Politica

Andrea Orlando, ministro del Lavoro ed esponente di primo piano del Pd, augura buon lavoro ai sindaci di centrodestra Bucci e Peracchini riconfermati nelle due principali città della Liguria e analizza la doppia sconfitta elettorale a Genova e alla Spezia, quest'ultima sua città natale: "Le sconfitte del centrosinistra di Genova e Spezia sono state nette in una tornata che ha visto quasi ovunque una conferma dei sindaci uscenti. E non consola la crescita delle liste del Pd rispetto a 5 anni fa. In una battaglia che sapevamo difficile, abbiamo pensato in molti che il ballottaggio fosse a portata di mano. Dovremo analizzare e discutere questo risultato per ripartire, con serietà ed umiltà. Ci ha penalizzato un astensionismo più forte che altrove. Evidentemente, nonostante le ottime campagne condotte con intelligenza e passione da Piera e Ariel, che voglio ringraziare, non siamo riusciti a tramettere un’idea alternativa di futuro per le nostre città".

"Francamente non credo ci fosse altra strada - conclude - rispetto alla costruzione di alleanze quanto più ampie possibile che abbiamo ricercato con fatica e spirito unitario, una ricerca che abbiamo pagato con qualche conseguente ritardo nell’individuazione delle candidature. L’elettorato, infatti, ha punito nettamente chi si è collocato fuori dalle due principali coalizioni e non credo che ci sarebbe stato un risultato migliore presentando il campo progressista in ordine sparso. Penso, invece, che dobbiamo procedere con maggior determinazione al rafforzamento organizzativo e al rinnovamento del partito che nonostante tutto si è confermato il perno di ogni possibile alternativa alla destra".