Cronaca

GENOVA - Ancora una giornata di caos per la viabilità della Liguria.

Sulla A10 si è verificato un incidente che ha coinvolto due autovetture e ha generato 2 km di coda tra Genova Pegli e Genova Aeroporto in direzione Genova. Intervento in atto per liberare la corsia di sorpasso su cui si trovano i due veicoli coinvolti. Sempre sulla A10 coda di 3 km tra Feglino e Finale Ligure in direzione Francia causa lavori.

Sulla A26 coda di 4 km tra Ovada e Masone per lavori in direzione Genova Voltri.

Sulla A7 coda tra Bivio A7/A12 Genova-Livorno e Genova Sampierdarena per traffico intenso sulla viabilità ordinaria in direzione Genova. 

Sulla A15 rallentamenti tra gli svincoli di Vezzano Ligure e Stagnoni in direzione La Spezia causa lavori.

Aggiornamento delle ore 12,00

Sulla A10 coda di 6 km tra Spotorno e Finale Ligure causa lavori in direzione Francia, coda di 5 km tra Borghetto e Finale Ligure causa lavori in direzione Italia, coda di 1 km tra Confine di Stato e Ventimiglia causa lavori in direzione Italia.

Sulla A26 coda di 2 km tra Ovada e Masone per lavori in direzione Genova Voltri.

Sulla A12 coda di 1 km tra Lavagna e Chiavari per lavori in direzione Genova.

Sulla A7 coda di 1 km tra Busalla e Ronco Scrivia per riduzione di carreggiata in direzione Milano.

Aggiornamento delle ore 10,40

Sulla A10 coda di 5 km tra Spotorno e Finale Ligure causa lavori in direzione Francia, coda di 2 km tra Borghetto e Finale Ligure in direzione Italia causa Lavori

Sulla A7 coda di 1 km tra Genova Bolzaneto e Busalla per riduzione di carreggiata in direzione Milano.

Sulla A26 coda di 3 km tra Ovada e Masone per lavori in direzione Genova Voltri.

Sulla A12 code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Recco e Svincolo Rapallo in direzione Livorno.

 

(Immagine di archivio)

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 30 Giugno 2022

Savona, residenze fittizie per evitare le tasse: scovati 90 "furbetti"

SAVONA - Residenze fittizie per evitare tasse, individuate 90 persone nel savonese. Scovati dalla guardia di finanza di Savona novanta "furbetti", prevalentemente provenienti dal Piemonte e dalla Lombardia, che hanno acquistato immobili in differenti comuni della riviera savonese, dichiarando fitti