CRONACA

Dalla Foce a Boccadasse oltre 1500 partecipanti

Genova si colora di rosa, la marcia delle donne per dire 'No alla violenza'

domenica 29 settembre 2019
Genova si colora di rosa, la marcia delle donne per dire 'No alla violenza'

GENOVA - Genova si è colorata di rosa per dire no alla violenza di genere. Sono infatti oltre 1500 le donne che partecipano alla marcia contro la violenza alle donna organizzata dall'associazione My Trekking per il Centro anti violenza Mascherona.

Un'onda lunga che con voce forte e decisa dalla Foce fino a Boccadasse sfila porre l'attenzione sul problema. E sono tante le mamme, le nonne e le figlie che non sono volute mancare a questo appuntamento. Anche l'assessore alle Pari opportunità di Regione Liguria Ilaria Cavo a partecipato all'evento e in un post su Facebook ha scritto: "La forza delle donne! 1500 iscritte alla Marcia in rosa per raccogliere fondi per il centro antiviolenza Mascherona".

In marcia anche la capogruppo del Pd in Consiglio comunale Cristina Lodi mentre la capogruppo in Regione del M5s Alice Salvatore, commentando l'iniziativa ha detto: "La situazione delle donne necessita di miglioramenti sostanziali, soprattutto in termini di assistenza. Le leggi nazionali sono ancora deficitarie: non assicurano né un trattamento di eguaglianza, né un'adeguata protezione della loro salute. È per questo motivo che in Regione stiamo lavorando per modificare la normativa: dopo aver ascoltato diverse vittime di violenza".

I DATI ISTAT - Quasi 7 milioni di donne italiane dai 16 ai 70 anni hanno subito almeno una volta nella vita una forma di violenza (20,2% violenza fisica, 21% violenza sessuale con casi nel 5,4% di violenze sessuali gravi, come stupro e tentato stupro). Numeri sconvolgenti se si considera che a praticare le violenze siano stati partner o ex partner: nel dettaglio, su una cifra di 3 milioni di donne, la violenza è avvenuta nel 5,2% dei casi dall’attuale partner e nel 18,9% dei casi da un ex partner.

Le forme di violenza subite dalle donne non riguardano solo la violenza fisica o sessuale, le forme più gravi in assoluto, ma anche forme di abusi di diversa tipologia: minacce (12,3%), spintonate (11,5%), schiaffi, calci e morsi (7,3%), contusioni per mezzo di oggetti (6,1%). Quanto, invece, alla violenza sessuale: il 15,6% delle donne ha subito la forma di violenza sessuale più diffusa, ovvero essere baciate, toccate o abbracciate contro la propria volontà, mentre i rapporti sessuali inflitti con la forza e contro la volontà della vittima sono al 4,7%; i tentati stupri arrivano al 3,5% e gli stupri effettivi al 3%. Chi abusa delle donne? Oltre a partner ed ex partner, si rilevano violenze da parte dei colleghi di lavoro nel 2,5% dei casi, da parenti nel 2,6%, da amici nel 3% e da conoscenti nel 6,3% dei casi.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place