POLITICA

I consiglieri di centrodestra respingono il documento a maggioranza

Regione Liguria, no del consiglio a un sostegno alla legge Zan sull'omofobia

martedý 02 febbraio 2021
Regione Liguria, no del consiglio a un sostegno alla legge Zan sull'omofobia

GENOVA - Il Consiglio regionale della Liguria ha respinto una mozione che avrebbe impegnato la Giunta Toti a sostenere la proposta di legge Zan contro l'omotransfobia in discussione in Parlamento.

Il documento presentato dal capogruppo Giovanni Pastorino (Linea Condivisa) è stato respinto con 18 voti contrari (l'intero centrodestra) e 11 a favore (l'intero centrosinistra e il M5S). Pastorino chiedeva alla Giunta di trasmettere "il sostegno del Consiglio Regionale della Liguria all'approvazione della proposta di legge in

materia di violenza o discriminazione per motivi di sesso, genere, orientamento

sessuale e identità di genere con la predisposizione di politiche attive dedicate".

"La proposta di legge Zan attacca le libertà di espressione e pensiero. - interviene il capogruppo della Lega Stefano Mai - Neppure la Cei è entusiasta di questa norma perché potrebbe inserire il reato di opinione". "Non la condivido in maniera più

assoluta, - commenta il consigliere Stefano Balleari - introduce un reato d'opinione, rischia di bloccare la democrazia e la partecipazione, potrebbe essere discriminatoria".

I capigruppo Angelo Vaccarezza (Cambiamo!) e Claudio Muzio (Forza Italia-Liguria Popolare) hanno proposto di portare la mozione in commissione per arrivare a un documento condiviso contro l'omofobia senza necessariamente sostenere la

legge Zan. "Nella mia storia di sindacalista non ho mai discusso sui principi - è stato il rifiuto di Pastorino alla proposta-.Non intendo rimandarla in commissione per arrivare a un documento annacquato".



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place