SPORT

Pioggia di gol al Picco, rimonta e contro-rimonta che premia gli ospiti

Lo Spezia sfiora l'impresa contro la Juventus, al Picco finisce 3 a 2 per gli ospiti

di F.S.

mercoledý 22 settembre 2021
Lo Spezia sfiora l'impresa contro la Juventus, al Picco finisce 3 a 2 per gli ospiti

LA SPEZIA - Ottima prestazione nonostante il risultato per lo Spezia di Thiago Motta, che dopo essersi trovato in svantaggio nel primo tempo raccoglie le forze per ribaltarla nella ripresa, anche se lo sforzo viene vanificato dalla rimonta definitiva della Juventus. Uno Spezia che è sceso in campo fin da subito con coraggio e personalità mettendo sotto la Juventus anche dopo l'1 a 0 degli ospiti. 

Clicca qui per leggere le dichiarazioni nel post partita di mister Thiago Motta

Motta si affida al consueto 4-3-3 con Zoet tra i pali, mentre la difesa è composta da Amian, Hristov, Nikolaou e Bastoni; Ferrer, Bourabia, Maggiore ad agire sulla mediana, in avanti il trio Verde, Antiste e Gyasi in attacco, confermata l'assenza di Erlic in difesa. Allegri schiera i suoi con un 4-4-2 con Szczesny in porta, Danilo e De Sciglio terzini, Bonucci e De Ligt al centro della difesa; Chiesa e Rabiot esterni, Bentancur e McKennie in mediana; Kean e Dybala in avanti.

I primi che si fanno vedere in avanti sono i ragazzi di Thiago Motta. Poi è la Juve che si fa intraprendente con le sortite offensive di Chiesa che mettono in difficoltà la difesa Aquilotta che si rifigia in calcio angolo.  Fioccano i calci d'angolo per la Juventus. Al 15' è De Ligt sugli sviluppi di uno di questi si gira bene ma spedisce alto sopra la traversa.  Al 27° la Juventus si porta in vantaggio grazie a Kean, che dopo essersi smarcato pesca l'angolino basso dal limite dell'area, tiro imparabile per Zoet con il pallone che gioca di sponda col palo e si insacca. Al 33° però lo Spezia risponde subito con Gyasi, che da sinistra si accentra e fa partire un gran destro a giro che non lascia scampo a Szczesny.

Nei minuti finali del primo tempo, Dybala conquista una punizione dalla lunetta che batte lui stesso, pallone centrale che Zoet blocca con sicurezza. Si rinnova il duello poco dopo, stavolta Dybala calcia su azione e Zoet è bravo a deviare in angolo. Prima del duplice fischio, un'altra punizione battuta da Dybala sulla quale Zoet si inginocchia ed evita guai.

Doppio cambio per Allegri che inserisce Alex Sandro e Locatelli per Bnetancur e De Sciglio. Nella ripresa lo Spezia rientra in campo con l'aggressività e il carattere acquistato nel finale del primo tempo, e al 50' trova il secondo gol che ribalta la gara: lancio di Maggiore con Antiste che scappa a Bonucci, il francese poi tiene palla e scarica il destro sul primo palo sorprendendo Szczesny.

Risposta della Juventus al 55' ed al 57', sempre con McKennie che prima prova di testa e trova la deviazione di Zoet, poi calcia su invito di Chiesa ma spara alto. Al 60' è ancora Dybala contro Zoet, che spinge via un tentativo con l'effetto dell'argentino. Terzo cambio Juventus, entra Morata per Kean.

Occasione incredibile per lo Spezia ancora con Antiste al 65': cross basso da sinistra di Bastoni, non tocca nessuno poi Antiste prova col destro, salva sulla linea De Ligt. Al 66' segna ancora la Juventus, mischia in area su cui si avventa Chiesa, anticipa Zoet in uscita e cadendo segna il nuovo pareggio. Subito dopo il gol, Bernardeschi viene inserito per Rabiot. Nuovo ribaltone, ma stavolta segna la Juventus: corner di Dybala con il pallone che rimane attraversa l'area, De Ligt calcia al volo di sinistro e beffa Zoet.

Primi cambi anche per Thiago Motta, che cambia faccia allo Spezia inserendo Manaj, Sala e Nzola per Verde, Antiste e Bourabia. Esaurisce i cambi invece Max Allegri, che deve privarsi di Chiesa dopo essere subentrato a causa di guai fisici: dentro va Kulusevski.

All'84' miracolo di Szczesny su Maggiore, che sfrutta il liscio di Alex Sandro per impattare con il sinistro, provvidenziale il polacco. Anche Salcedo fa il suo ingresso per dare riposo proprio a Maggiore. Rimane vivo lo Spezia che arriva con insistenza all'interno dell'area avversaria, facendo sudare i bianconeri sino all'ultimo.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place