Sport

Addio al primo capocannoniere della storia della Sampdoria. Se n'è andato a 90 anni, a Milano, Sergio Brighenti, nato a Modena nel 1932. Aveva vinto la classifica dei marcatori nel 1961 (foto a sinistra), con 27 gol in 33 partite, reti che secondo lui sarebbero state 28, per via di un autogol controverso. Un dato che l'attaccante scomparso non avrebbe mancato mai di ricordare per tutto il tempo rimastogli.

Dopo di lui, soltanto Gianluca Vialli nel 1991 (19 gol nella stagione dello Scudetto) e Fabio Quagliarella nel 2019 (26 reti) sono riusciti nell'impresa in maglia blucerchiata. Proprio Vialli è intervenuto sul profilo ufficiale della UC Sampdoria, salutando il predecessore: "RIP Mitico bomber blucerchiato e uomo con un grande cuore!".

Nel 1962 segnò ai lussemburghesi dell’Aris Bonnevoiue, nel turno inaugurale di Coppa delle Fiere, il primo gol in Europa della storia blucerchiata. Il suo bilanco doriano è di 46 gol in 73 gare. Quindi tornò al Modena nel 1963 per chiudere poi la carriera con la maglia del Torino. Intrapreso il cammino di allenatore, affiancò l’ex compagno blucerchiato e amico Azeglio Vicini sulla panchina della Nazionale italiana (foto a destra) dal 1986 al 1991.