Porto e trasporti

Non sto parlando di Yacht per ricchi italiani cosa che potrebbe superficialmente non interessare a nessuno anzi ispirare, in un momento drammatico con la guerra in Ucraina, con la povertà’ che avanza e costi che esplodono far “godere” chi vive momenti difficili.

Parlo di centinaia di posti lavoro in cantieri, nei porticcioli in Liguria e in Italia che si stanno svuotando perché i grandi Yacht di armatori internazionali, che scelgono dove portare a riparare, manutenzionare le loro “barche” stanno fuggendo dall’Italia per andare in Spagna e in Francia portando ricchezza altrove.

Il motivo, che sembra senza senso,  in quella che dovrebbe chiamarsi “Europa” è unicamente una interpretazione unica del nostro Paese di una sentenza della Corte Europea per un caso olandese che vieta agli equipaggi imbarcati  di entrare e uscire dall’Italia. Chiederò’ nei prossimi giorni a avvocati, politici, amministratori liguri e genovesi, associazioni di categoria, sindacati di dire la loro perché non possiamo permetterci di perdere altre centinaia di  posti di lavoro, di mettere in crisi un intero sistema di artigianato, da piccole  a grandi attività’ che compongono questa filiera che ci riguarda molto da vicino.

E queste grandi imbarcazioni non vanno a fare lavori fuori dall’Europa portando centinaia di persone di equipaggi a vivere in Italia, vanno in Francia in Spagna dove i loro Governi hanno unicamente ignorato o differentemente interpretato questa sentenza europea.

Mi chiedo cosa stiano facendo i maggiori rappresentanti delle commissioni trasporti di Camera e Senato, i parlamentari liguri che devono difendere il nostro territorio che vive anche su questo settore tanto che siamo il più grande salone Nautico Europeo e che abbiamo porticcioli che ospitavano queste meraviglie che spesso vengono affittate  per settimane a una clientela che spende molto,  portando un turismo che vale più di quanto si possa immaginare. Ma mi rivolgo anche, chiedendo un commento e delle spiegazioni, ad amministratori del territorio, associazioni di categoria e sindacati.

Nessuno parla di questo tema e allora venuto a conoscenza di quello che accade apro il dibattito e  guarderò chi risponde chi si impegna davvero, e a parte le parole chi risolve il problema mettendoci nelle stesse condizioni del resto d’Europa.

Non possiamo un’altra volta subire una concorrenza sleale degli altri paesi europei peraltro non per colpe loro ma per nostre interpretazioni più realiste del re così fatte unicamente dal  nostro Paese, dai nostri burocrati.

Se quanto scrivo non è vero scrivetelo a me alla mail  e a 
Io ci metto come sempre la faccia senza alcun timore,  è il mio modo di vedere la vita e di fare l’editore di Primocanale.

Il dibattito è aperto a voi la parola.

Di Maurizio Rossi
Senatore membro commissione trasporti XVII legislatura.

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 19 Marzo 2022

Il campione di apnea Pelizzari allo Yacht Club Italiano: "Iniziai che avevo paura dell'acqua"

Diversi record mondiali per Umberto Pelizzari, intervenuto ad una conferenza organizzata dallo Yacht Club Italiano
Sabato 05 Marzo 2022

Due yacht sequestrati nell'imperiese: scattano le sanzioni per oligarchi russi

IMPERIA - Sono due gli yacht sequestrati nell'imperiese appartenenti a oligarchi russi. Si tratta di "Lena", ormeggiato a Portosole a Sanremo e di proprietà dell'oligarca russo Gennady Timchenko, e di  "Lady M." di proprietà del magnate russo Alexey Mordashov, ormeggiato nel porto turistico di Imper
Giovedì 10 Marzo 2022

Lo Yacht Club Italiano fino in Ucraina per portare mamme e figli scappati dalla guerra a Recco

Elena e la figlia erano ancora nel territorio ucraino, attese dai van dello YCI, quando i militari hanno acconsentito che le andassero a prendere oltre il confine, prima di tornare in Liguria con 20 profughi
Martedì 08 Marzo 2022

Yacht Club Italiano, missione Ucraina: aiuti e 20 persone da ospitare a Recco

Anche lo Yacht Club Italiano è in prima fila nella catena di solidarietà per l'Ucraina. Alle 20, dalla sede YCI in calata Duca degli Abruzzi, è partita la missione in nome del club di 7 Soci (Riccardo Casale , Alberto Magnani, Ettore Boschetti, Francesco Rebaudi, Angelo Dufour, Nicolò Caffarena e St
Sabato 22 Gennaio 2022

Incendio in porto a Lavagna: a fuoco yacht di 13 metri

Sul posto sono accorse quattro squadre di vigili del fuoco
Domenica 26 Dicembre 2021

Genova, cercano di passare la notte di Natale su yacht

Due giovani marocchini bloccati dalla polizia