Attualità

L'idea della manifestazione è nata dall'iniziativa milanese in viale Monza: sui gruppi social come Genova ciclabile si sta decidendo quando realizzarla nel centro genovese
1 minuto e 32 secondi di lettura

GENOVA - L'idea di viale Monza è piaciuta anche ai ciclisti genovesi: il sit-in per una Milano a 30 km/h, una Milano che tuteli di più i ciclisti su strada, che protegga le ciclabili dalle automobili che spesso ci parcheggiano sopra costringendo le bici a pericolosi zig zag nel traffico milanese e che incentivi di più le politiche green sarà replicato anche a Genova. L'idea sta girando sui gruppi social di Genova ciclabile e di qui ad un mese, una volta richiesti tutte le autorizzazioni e i permessi necessari, in via XX Settembre si daranno appuntamento '100 metri di ciclisti', una lunga catena umana che sensibilizzi sull'importanza delle corsie ciclabili in città per chi va in bici e che chieda agli automobilisti di rispettarle. 

A Genova il tema è decisamente sensibile, in quanto prima la pista ciclabile della discordia di Corso Italia e poi le corsie rosse comparse in diverse strade della città hanno diviso i residenti tra chi è contento per la svolta green e più attenta alle due ruote, chi vorrebbe ciclabili ancor più strutturate e separate dal traffico di bus, auto e moto (come poi è avvenuto su quasi tutto il lungomare genovese), chi è decisamente contrario. 

Quello che è certo è che c'è ancora tanto da fare per cambiare la cultura della città, una città che nonostante i suoi sali e scendi può e deve avere i suoi percorsi ciclabili, meglio ancora se separate dal traffico degli altri mezzi, ove possibile, come nel caso di Corso Italia o Di Negro, senza pericoli tra auto in sosta che si reimmettono sulla carreggiata, fermate dell'autobus e i tanti incivili che sostano con le quattro frecce. Tra le ipotesi per questa manifestazione al vaglio degli organizzatori di farla di giorno feriale in pausa pranzo o in un sabato di dicembre sotto al periodo regali di Natale.

 (Foto da Instagram @caroly_riding_for_change e @genovaciclabile)

 
 

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 29 Settembre 2022

Villaggio e la pista ciclabile di corso Italia, una storia proprio genovese

Credevo di aver avuto, una volta tanto, una buona idea proponendo l'intitolazione a Paolo Villaggio della pista ciclabile di corso Italia, con una cerimonia che avrebbe potuto avere come padrino Peter Sagan, campione del mondo per tre volte consecutive e anch'egli ammiratore dell'attore e scrittore
Martedì 19 Luglio 2022

Genova: intitolare a Villaggio la ciclabile di Corso Italia, con Peter Sagan padrino

Tra pochi giorni verrà inaugurata la pista ciclabile dalla Foce a Boccadasse, da Corso Marconi lungo i due chilometri e mezzo di Corso Italia. A titolo esclusivamente personale, credo che l'intitolazione migliore non potrebbe che avere come beneficiario Paolo Villaggio. Lo conosciamo tutti, e come
Mercoledì 05 Ottobre 2022

Genova, la pista ciclabile di corso Italia dedicata a Rinaldi e Scarponi

GENOVA - Alla fine il consiglio comunale di Genova ha dato il via libera. La nuova pista ciclabile di corso Italia sarà intitolata alla memoria di Rocco Rinaldi e Michele Scarponi, entrambi vittime di omicidio stradale mentre erano in sella a una bicicletta. Rinaldi era un ciclista amatoriale genov
Lunedì 22 Agosto 2022

Imperia: lungo la ciclabile prosegue la posa della tubazione idrica

Scajola, che a cadenza quasi giornaliera effettua sopralluoghi nel cantiere, tiene a precisare che tra tutti i comuni coinvolti dalla ciclovia solo Imperia ha approfittato dell'opportunità
Giovedì 04 Agosto 2022

Picchiato e derubato sulla ciclabile, rivede aggressori e li fa denunciare

LA SPEZIA - Picchiato con un bastone e derubato del cellulare ha rivisto i suoi aggressori al bar e li ha fatti denunciare. E' successo a La Spezia. Gli agenti della polizia locale sono intervenuti dopo la segnalazione di una rissa tra tre persone. Quando sono arrivati hanno bloccato tre uomini, tut
Sabato 06 Agosto 2022

Genova, al via la pista ciclabile lungo la promenade di corso Italia

L'assessore Campora esagera: "E' la più bella d'Italia", e ne promette altre in Valbisagno e Valpolcevera.