Cronaca

Alcuni dei destinatari della mail-truffa hanno capito che qualcosa non quadrasse perché, essendo residenti in altre regioni e non avendo mai guidato per le strade di Genova, risultava alquanto improbabile aver preso una multa nel capoluogo ligure
1 minuto e 44 secondi di lettura

GENOVA - Sono sempre più difficili da riconoscere le truffe che negli ultimi anni stanno ingannando centinaia di persone. Negli ultimi mesi sono già sette i cittadini che hanno segnalato alla polizia locale di Genova di aver ricevuto via mail l'avviso per pagare una multa, con tanto di codice del verbale e stemma dei vigili, per rendere il tutto più credibile.

È il tentativo di truffa che, in questi giorni, sta interessando alcuni malcapitati cittadini, genovesi e non, che si sono ritrovati nella propria casella di posta elettronica l'avviso proveniente dall'indirizzo fake di una sedicente Polizia Locale di Genova (), con la notifica del verbale e il link per pagare la contravvenzione che rimanda a un sito internet fasullo e ingannevole.

Alcuni dei destinatari della mail-truffa hanno immediatamente fiutato che qualcosa non quadrasse perché, essendo residenti in altre regioni e non avendo mai guidato per le strade di Genova, risultava alquanto difficile e improbabile aver commesso una qualsiasi infrazione al codice della strada nel territorio del capoluogo ligure.


Sul fatto sono in corso accertamenti. La polizia locale invita i cittadini che hanno ricevuto o riceveranno messaggi di posta elettronica non inviati da canali certificati come la pec (ossia i canali utilizzati dalla polizia locale per le comunicazioni ufficiali), a non effettuare alcun pagamento e a contattare la polizia locale di Genova per segnalare l'accaduto.

"È in corso una nuova campagna di phishing attraverso false email e messaggi social realizzati indicando nel testo il nome della Dott.ssa Nunzia Ciardi - ha detto la Polizia -. I messaggi utilizzano anche loghi della Polizia e prospettano alla vittima una inesistente indagine penale nei suoi confronti, il tutto allo scopo di causare agitazione nel destinatario, inducendolo a ricontattare i truffatori ed esponendosi in tal modo a successive richieste di pagamenti in denaro o comunicazione di propri dati personali". La Polizia Postale ribadisce che i messaggi non vanno aperti. "Attenzione, nessuna forza di polizia contatterebbe mai direttamente i cittadini, attraverso email o messaggi, per richiedere loro pagamenti in denaro o comunicazioni di dati personali, dietro minaccia di procedimenti o sanzioni penali".

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 25 Gennaio 2022

"Soldi per curarmi dal Covid", tenta truffa su 93enne: arrestato

Si era appena fatto consegnare una borsetta con mezzo chilo di oro, per un valore di oltre 15 mila euro, da una 93enne di Genova Nervi a cui aveva fatto credere che il nipote avesse bisogno di soldi per curarsi dal covid. Ma ad assistere allo scambio c'erano gli agenti della squadra mobile che hanno
Lunedì 17 Gennaio 2022

Testamento truffa: madre e figlia arrestate

SAVONA - I Finanzieri del Comando Provinciale di Savona hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare di arresti domiciliari nei confronti di madre e figlia residenti nell'entroterra di Albenga (Savona) per il reato di circonvenzione di persone incapaci. Il provvedimento è stato emesso dal Gip d
Mercoledì 15 Dicembre 2021

Truffa del "finto parente" contagiato dal Covid, arrestato un polacco

Bottino di migliaia di euro ai danni di persone anziane