Politica

ROMA - "Lo stralcio dell'art.10 è cosa fatta salvando 40mila tassisti dalle multinazionali". È questo il commento dei deputati della Lega in Commissione trasporti Elena Maccanti (capogruppo) ed Edoardo Rixi (responsabile dipartimento Infrastrutture) in merito al decreto concorrenza, a proposito del quale la Lega si era apertamente schierata dalla parte di tassisti e balneari attirando le critiche dell'ormai ex Premier Mario Draghi.

"Lunedì prossimo il ddl Concorrenza approda quindi in aula alla Camera - spiegano i deputati in una nota -. I gufi del si-ferma-tutto fanno male al nostro Paese perché in realtà non si ferma nulla. Tutti i deputati della Lega oggi sono in Commissione trasporti per sbloccare il Pnrr e difendere gli italiani".

In conseguenza alla caduta del Governo ci saranno elezioni anticipate: "Siamo contenti che si vada a votare il 25 settembre, sperando - attaccano Maccanti e Rixi - che nella prossima legislatura ci siano persone che sappiano mantenere la parola per più di 30 minuti".

ARTICOLI CORRELATI

Lunedì 30 Maggio 2022

Crucioli (L'Alternativa c'è): no al decreto concorrenza, le spiagge sono di tutti

https://www.youtube.com/embed/Dv2AQjAemRk    
Mercoledì 13 Luglio 2022

Genova, tassisti in assemblea contro il Ddl Concorrenza: taxi introvabili fino a giovedì

GENOVA - Ancora disagi a Genova per una nuova assemblea spontanea dei tassisti genovesi che si uniscono al resto della categoria nelle più grandi città italiane, oggi fermi a Roma, Firenze, Napoli e Milano, ma non solo. "Ci scusiamo per il disagio, ma siamo impegnati in una lotta che garantisca la