CRONACA

Telecamere accese per una notte sulla movida del centro storico

Restrizioni a Genova, Primocanale nei vicoli. I commercianti: “Aiutateci a non chiudere”

di Andrea Scuderi

sabato 24 ottobre 2020



GENOVA - “Via San Bernardo è diventata deserta da due settimane. Un venerdì sera così non lo vedevamo neanche durante le allerte rosse. Stasera abbiamo fatto quattro coperti. E’ demoralizzante. Rischiamo di non farcela”. Maria, titolare di una trattoria nei vicoli di Genova, dopo Dpcm e ordinanze con le restrizioni che vietano gli spostamenti senza motivo, racconta i timori per il futuro e mostra uno striscione alle telecamere di Primocanale in diretta per raccontare la movida del venerdì sera con le nuove regole. Recita così: ‘Aiutateci a non chiudere, non abbandonate il centro storico’.

“In alcune sere abbiamo zero persone a tavola. A pranzo riusciamo a fare qualche cliente, ma anche molti uffici stanno chiudendo con i dipendenti che lavorano da casa. Rischiamo di non farcela”, spiega Maria. E Silvana, sua dipendente, aggiunge: “Mi rendo conto che non sarà facile per i titolari pagare i nostri stipendi. E’ il buio totale. Un lockdown non dichiarato. Crediamo nella nostra realtà, ma così non sappiamo che fine faremo, non sappiamo cosa dire alle nostre famiglie. La disperazione totale”. Non è l’unica voce che mostra desolazione: “C’è un calo continuo delle presenze. Accogliamo i clienti in sicurezza rispettando le norme. Ma il calo è impressionante, parliamo dell’80%. Oltre al problema di comprendere ordinanze e Dpcm c’è la paura delle persone”, spiega Egidio Soli del Civ.

Anche i pochi ragazzi dentro bar e pub mostrano amarezza: “E’ triste. Il rischio è che si torni ad anni fa quando i vicoli erano meno sicuri e meno ‘amichevoli’. Non dobbiamo ghettizzare questo posto”, dice un giovane che vive nei vicoli e solitamente frequenta anche la sera i locali nel centro storico. Un amico aggiunge: “Il covid è un problema, è giusto dare un segnale, ma le chiusure così rischiano di essere uno sbaglio. Forse servirebbero più controlli e sanzioni per chi non rispetta le regole”. E su questo tema Thomas d’Assisi, vice dirigente commissariato Centro Genova, spiega come la presenza è costante in questi giorni: “Nelle ultime 24 ore abbiamo identificato 45 persone, sanzionato due persone che non hanno rispettato la normativa covid. Ma si è proceduto anche a denunce e sequestro di sostanze stupefacenti. La nostra presenza incide anche sulla microcriminalità sia in chiave preventiva che in chiave repressiva”.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place