Porto e trasporti

ALBIANO MAGRA - Potrebbero diventare definitive e non più provvisorie le rampe costruite sulla A12 per salvare la viabilità al confine tra Liguria e Toscana in seguito al crollo del ponte di Albiano Magra, avvenuto l'8 marzo 2020. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha avviato le procedure per mantenerle anche in seguito alla costruzione del nuovo viadotto.

Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Regionale GianMarco Medusei: "Sarebbe poco logico mandare 'in pensione' un'opera costata 4 milioni di euro, inaugurata a luglio scorso e che ha tolto dall'isolamento la piana di Ceparana, un'area strategica dove ogni giorno transitano migliaia di lavoratori, rivelandosi quindi cruciale per la viabilità e l'economia del territorio".

"Auspico che la procedura avviata dal Ministero si concluda al più presto con un esito positivo - prosegue Medusei - come si aspettano cittadini, imprese e comitati. Il Consiglio regionale ha anche chiesto all'unanimità alla Regione di promuovere un accordo con Anas e Salt per garantire la gratuità del pedaggio anche ai residenti e lavoratori dei comuni di Calice, Vezzano e Follo".

ARTICOLI CORRELATI

Domenica 16 Gennaio 2022

Ponte Albiano, varata la campata centrale

Toti: "Un passo avanti importante verso la ricostruzione"