Cronaca

GENOVA - Sono stati sequestrati beni immobili e disponibilità finanziarie per oltre 760 mila euro nei confronti di sette imprese, di cui cinque con sede a Genova, che utilizzavano fatture per operazioni inesistenti per un ammontare di oltre 2 mln e 247 mila euro.

In seguito alle indagini eseguite dalla Guardia di Finanza di Chiavari è emerso che undici società con sede nelle province di Genova, Reggio Emilia, Mantova, Modena, Parma, Catanzaro e Crotone, dal 2016 al 2021, abbiano sistematicamente emesso fatture per operazioni inesistenti a favore delle sette società per finti lavori edilizi, che hanno generato un'evasione delle imposte dirette e dell'Iva per oltre 888mila euro.

Le società che emettevano false fatture sono risultate 'cartiere', ossia atte alla produzione, per l'appunto, di 'carte' che portano all'alterazione dell'efficienza dei mercati. Gli undici titolari delle società e i sette rappresentanti legali sono stati denunciati per emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture o altri documenti per operazioni.

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 17 Febbraio 2022

Lavagna, evadono il fisco con false fatture agli sponsor: 4 denunciati

I reati contestati sono emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti
Martedì 01 Febbraio 2022

Genova, evade dazi per importare Lamborghini: denunciato

GENOVA - È stato denunciato per aver evaso il fisco per circa 90 mila euro l'uomo che ha fatto arrivare illegalmente in territorio dell'Unione Europea una Lamborghini Urus del valore di 260 mila euro. La scoperta è avvenuta questa mattina presso il Porto di Sampierdarena da parte del II Gruppo della