Cultura e spettacolo

A Terrazza Colombo il primo tavolo che punta a mettere a confronto tutte le realtà culturali della Liguria: presente il governatore Giovanni Toti, che ha tenuto per sé la delega alla cultura e ha esposto i punti su cui lavorare da qui ai prossimi anni
3 minuti e 6 secondi di lettura

GENOVA - Promesse e buoni propositi al primo tavolo della cultura a Terrazza Colombo, dove alcune delle principali realtà di Genova e della Liguria si sono incontrate per raccontare la grande offerta del territorio, ma al tempo stesso riflettere su ciò che si può implementare per presentare al pubblico una Genova vivace, ricca di bellezza, arte, eventi quale è. Un primo tavolo per dare alcuni spunti e mettere a sistema realtà diverse tra loro, ma che vuole diventare un appuntamento fisso mensile per promuovere il dialogo tra i vari enti.

Ad aprire il dibattito una lunga intervista al presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, che ha deciso di tenere per sé la delega alla cultura che per sette anni è stata di Ilaria Cavo, oggi deputata a Roma. "Ringrazio la vostra emittente per lo spazio che volete offrire a queste tematiche in quanto la televisione è cultura popolare", commenta l'iniziativa il governatore che spiega il motivo per cui ha voluto tenere per sé questa delega, affascinante, ma comunque impegnativa.

"Secondo me la delega alla cultura è importante, mette insieme tanti mondi. Il 40% dei turisti in Italia cercano eventi culturali, che sia un evento, uno spettacolo teatrale o una mostra. L'Italia è una super potenza culturale e la Liguria custodisce un grande patrimonio"

Patrimonio che dopo due anni di pandemia vuole essere ancor più valorizzato e riscoperto. "Non pretendo che Genova ritorni ad essere come nel Rinascimento un importante signoria, ma quello che come Regione Liguria e Comune di Genova ci siamo proposti è di regionalizzare le grandi istituzioni culturali genovesi. Quello che vorremmo vedere è una prima al Teatro Carlo Felice e diretta da Davide Livermore con una mostra collegata di arti figurative a Palazzo Ducale e una cena di gala subito dopo, mettendo insieme tutta l'offerta culturale per fare di Genova una capitale da questo punto di vista".

Non sarà quindi una delega a tempo quella di Giovanni Toti che concluderà il suo mandato tenendo per sé questo incarico, ma garantisce a tutti quanti la sua presenza costante e la disponibilità a dialogare per realizzare nuovi progetti, anche alle realtà più piccole.

Proprio nei giorni scorsi si è tenuto dal primo incontro del governatore Giovanni Toti e del sindaco Marco Bucci con il neoministro alla cultura Gennaro Sangiuliano che ha ascoltato con grande interesse i progetti già in costruzione in città e nella regione.

"È un momento in cui non manca la capacità di investimento del paese, mancano talvolta le idee o le capacità di spendere bene in maniera efficace e veloce i finanziamenti"

Ma secondo Toti non è il caso della Liguria dato che è ricchissima di iniziative, tanto che "è stato ricordato il valore del Teatro Carlo Felice che in questi ultimi tre anni è cresciuto aprendosi sempre più a collaborazioni internazionali, è stato anche presentato un bozzetto di un progetto pensato con Davide Livermore per il Teatro Nazionale di Genova che verrà finanziato localmente, ma che il ministro ha comunque apprezzato". Una bella offerta teatrale che si abbina con altrettanti progetti come la Casa dei cantautori e la realizzazione della funivia per i Forti.

Ma l'offerta culturale della Liguria può e deve anche essere orientata ai più giovani, l'estate 2022 lo ha dimostrato con il successo delle notti bianche organizzate da Regione Liguria pensate per tutte le età, ma anche con il fitto calendario di è stato spettacolo o il Jova Beach Party all'ippodromo di Villanova d'Albenga. "La Liguria deve ospitare anche importanti concerti, nonostante ci sia una problema di spazi, ma auspichiamo il prima possibile di rendere lo stadio di Marassi adatto per ospitare anche eventi per la città e concerti. Non saremo mai la riviera romagnola e non vogliamo esserlo, ma dobbiamo puntare sulla qualità degli eventi proposti e sulla ricchezza degli appuntamenti".

 

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 24 Novembre 2022

Cultura, Toti: "Al ministro chiesti fondi con parsimonia. E vogliamo uno stadio di Marassi che ospiti concerti"

A Terrazza Colombo il primo tavolo che punta a mettere a confronto tutte le realtà culturali della Liguria: presente il governatore Giovanni Toti, che ha tenuto per sé la delega alla cultura e ha esposto i punti su cui lavorare da qui ai prossimi anni
Martedì 22 Novembre 2022

Addio al professor Meriana, fu assessore alla Cultura a Genova

Se n'è andato a 90 anni Giovanni Meriana, scrittore, insegnante e assessore alla Cultura nel Comune di Genova dal 1993 al 1997 (leggi qui). Nato nel 1932 a Savignone, aveva preso la maturità classica all'Istituto Arecco retto dai Gesuiti; si era iscritto alla facoltà di Legge, per passare a Lettere
Mercoledì 23 Novembre 2022

Terrazza incontra la cultura: musei e teatri volano per il turismo

Mercoledì sera viaggio tra le realtà liguri della cultura per raccontare a 360 gradi le attività di musei e teatri e riflettere sulle potenzialità per il turismo della regione
Martedì 22 Novembre 2022

Toti e Bucci incontrano il ministro alla Cultura, "fatto il punto sui progetti strategici"

Al termine il presidente di Regione Liguria Toti e il sindaco Bucci hanno invitato il ministro della Cultura Sangiuliano a visitare la Liguria e le sue eccellenze artistiche