Porto e trasporti

LA SPEZIA - I primi cinquemila metri quadrati dell'ex area portuale di Calata Paita, il nuovo waterfront della Spezia, saranno aperti nella primavera del 2023. Lo ha detto il sindaco Pierluigi Peracchini a margine di un evento che si è tenuto presso il Cruise Terminal della città. "I lavori sono stati assegnati un mese fa all'impresa Agnese e i tempi di realizzazione previsti sono di otto-nove mesi. Speriamo di poter inaugurare l'area per la Pasqua o subito dopo la Pasqua 2023".

Il molo, ideale continuazione della Passeggiata Morin, è stato interessato dall'attività industriale sin dal 1891. Con la realizzazione del terzo bacino al Canaletto, questa zona dello scalo sarà invece dedicata ad attività ricettive, turistiche e alle crociere. "Potremo riaprire alla città un luogo interdetto da 130 anni - spiega il sindaco -. Conterrà funzioni sportive, ricreative, musicali e commerciali proprio per dare un assaggio del waterfront futuro. L'investimento è in collaborazione con l'Autorità Portuale, ma noi lo abbiamo voluto fortemente come amministrazione".

In merito all'attività crocieristica, Peracchini ha spiegato che proprio il 2023 sarà "la prova della verità" per la ripresa del settore. "L'attuale è stata un'annata anomala, ancora segnata dal post Covid per quanto riguarda le crociere. Abbiamo aumentato in maniera sensibile gli arrivi, ma la prova della verità sarà l'anno prossimo. Per adesso siamo molto soddisfatti".