Cronaca

SAVONA - Un alto grave episodio di truffa ai danni dello Stato sfruttando gli aiuti messi a disposizione per le persone in difficoltà. La Guardia di Finanza di Savona nel corso di regolari controlli ha scoperto che 299 persone percepivano indebitamente il bonus spesa Covid senza trovarsi in situazioni povertà. Il costo per lo Stato ha superato i 65 mila euro.

È stato dimostrato dal Gruppo di Savona e dalle Tenenze di Finale Ligure e Cairo Montenotte che in 16 comuni della provincia, dove erano stati distribuiti oltre 800 mila euro, sono avvenute truffe di ogni tipo: c'era chi si inventava familiari, chi ometteva la percezione di altri sussidi pubblici e chi presentava false dichiarazioni sul patrimonio posseduto.

Tra questi spiccano cinque residenti in Valbormida, che hanno omesso di dichiarare depositi bancali e postali per 75 mila euro complessivi, e una coppia di cui entrambi i componenti avevano presentato l'istanza e ottenuto il contributo.

Anche i finanzieri della compagnia di Albenga hanno riscontrato numerose irregolarità. Tra queste c'è il caso di una donna italiana, che negli ultimi due anni ha ricevuto dallo stato indennità per disoccupazione pari a 37 mila euro.

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 23 Dicembre 2021

Liguria, nei guai 1800 'furbetti' del reddito di cittadinanza

LIGURIA - Li chiamiamo 'furbetti' ma sono veri e propri truffatori coloro che percepiscono illegalmente il reddito di cittadinanza. L'impatto del singolo trasgressore può sembrare piccolo ma il totale dei circa 1800 casi scoperti dalla Guardia di Finanza porta a cifre da capogiro: nella sola Liguria
Giovedì 23 Dicembre 2021

Genova, hackera portale per ottenere reddito di cittadinanza: denunciato

Sembra che l'uomo sia stato aiutato da un operatore del CAF
Venerdì 07 Gennaio 2022

Genova, Jimmy: "Pulisco giardini per sdebitarmi del reddito di cittadinanza"

La storia di un ex artigiano che rimasto senza lavoro a pochi anni dalla pensione