PORTI E LOGISTICA

Il presidente dell'associazione delle società concessionarie autostradali,

Porto di Genova, Palenzona choc: "I genovesi piangono sempre e chiedono sempre"

di Giuseppe Sciortino

lunedì 21 ottobre 2019
Porto di Genova, Palenzona choc:

CERNOBBIO (CO) - "I genovesi piangono sempre e chiedono sempre". A puntare il dito contro un'intera città è il presidente di Conftrasporto, Fabrizio Palenzona, durante il suo intervento al Forum internazionale in corso a Cernobbio. Un attacco frontale e (forse) non casuale: Palenzona è anche presidente di Aiscat, l'associazione italiana delle società concessionarie autostradali, e in passato è stato presidente di Adr (gruppo Atlantia, lo stesso di Autostrade per l'Italia).

Palenzona ha menato fendenti davanti a una sala impietrita. "Il porto si è fermato per colpa loro: hanno deciso di non lavorare di notte perché costa troppo. Ma, chiedo retoricamente, che competitività è? Qualunque porto del mondo funziona anche di notte perché deve essere sfruttato al massimo, ma i genovesi hanno l'idea che il boccone deve essere grande come la bocca e invece il boccone deve essere grande come serve al Paese". E "il Paese ha bisogno di queste infrastrutture che devono funzionare e non ci devono essere camarille locali che le bloccano".

E quando il tema cade sul crollo di Ponte Morandi, Palenzona abbozza una timida denuncia. "Se c'è stata una disgrazia e se qualcuno ha fatto degli errori, deve andare in galera, perché ci sono stati dei morti. Non c'è discussione e non ci sono scuse per nessuno, se ci sono le colpe". Quando qualcuno gli fa notare l'uso sicuramente a sproposito di una frase ipotetica sulle eventuali colpe in presenza di 43 vittime e di report falsi, Palenzona glissa: "Il sistema deve poter funzionare: non si possono tenere fermi investimenti centrali per lo sviluppo del Paese per anni e anni". Con buona pace di morti, feriti e rispettive famiglie.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place