CRONACA

In manette Domenico Pellegrino e Girolamo Condoluci

Omicidio di Ventimiglia, delitto di stampo mafioso: due arrestati

giovedý 24 dicembre 2020
Omicidio di Ventimiglia, delitto di stampo mafioso: due arrestati

VENTIMIGLIA - Due persone sono state arrestate dai Carabinieri per l'omicidio di Joseph Fedele, 67 anni, trovato morto il 21 ottobre scorso in un fossato di frazione Calvo a Ventimiglia. Si tratta di Domenico Pellegrino, 27 anni, e Girolamo Condoluci, 44, domiciliati nel comprensorio di Bordighera. Il primo è considerato autore dell'omicidio, il secondo è accusato di favoreggiamento. Domenico è il figlio di Giovanni Pellegrino, condannato in via definitiva per associazione di stampo mafioso assieme ai fratelli Roberto e Maurizio. I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Genova su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Genova.

Il delitto, secondo gli inquirenti, è avvenuto con i metodi mafiosi. La vittima sarebbe stata fatta inginocchiare e uccisa con almeno un colpo di pistola alla nuca. L'omicidio sarebbe maturato nell'ambito di affari legati alla droga. Pellegrino è stato trasferito nel carcere di Genova, Condoluci è agli arresti domiciliari. Decisivo per giungere all'identificazione dei presunti responsabili del delitto è stato il recupero dell'auto della vittima a Mentone, su cui sarebbero stati trovati indizi che hanno permesso ai carabinieri di giungere all'identificazione di chi fosse stato sul veicolo. I successivi accertamenti hanno consentito di acquisire elementi di responsabilità a carico degli indagati. Il corpo di Fedele venne trovato almeno tre settimane dopo la scomparsa. Sul cadavere vennero trovati soldi, elemento che fece escludere subito l'ipotesi dell'omicidio a scopo di rapina. 

C'è una frase che incastra Girolamo Condoluci, ora ai domiciliari per favoreggiamento, come complice del favoreggiamento nei confronti di Domenico Pellegrino nell'assassinio e occultamento di cadavere di Joseph Fedele. Da una intercettazione ambientale, infatti, gli inquirenti sentono Conduluci che, rivolgendosi alla compagna (intestataria del furgone usato per trasportare il corpo a Calvo), dice: "Sto furgone puzza di cadavere". Nella stessa giornata, poco dopo, gli investigatori captano alcune frasi, che dimostrano come Pellegrino sia probabilmente preoccupato dell'esistenza di tracce lasciate a bordo dello stesso furgone.

Il quadro si aggrava progressivamente, dopo la pubblicazione sulla stampa online di notizie riguardanti l'omicidio. A partire da un primo commento alla notizia dell'identificazione del cadavere, che compare il 25 novembre scorso, alla quale fa seguito uno scambio di battute il giorno successivo. Pellegrino dice a Condoluci: "Hai letto oggi?", segue la risposta di Condoluci: "Noo... Ho letto, ma ...noo, sta passando tutto". Altri elementi emergono, dopo la pubblicazione, sempre online, di articoli relativi al rinvenimento dell'autovettura di Fedele a Mentone. Pellegrino, probabilmente dopo avere mostrato alla madre l'articolo che dava la notizia del ritrovamento, dice alla donna "ci sono arrivati" e lei risponde con un indicativo "Noo...". Un altro scambio di battute si ha quando Pellegrino mostra alla madre qualcosa, probabilmente un articolo di giornale online e dice "Eccolo mamma"; la madre risponde: "hanno scritto così, ma tu che ne sai se è vero..." e lui commenta: "Ma sì che è vero".



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place