Cronaca

L'attività investigativa, è stata avviata a gennaio di quest'anno, dopo il ritrovamento di alcune dosi di hashish e cocaina che la polizia penitenziaria ha trovato nascoste dentro un pacco spedito da Carrara
1 minuto e 59 secondi di lettura

GENOVA-In carcere perchè principale indagato nell'omicidio  dell'ex fidanzata davanti al figlio si faceva arrivare la droga tramite la nuova compagna. I Carabinieri hanno portato a termine una delicata indagine che ha permesso di scoprire un giro di droga destinata al detenuto nel carcere della Spezia. L’uomo, originario del Marocco, dalla sua cella usava un telefonino per comunicare con la sua fidanzata italiana che vive a Carrara, fornendole precise istruzioni su come procurarsi la droga e su come fargliela arrivare in cella. Dopo il lavoro dei carabinieri è stato identificato e denunciata la donna e anche il pusher che forniva la droga da portare in carcere: per lui è scattato l'obbligo di firma in caserma.

L'attività investigativa, è stata avviata a gennaio di quest'anno, dopo il ritrovamento di alcune dosi di hashish e cocaina che la polizia penitenziaria ha trovato nascoste dentro un pacco spedito da Carrara, destinato al 30enne poiché indagato per omicidio. Le dosi di droga si trovavano dentro alcuni flaconi di creme per il corpo, opportunamente confezionate per fare in modo che gli addetti al "filtraggio" non le trovassero, ma evidentemente quell’ingegnoso sistema non aveva funzionato.

Sospettando che quelle consegne andassero avanti da molto tempo e che si fosse innescato un meccanismo ben oliato per far arrivare la droga in carcere, è stata avviata un'indagine affidata ai Carabinieri della Compagnia di Carrara, che hanno raccolto numerosissimi elementi attraverso attività tecniche, analisi di filmati e pedinamenti. Alla fine, i militari hanno ricostruito il metodo utilizzato dagli indagati per introdurre nell’istituto di penale le dosi di droga che venivano ordinate dal 30enne detenuto utilizzando un telefono abusivo, di cui l’uomo si è servito per mantenere frequenti contatti con la fidanzata, comprese alcune videochiamate dalla cella. Oltre alle dosi di cocaina e hashish, venivano chieste anche delle pasticche di ossicodone, un farmaco vendibile solo con ricetta medica che è presente sul mercato dello spaccio perché può trasformarsi in uno stupefacente con effetti superiori a quelli dell’eroina. 

In concomitanza con l'esecuzione delle misure cautelari, i carabinieri di Carrara e i poliziotti penitenziari di La Spezia hanno effettuato delle perquisizioni che hanno portato al ritrovamento di vari telefonini ritenuti utili per l’acquisizione di ulteriori elementi d'indagine. La 32enne, dopo la notifica del provvedimento, è stata sottoposta agli arresti domiciliari. Lo stesso provvedimento è stato notificato al 30enne già detenuto in carcere, mentre il suo connazionale 29enne è stato sottoposto all’obbligo di firma.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 03 Maggio 2022

Genova, usa la sua casa come piazza di spaccio: arrestato

Durante la perquisizione dell'appartamenti sono stati sequestrati 813 grammi di hashish, 66 gr. di eroina, 220 gr di marijuana, 16 piantine di marijuana, 6 kg di olio di estratto di marijuana e 2.120 euro in contanti
Lunedì 16 Maggio 2022

A Genova il convegno sul traffico di droga, la Dia: "In Liguria la mafia albanese lavora per 'ndrangheta"

Ha dato l'allarme così Maurizio Vallone, direttore della Dia: "Da oltre trent'anni la Liguria ha visto la presenza di tutte le mafie. Ma gli investigatori sono riusciti a fronteggiare le infiltrazioni"
Sabato 30 Aprile 2022

Genova, arrestato spacciatore grazie all'app YouPol: in camera sua 11 chili di droga

GENOVA - Tutto merito della app YouPol l'arresto di un 28enne spacciatore che in camera sua custodiva 11 chili di droga. Lo spacciatore viveva a San Fruttuoso: la sua abitazione è stata perquisita a seguito di una segnalazione anonima e per lui è scattato l'arresto.  Una volta arrivati, dall'appart
Giovedì 28 Aprile 2022

Operazione Ferragosto, i poliziotti arrestano 24enne: nascondeva la droga in frigo

Lo scorso Ferragosto - da cui deriva il nome dato all’intera attività - è stato effettuato l’ arresto di un 40enne per detenzione ai fini di spaccio in quanto all’interno della sua abitazione gli investigatori avevano trovato circa 3 chili di hashish