Sanità

Nel 1820 a Firenze nasceva Florence Nightingale, considerata la madrina dell'infermieristica moderna
1 minuto e 22 secondi di lettura

Oggi è la Giornata internazionale dell'infermiere, una professione di grande responsabilità e di coraggio che negli ultimi anni a causa del covid si è trovata a subire grandi cambiamenti. La data non è casuale: proprio il 12 maggio infatti, nel 1820, nasceva a Firenze Florence Nightingale, infermiera britannica considerata la madre dell'infermieristica moderna.

"Fare l'infermiera significa diventare consapevole dei propri limiti e dei propri punti di forza, è un percorso impegnativo ma anche ricco di soddisfazione a livello umano nonostante le difficoltà, soprattutto quelle del covid che sono state senza precedenti", racconta a Primocanale Federica Putzu, infermiera chirurgia Ospedale Villa Scassi di Genova Sampierdarena.
"Noi siamo abituati a passare dallo stato di quiete all'emergenza ma quella del covid non è stata un'emergenza a cui eravamo abituati. Molti infermieri erano neoassunti o neolaureati a cui mancava anche l'esperienza di base. Con il covid ci si è resi conto che l'infermiere è il perno tra i sanitari".

Il ricordo dei tempi più duri del covid è vivo per tutti gli infermieri: "Sicuramente siamo stati travolti dalla paura, tutti. Un po' era la paura di affrontare qualcosa anche a livello tecnico che non si era mai presentato prima, e di affrontare qualcosa che non si conosce. In più c'era la paura di portare a casa la malattia, tutti noi avevamo una famiglia, chi aveva genitori anziani, mariti, mogli, bambini piccoli. Eravamo terrorizzati dal tornare a casa e poter trasmettere il virus, essere noi stessi danno per le nostre famiglie", racconta Tiziana.

"Noi siamo stati definiti gli eroi, in realtà io ho questa parola la traduco così: noi abbiamo avuto coraggio, il coraggio che qualsiasi professionista deve avere. Perché fare l'infermiere significa fare aumentare la propria responsabilità verso gli altri".

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 04 Maggio 2022

Infermieri, al via a Genova il concorso: 6100 candidati per 700 posti

Due giorni di maxi concorso Alisa, ma in Liguria servirebbero almeno mille posti
Mercoledì 04 Maggio 2022

Caccia al posto fisso da infermiere: ma la metà dei candidati non si presenta

Gli aspiranti erano 6000 per 700 posti, ma molti hanno già trovato lavoro e altri hanno rinunciato
Martedì 08 Febbraio 2022

Allarme infermieri: "290 in pensione e pochi sostituti"

LIGURIA - La carenza di infermieri nella nostra regione non accenna a diminuire e rischia anzi di aggravarsi. Carmelo Gagliano, presidente dell'Ordine Infermieri Liguria fa il punto della situazione a Primocanale: "Entro fine anno 290 infermieri andranno in pensione e la graduatoria dopo il nuovo co