Cultura e spettacolo

Fino al 22 febbraio sarà visitabile all'interno di Sala Liguria
2 minuti e 17 secondi di lettura

GENOVA - L'uomo prima della vittima, il fotografo prima dell'operaio, la passione per i viaggi prima che quella del sindacato: così Guido Rossa viene restituito alla città di Genova in una mostra che a Palazzo Ducale racconta cosa ci sia stato prima di quell'omicidio del 24 gennaio 1979- che segnò la svolta della storia delle Brigate Rosse - e quale fosse la storia personale di quel piemontese trapiantato in Liguria. 

"Quello che voleva il terrorismo è che le persone uccise venissero ricordate in quella tragica e terribile ultima immagine"

"E ricordarle in questo modo non fa giustizia a tutte quelle vittime che hanno sacrificato la loro vita per un ideale", commenta il direttore Serena Bertolucci, che è lieta e orgogliosa di poter ospitare gli scatti all'interno della Sala Liguria. "Ringraziamo la famiglia Rossa che ha voluto fortemente questa cosa, restituendo così l'attenzione alle piccole cose che costituiscono un grande insieme, come dopo sarà la sua attenzione alla fabbrica". 

La grande passione per l'alpinismo, l'amore per il mare, il confronto con la realtà del Nepal: un vero e proprio viaggio introspettivo in cui sarà possibile anche ascoltare la voce di Guido Rossa e il suo racconto di quella spedizione del 1963 per il centenario del Cai, che tentò, senza riuscirvi, di conquistare la vetta del Langtang Lirung e in cui due escursionisti persero la vita. Un'esperienza che segnò i suoi anni a venire, di cui, però, c'è solo qualche scatto. 

"Una delle cose belle e sorprendenti di Guido Rossa è il fatto che ha sempre interpretato la fotografia come una maniera per non parlare di quelle cose", spiega lo storico Sergio Luzzatto che, dopo aver realizzato un ritratto puntuale di Rossa per Einaudi, ha curato l'allestimento assieme a Gabriele D'Autilia. "Troviamo qualche bandiera rossa nelle manifestazioni o i bambini mentre giocano alla guerra in strada sotto alla scritta 'Morte al fascismo', ma nella sua vita personale seppe scindere le cose". 

"Separando la vita da operaio da quella di fotografo, ha finito per raccontare un'altra storia"

La mostra sarà visitabile fino al 20 febbraio 2022, mentre proseguono Escher che ha quasi superato quota 62 mila visitatori, Hugo Pratt e Pasolini: il bilancio resta stabile e c'è voglia di lasciarsi alle spalle le difficoltà della pandemia per lavorare ai prossimi progetti, da Monet a Rubens e il Barocco, anche se non mancheranno altre sorprese. Soddisfatto anche Luca Bizzarri, presidente di Palazzo Ducale che va verso la conclusione del suo mandato: "Palazzo Ducale è vivo, non si è mai fermato in questi ultimi due anni nonostante il Covid-19 ed è il punto di riferimento per i genovesi e per i turisti di passaggio in città. Questa mostra è un altro tassello importante e mi auguro che quella di Genova possa essere solo la prima tappa di molte, visto l'alto valore delle fotografie presenti".  

ARTICOLI CORRELATI

Domenica 09 Gennaio 2022

A Palazzo Ducale torna ‘La stanza del cinema’

Approfondimenti sui film in sala a cura del Gruppo Ligure Critici Cinematografici
Domenica 02 Gennaio 2022

Ducale, rinviato show su Corto Maltese

Decisione inevitabile a causa delle positività al Covid di alcuni artisti
Venerdì 10 Dicembre 2021

A Palazzo Ducale due robot 'Pepper' per informare e intrattenere i visitatori

Dalle mostre in programma a come raggiungere i musei più vicini, fino a selfie, balli e giochi con i più piccini: da lunedì la novità nella biglietteria del palazzo
Martedì 30 Novembre 2021

La vita di Pasolini in 260 fotografie, la mostra a Palazzo Ducale per i cento anni dalla sua nascita

L'allestimento celebra il grande intellettuale italiano, nato a Bologna nel 1922, e sarà visitabile fino al 13 marzo 2022 nella Loggia degli Abati
Sabato 08 Gennaio 2022

Chissà che cosa urlò in via Fracchia Guido Rossa ai brigatisti?

Lo storico Sergio Luzzatto a Primocanale parla del suo libro sull’operaio assassinato 43 anni fa
Domenica 02 Gennaio 2022

Dall'archivio storico di Primocanale, 1992: riecco Palazzo Ducale

La sua storia si perde nel tempo, quando dopo la vittoria su Pisa nella battaglia della Meloria (1284) la potenza economica di Genova si era affermata in tutto il Mediterraneo. Il primo nucleo di Palazzo Ducale nasce allora anche se nel corso dei secoli ha subito trasformazioni radicali. Parzialment
Mercoledì 01 Dicembre 2021

A Palazzo Ducale il forum sulle buone pratiche dello sport inclusivo

Stelle nello sport chiude una 22° stagione di grande intensità, impegno e passione: a Palazzo Ducale va in scena il forum “Lo Sport per la Disabilità”
Lunedì 29 Novembre 2021

A Palazzo Ducale il forum "Lo Sport per la disabilità" insieme alle stelle paralimpiche

Tra gli ospiti d’onore Oney Tapia, due volte medaglia di bronzo ai Giochi di Tokyo 2020, Francesco Bocciardo, doppio oro paralimpico a Tokyo 2020 nel nuoto, e Amanda Embriaco, finalista ai Mondiali 2021 di canoa paralimpica
Venerdì 26 Novembre 2021

I rifiuti come strumento didattico e forma d'arte: ecco il progetto di ReMida a Palazzo Ducale

GENOVA - La spazzatura di qualcuno è il tesoro di qualcun'altro. Questo proverbio d'oltremanica spiega benissimo il progetto dell'associazione ReMida, che oggi ha inaugurato a Palazzo Ducale un centro di raccolta per rifiuti e materiali di scarto, che verranno riutilizzati come strumenti didattici n