 16 Dicembre 2023

L'amore di Édith Piaf e Marcel Cerdan nell'opera "pop" del Teatro Carlo Felice

"Édith" è la storia di un amore molto intenso, passionale e drammatico, una relazione che animò le pagine della stampa scandalistica, un incontro tra due mondi profondamente differenti all'apparenza
Mercoledì 06 Dicembre 2023

'Edith', al Carlo Felice rivive il grande amore tra Piaf e Marcel Cerdan

L'opera è stata scritta da Maurizio Fabrizio, autore di grandi successi come 'Almeno tu nell'universo' e 'I migliori anni della nostra vita'
Venerdì 15 Dicembre 2023

Tagli al Carlo Felice, Pirondini si dimette dal consiglio di indirizzo: "Non rappresento questo Ministero della Cultura"

Dopo l'accusa di conflitto di interessi da parte di uno dei deputati di Fratelli d'Italia, il senatore ribatte dicendo di aver già rassegnato le dimissioni da una settimana, proprio per i tagli apportati dalla maggioranza a tutto il comparto cultura
Martedì 28 Novembre 2023

Il 2 e il 3 dicembre la Baistrocchi al Carlo Felice per la Croce Rossa

Con lo spettacolo “Che fiesta… 110 años”
Martedì 28 Novembre 2023

Madame accende il Carlo Felice, l'omaggio a De André: "Tengo molto a Genova"

https://www.instagram.com/reel/C0LkZFgoU-Q/ GENOVA - Un Teatro Carlo Felice in sold out per accogliere Madame: la tappa a Genova per l'artista 21enne è stata accolta da un pubblico di tutte le età. Da "Schiccherie" alle sue due volte al Festival di Sanremo, di strada ne ha fatta tanta dalla sua Vic
Mercoledì 15 Novembre 2023

Teatro Carlo Felice, lo sciopero fa saltare la prima del Werther

GENOVA - Salta la prima del Werther prevista per venerdì sera al Carlo Felice. Lo sciopero dichiarato dalla Fials e dallo Snater sulla base delle agitazioni sindacali nazionali ha obbligato la sovrintendenza a cancellare la prima recita dell'opera di Massenet e a far slittare il debutto a domenica 1
Venerdì 10 Novembre 2023

Carlo Felice, il premio Oscar Dante Ferretti al servizio del 'Werther'

L'opera di Massenet in scena da venerdì 17 novembre
Mercoledì 18 Ottobre 2023

18 ottobre 1991: trentadue anni fa si inaugurava il nuovo Carlo Felice

L'originale era stato distrutto da un bombardamento nel corso della Seconda guerra mondiale