Cronaca

MIGNANEGO - Continua la conta dei casi di positività alla peste suina tra i cinghiali. Sono state analizzate 12 carcasse di cinghiali nelle ultime 24 ore e soltanto due di queste portano i segni della malattia, entrambe sono state localizzate a Mignanego. "La core zone dell'epidemia si sta delineando chiaramente, con il lavoro continuo della task force regionale. Salgono dunque a 17 i casi positivi totali  in Liguria, confermati dall'inizio del monitoraggio", a dare la notizia è il vice presidente della Regione Alessandro Piana. Intanto a Torbi, frazione del comune di Ceranesi, è stata rinvenuta un'altra carcassa che verrà sottoposta ad analisi. 

Non è ancora stato confermato, invece, se le quattro carcasse rinvenute all'interno del Bisagno fossero positive al virus oppure se si trovassero già da tempo nel fiume. Nel frattempo però nel pomeriggio di venerdì sia tenuto un presidio in piazza De Ferrari degli animalisti proprio contro la volontà di abbattimento degli animali presenti nel territorio genovese. Il piano di abbattimento che Liguria e Piemonte vogliono delineare è per evitare il dilagare dell'epidemia oltre i confini in cui si vuole circoscriverla, sia per salvare gli allevamenti sia per limitare la zona rossa di divieti al trekking e bici. 

Animalisti a De Ferrari per i cinghiali del Bisagno: "Sterilizzazione e recinzioni, non uccideteli" - LA NOTIZIA

Dall'incontro dei referenti dei gruppi animalisti con Angelo Ferrari, direttore dell'Istituto sperimentale Zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, che verrà nominato a breve commissario per la gestione dell'emergenza della peste suina, sono arrivate alcune rassicurazioni: si cercherà di fare il possibile per evitare l'abbattimento della colonia di cinghiali sani che vivono nel torrente che attraversa la val Bisagno. "Gli ungulati sarebbero da spostare verso monte - ha spiegato Fabio Dolia, a capo degli Animalisti Genovesi -, facendoli andare via dal quartiere di Marassi e muovendoli lontani dalla zona cittadina. Noi abbiamo chiaramente suggerito la sterilizzazione tramite pastura, in modo da non farli riprodurre e far si che si mantengano una piccola colonia. Inoltre ci è stato spiegato di una possibile grande recinzione nella zona dove verranno trovati gli animali infetti, in modo da far fare al virus il suo corso. Questo potrebbe essere il miglior modo per evitare un abbattimento di massa."

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 05 Febbraio 2022

Peste suina: ispezione a Genova degli ispettori della comunità europea

Quattro carcasse rinvenute nelle ultime ore. Domani animalisti in piazza a difesa dei cinghiali
Venerdì 04 Febbraio 2022

Peste suina, ancora cinghiali positivi. Regione Liguria: "Carni sicure"

GENOVA - Salgono a 15 i casi di cinghiali positivi alla peste suina, il morbo che sta tenendo in scacco tutte le attività che ruotano attorno all'allevamento e al turismo nella zona rossa. "Sono 5 le carcasse esaminate nelle ultime 24 ore - spiega Alessandro Piana, vicepresidente di Regione Liguria
Giovedì 03 Febbraio 2022

Peste suina, controlli nel Bisagno: 120 cinghiali e 4 carcasse

Battuta delle guardiacaccia nel greto, altro ungulato morto a Mignanego
Lunedì 31 Gennaio 2022

Genova, allarme peste: trovato cinghiale morto nel Bisagno

Altro ungulato morto rinvenuto a Costagiutta a Mignanego
Lunedì 31 Gennaio 2022

Peste suina, annullato abbattimento dei maiali di Campo Ligure

Dovevano essere uccisi oggi e inceneriti, saranno invece gradualmente macellati come richiesto dagli allevatori
Sabato 29 Gennaio 2022

Peste suina: nuovi casi in Liguria. Martedì vertice sui cinghiali nel Bisagno

ISOLA DEL CANTONE - Aumentano i casi di peste suina in Liguria. Nelle ultime ore sono stati rilevati casi di positività al virus a Isola del Cantone e Rossiglione. La conferma arriva dal vice presidente della Regione Liguria Alessandro Piana. Salgono così a 14 i casi di peste suina riscontrati in Li