Politica

Le opposizioni hanno presentato il documento per chiedere le dimissioni del presidente Giovanni Toti
2 minuti e 26 secondi di lettura

GENOVA - C'è chi lo considera il giorno X, quello della verità, chi invece non attribuisce troppa importanza alla mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni in consiglio regionale. Così, nel primo martedì di giugno, è pronto ad andare in scena lo scontro frontale tra maggioranza e opposizione sul futuro della Regione e del presidente (sospeso) Giovanni Toti, agli arresti domiciliari dal 7 maggio scorso. Per lui pende l'accusa di corruzione e voto di scambio. Politicamente Giovanni Toti, dalla sua casa di Ameglia, ha incontrato prima un suo fedelissimo come Giacomo Giampedrone e, successivamente, ha preparato una lettera che verrà letta nella giornata di domani, martedì 4 giugno ndr, dal capogruppo della Lista Toti Alessandro Bozzano. Durante l'incontro avvenuto nei giorni scorsi tra Giovanni Toti e l'assessore alle Infrastrutture, l'ex forzista ha ribadito un concetto che era già emerso in passato: "Non mi dimetto, si va avanti compatti insieme alla maggioranza".

Parole che sono state pronunciate alla presenza del legale Stefano Savi. Un messaggio chiaro, diretto alla minoranza ma anche al centrodestra, per chiedere quella compattezza da subito invocata e scongiurare qualsiasi fuga in avanti. E per consolidare la propria intenzione di non dimettersi, affiderà a una lettera di tre pagine la rivendicazione del "bene pubblico delle scelte". Così, la voce di Bozzano farà eco a quella di Toti, per ribadire la presenza, nonostante l'assenza fisica, del presidente ligure. L'assessore Giampedrone ha definito Toti "sereno e motivato". Le sue giornate trascorrono, tra un documentario e l'altro, nello studio prolungato delle carte, per tornare al più presto al lavoro. "Al momento infatti non ha intenzione di dimettersi e attende di tornare al suo ruolo anche per confrontarsi con la maggioranza e decidere qual è il cammino da perseguire da qui ai prossimi mesi" aveva spiegato Giacomo Giampedrone.

D'altro canto, ci sono le opposizioni che hanno presentato una mozione di sfiducia nei confronti del presidente Giovanni Toti e della sua giunta, firmata da tutti i partiti (Partito Democratico, Mov5s, Linea Condivisa e Lista Sansa) a eccezione di Azione, che però ha annunciato che voterà a favore. Nel frattempo, quindi, la minoranza ha presentato la mozione di sfiducia n.109 nella quale si legge che "ci troviamo di fronte a una giunta e a una maggioranza che non ha le condizioni politiche per proseguire, dimezzata per potere e funzioni, senza l'autorevolezza necessarie per gestire nella pienezza delle proprie competenze e con la credibilità necessaria per le sfide che riguardano la nostra Regione". Per queste ragioni, e per la "tenuta economica e sociale", i partiti di minoranza chiedono "lo scioglimento del consiglio regionale e lo svolgimento di nuove elezioni come l'unica strada possibile per restituire dignità alle istituzione, per evitare una situazione di stallo della Regione e per garantire un governo regionale che operi nella piena legittimazione democratica e politica". Sarà una battaglia a colpi (anche bassi) di interventi che sfoceranno con il voto finale in aula, che decreterà o meno la fiducia al presidente Giovanni Toti.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 29 Maggio 2024

Mozione sfiducia a Toti, il 4 giugno il voto in consiglio regionale

GENOVA - Dopo un consiglio regionale a dir poco incandescente, andavo in scena martedì 28 maggio, arriva l'ufficialità rispetto alla mozione di sfiducia nei confronti del presidente (sospeso) Giovanni Toti. La data sul calendario è quella del 4 giugno, momento in cui l'aula voterà a favore o contro
Martedì 28 Maggio 2024

Scontro in consiglio regionale, slitta a martedì la mozione di sfiducia

GENOVA - Dopo una giornata con la tensione alle stelle e al cardiopalma, i capigruppo dei partiti del consiglio regionale si sono incontrati in una Upi alle 17 e hanno deciso la data in cui andrà in scena la mozione di sfiducia nei confronti del presidente (sospeso) Giovanni Toti, ma in realtà a tut
Martedì 28 Maggio 2024

Tensione alle stelle in consiglio regionale, l'opposizione abbandona l'aula

GENOVA - È un consiglio regionale da barricate e digos alla porta quello che è andato in scena il terzo martedì dopo l’inchiesta giudiziaria che ha travolto Regione Liguria. A rendere incandescente il clima ci ha pensato, inizialmente, il mancato tempismo rispetto alla deposizione della mozione di s