Politica

LIGURIA - Dieci deputati e cinque senatori. La nuova mappa della rappresentanza politica della Liguria in Parlamento è implementata dalla presenza di due senatori eletti fuori regione ma nati e cresciuti in Liguria.

Il taglio dei parlamentari ha ridotto la rappresentanza di tutte le regioni. La Liguria è passata da 24 a 15 eletti. Ma di fatti i Liguri che si siederanno tra i banchi di Montecitorio e Palazzo Madama sono 17 con qualche precisazione da fare. Tra i 15 eletti in Liguria c'è uno che è nato e cresciuto fuori dalla Liguria, Roberto Menia di Fratelli d'Italia. Mentre le due liguri entrate al Senato lontano dalla regione sono Raffaella Paita di Italia Viva eletta nel Lazio e Annamaria Furlan eletta in Sicilia (Leggi qui). Paita è spezzina mentre la Furlan è genovese.

I dubbi legati al taglio dei parlamentari e alle disegnazione dei nuovi collegi territoriali riguardavano soprattutto la corretta rappresentanza delle province. Il principio base è che ogni eletto nel territorio andrà a rappresentare il Paese in primo luogo e la regione di elezione di conseguenza.

Andando a guardare la mappa geografica dei nuovi (e vecchi) eletti vediamo la predominanza di Genova con ben tra deputati e senatori nati sotto la Lanterna. Si tratta di Ilaria Cavo (Noi moderati), Edoardo Rixi (Lega), Francesco Bruzzone (Lega), Matteo Rosso (Fratelli d'Italia), Luca Pastorino (indipendente-centrosinistra), Lorenzo Basso (Pd), Luca Pirondini (M5s). A questi si aggiunge la già citata Furlan (Pd). 

Il resto della rappresentanza vede una prevalenza a Levante. Due infatti gli spezzini (oltre a Paita): si tratta dell'ex ministro del Lavoro Andrea Orlando (Pd) e di Anna Maria Frijia (Fratelli d'Italia). Sempre a rappresentare l'estremo Levante c'è Stefania Pucciarelli originaria di Sarzana. Roberto Bagnasco (Forza Italia) è nato a Novi Ligure ma la sua storia personale e professionale lo colloca a Rapallo di cui è stato anche sindaco. Nata, cresciuta ed eletta sindaco di Sestri Levante c'è il segretario del Pd in Liguria Valentina Ghio. Mentre Roberto Traversi (M5s) è nato a Milano ma cresciuto tra Sestri Levante e Chiavari.

Solo un rappresentante di nascita per il Ponente ligure: si tratta dell'assessore regionale al Turismo e trasporti Gianni Berrino nato a Sanremo, territorio a cui è molto legato. A salvare la rappresentanza del savonese ci pensa Bruzzone che è sì nato a Genova ma vive a Stella nell'entroterra e da sempre porta avanti le battaglie per quella parte di Liguria. Di fatto da Ventimiglia a Savona solo due rappresentanti su 15. Mentre per Genova sono praticamente la metà, tre l'estremo Levante e il resto a rappresentare Tigullio e Golfo Paradiso.

Gli affetti del taglio si vedono tutti. E allora vediamo l'elezione in base ai collegi. I senatori eletti con l'uninominale nei due collegi sono per il Ponente Berrino e per il centro-Levante Pucciarelli. Alla Camera i quattro eletti all'uninominale nei diversi collegi sono i genovesi Rixi (collegio di Ponente che comprende Savona), Cavo (da Albissola fino a Genova Sampierdarena), il sindaco di Bogliasco Pastorino (Genova e comuni Golfo Paradiso) e Bagnasco (Tigullio e Levante).

Al plurinominale del Senato gli eletti sono i genovesi Pirondini e Basso a cui si aggiunge il 'foresto' Menia.
Mentre attraverso il plurinominale alla Camera della Liguria sono entrati il genovese Rosso, il 'savonese' Bruzzone, gli spezzini Orlando e Frijia, e i levantini Ghio e Traversi.