CRONACA

Cda Edizione e Aspi con vertici in bilico

Arresti Autostrade, altro tonfo di Atlantia in Borsa. Toninelli: "Ingegnere Mit temuto da Aspi"

luned́ 16 settembre 2019
Arresti Autostrade, altro tonfo di Atlantia in Borsa. Toninelli:

GENOVA - L'ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e senatore del Movimento cinque stelle, Danilo Toninelli, ha pubblicato sul suo profilo Facebook un meme con gli ultimi sviluppi dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi e, facendo riferimento all'operato del direttore generale per la vigilanza sulla concessionarie autostradali del Mit, Placido Migliorino, si dice "davvero felice che il 'mastino' considerato uno spauracchio da Aspi sia, come emerge dalle intercettazioni, quell'ingegnere del Mit con cui ho condiviso ispezioni mai fatte prima (ahimé). Un funzionario che abbiamo valorizzato a tal punto da farlo sentire protetto da un ministro convinto che lo Stato dovesse tornare a fare lo Stato", ha rimarcato Toninelli. 

Intanto, Atlantia ha registrato un altro ko in Borsa dopo l'arresto di tre dirigenti delle controllate Aspi e Spea (e altre misure cautelari a carico di sei persone) per i rapporti sullo stato di manutenzione di alcuni viadotti della linee autostradali gestite dalle societa' della holding. Le misure rientrano nell'ambito di un nuovo procedimento penale aperto dalla Procura di Genova nei confronti di dirigenti e tecnici di Aspi e Sprea per presunta attività di falso nei rapporti riguardanti le condizioni e le criticità di alcuni viadotti autostradali. Dopo il -8% di venerdì, le azioni cadono ancora di oltre il 7% scendendo sotto i 21 euro, raggiungendo il minimo da febbraio scorso.

Cresce l'attesa per le decisioni di cui si faranno carico i due consigli di amministrazione in programma, quello della controllata Autostrade per l'Italia e quello dell'azionista di riferimento Edizione. Secondo alcune ricostruzioni è possibile che le riunioni possano riguardare (nel caso di Edizione) anche un ricambio ai vertici della holding quotata con la figura del ceo, Giovanni Castellucci, in bilico. La stessa Edizione della famiglia Benetton ha annunciato iniziative a salvaguardia delle controllate. L'uscita del manager però, osservano alcune fonti vicine alla famiglia veneta, sarebbe delicata sia per il ruolo chiave di Castellucci nell'integrazione con Abertis sia per il dossier Alitalia. Un Cda straordinario è in programma domani, martedì 17 settembre, a Roma. Al centro ci sarà proprio il futuro di Castellucci. L'incontro è convocato per le 14.30. In una nota la società spiega che "facendo seguito a quanto già comunicato in data 13 settembre" il Consiglio di amministrazione della società è stato convocato dal Presidente Fabio Cerchiai, "d'intesa con l'amministratore delegato" con oggetto "tra l'altro comunicazioni dell'amministratore delegato.

"La situazione è più complessa di quanto appariva. Attendiamo di verificare le decisioni che saranno assunte dai CdA di Aspi ed Edizione Holding per avere un quadro piu' completo e valutare come agire", sottolinea Equita Sim che mantiene al momento la raccomandazione "buy" sul titolo. Posizione di attesa anche per gli analisti di Ubs (anch'essi "buy" sul titolo) che non nascondono tuttavia come gli ulteriori sviluppi possano influenzare negativamente i negoziati con il ministero delle Infrastrutture sulla revisione delle concessioni che il Governo intende perseguire. Nel fine settimana intanto Edizione aveva smentito le ipotesi di una possibile cessione allo studio di Autostrade per l'Italia.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place