Politica

E’ la giornata della discussione in aula. Ma anche della protesta. La variante al Piano Urbanistico Comunale di Genova, che prevede la costruzione di nuove villette nel territorio di Vesima, è all’esame del Consiglio Comunale, con le manifestazioni delle associazioni ambientaliste e le iniziative politiche delle opposizioni che hanno presentato centinaia di emendamenti e ordini del giorno per modificare, bloccare e rallentare l’approvazione del testo.
Il Partito Democratico, il Movimento 5 Stelle e la Lista Crivello hanno presentato 258 tra emendamenti e ordini del giorno per fermare il progetto. La seduta si preannuncia molto lunga, in un clima che si è surriscaldato sin dai primi momenti dell’assemblea cittadina di Tursi.
“Stiamo parlando della più grande cementificazione degli ultimi 30 anni – dice Alessandro Terrile capogruppo del Pd - Il Comune autorizza la costruzione di quasi 10.000 mq di nuove villette residenziale in zona agricola”.
Le minoranze hanno anche richiesto una sospensiva della variante, per ridiscutere il progetto di trasformazione di Vesima, attraverso nuove discussioni in commissione e attraverso sopralluoghi sul posto. Il rinvio è stato però bocciato in apertura della discussione in aula.