Porto e trasporti

A sollevare i dubbi dell’Anac, in particolare, è l’utilizzo del decreto Genova, ma Autorità Portuale risponde: "Chiarimento è un atto dovuto"
1 minuto e 33 secondi di lettura

GENOVA - In 22 pagine e otto tra anomalie e criticità l’Anac, Autorità nazionale anticorruzione, ha contestato l’impianto normativo e le procedure dell’appalto per la realizzazione della nuova diga foranea del porto di Genova. La notizia, riportata dal quotidiano La Repubblica, è stata confermata dall’Autorità portuale che – in queste ore, in una nota – ha assicurato che risponderà entro i termini previsti con una relazione dettagliata.

A sollevare i dubbi dell’Anac, in particolare, è l’utilizzo del decreto Genova che, oltre a prevedere aiuti e deroghe per la ricostruzione del ponte Morandi, sosteneva il capoluogo ligure anche per interventi necessari a rianimare l’economia regionale attraverso viabilità e ferrovie, per un’opera in realtà programmata già nel 2010.

Sotto la lente anche la “singolarità della procedura di affidamento seguita da Autorità Portuale” con l’Anac che ha contestato la “trattativa negoziata” che “potrebbe aver ristretto la concorrenza considerato che i prezzi sono stati rinegoziati con Webuild e Eteria, rilevando il mancato rispetto del principio di par condicio”. Dall’articolo di Repubblica viene poi sottolineato come la modifica al capitolato introdotta per rendere più appetibile l’appalto potrebbe aver “costituito una alterazione delle iniziali condizioni di gara non controbilanciata da una apertura alla concorrenza”.

“In risposta alla richiesta di chiarimenti da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione in merito alla Nuova Diga Foranea di Genova, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale trasmetterà entro i termini richiesti una dettagliata relazione sull’appalto”, riporto la nota di palazzo San Giorgio, l’ente che ha bandito la gara da un miliardo e 300 milioni di euro.

Per l’Autorità di sistema portuale la richiesta di chiarimenti sull’opera più importante e costosa del Porr è quasi un atto dovuto: “Si tratta di ordinaria attività di vigilanza relativa alle procedure del codice dei contratti pubblici, frequente specie in ipotesi di rilevante valore economico e complessità”.

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 01 Agosto 2023

Diga Foranea, continuano i lavori: al via la bonifica bellica

La bonifica bellica subacquea è mirata al ritrovamento di ordigni inesplosi situati o sul fondo marino o in profondità. Sarà la prima volta in Italia con sommozzatori in impianto iperbarico
Lunedì 31 Luglio 2023

Esclusiva Primocanale: Aeroporto Genova, ipotesi seconda pista

https://www.youtube.com/embed/ATUmP81BQj0 GENOVA - Ipotesi seconda pista per l'aeroporto Cristoforo Colombo di Genova. La notizia, raccolta in esclusiva da Primocanale, è stata commentata oggi dal viceministro alle Infrastrutture e ai trasporti Edoardo Rixi. Onorevole hai mai sentito di questa pos
Mercoledì 26 Luglio 2023

Assagenti: "Viabilità critica, senza opere con la diga città rischia collasso"

A causa dell'aumento dei volumi di container e di camion
Giovedì 27 Luglio 2023

Triora, no alla diga, Di Fazio: "Si agli invasi e allo studio di fattibilità"

La spaccatura tra Triora e Badalucco, in materia di infrastrutture idriche, sembra insanabile
Lunedì 24 Luglio 2023

Liguria Digitale, la strategia digitale tra lavoro e turismo

https://www.youtube.com/embed/1BcNuMDbTxc 
Sabato 29 Luglio 2023

Badalucco, no alla diga: in centinaia a protestare contro l'infrastruttura

I manifestanti: "Ora come allora: non cederemo di un passo"