Commenti

Non so chi vincerà le comunali, posso azzardare fin d’ora alcuni dei principali sconfitti: la democrazia rappresentativa, il suffragio universale, naturalmente Genova.

Secondo i dati Primocanale/Tecné, si va verso uno scenario inequivoco quanto mortificante: quasi un avente diritto su due non andrà a votare, quindi il prossimo sindaco avrà l’appoggio pieno di un genovese appena su quattro, contro un sentimento di rigetto o indifferenza degli altri tre. Chiunque prevalga, sarebbe un vincitore incompleto; delegittimato, forse.

Di certo il partito più consistente rischia di essere quello del non voto. Un fenomeno ormai endemico, a qualsiasi livello e qualunque sia il tenore delle consultazioni.

Si è provato a spiegarlo con una disaffezione dovuta a un qualunquismo di ritorno, che però ciclicamente sembra coagularsi invece nella partecipazione polemica, dalla Lega Nord all’Italia dei Valori fino al partito di Grillo, questi ultimi due curiosamente accomunati dalla presenza dietro le quinte dello stesso manager. Non favorisce poi l’afflusso ai seggi la costatazione che ormai dal 2008 gli italiani vanno a votare, scegliendo tra partiti o coalizioni che indicano un potenziale presidente del consiglio, ma poi a Palazzo Chigi si trovano uno che magari nemmeno conoscevano, ma che addirittura non si era neppure candidato: nessun italiano nel 2008 come nel 2013 e nel 2018 era andato a votare pensando che il proprio voto servisse a mandare a guidare il governo Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, Conte e Draghi. Anzi forse non ci pensavano neppure loro.

Si evitino le obiezioni iperformalistiche: in tutti questi casi Costituzione e leggi sono state rispettate, il presidente del consiglio viene nominato dal capo dello Stato e riceve la fiducia delle Camere, può quindi benissimo non essere un parlamentare. Però se restiamo al formalismo allora io che scrivo sono uomo, battezzato e celibe, i soli tre requisiti prescritti dai codici canonici per l’elezione pontificia: quindi se putacaso diventassi Papa sarebbe alla lettera tutto regolare, ma lo sarebbe davvero? No che non lo sarebbe, suvvia.

Di là dal paradosso, può avere un senso l’idea che la fuga dal voto sia conseguenza della svalorizzazione del rito elettorale. Nel pieno della luna di miele con il draghismo, qualche mese fa Paolo Mieli (leggi qui) era arrivato addirittura a proporre, certo per paradosso ma intanto l’aveva buttata lì, di abolire le elezioni, hai visto mai che gli italiani - ossessione ricorrente in ambienti qualificati - votino male?

Ma una simile tesi (la gente non va più a votare perché pensa sia inutile) da sola non basta. Per lo meno a spiegare la desertificazione all’orizzonte a Genova. Ammettiamo pure che questo scenario valga per le elezioni politiche. Però questo è, sarebbe un voto locale. Si tratta di eleggere non un condottiero, ma l’amministratore di un condominio di mezzo milione di abitanti. Inoltre entrambi i candidati principali non hanno una caratterizzazione politica troppo accentuata: il sindaco in carica, sia pure designato da una forza a suo tempo egemone nel campo di appartenenza, si è voluto emancipare nel tempo da questa immatricolazione fino a costituire una propria lista eterodossa, non priva di personaggi che non sarebbe stato sorprendente trovare dalla parte opposta e in taluni casi ne provengono; lo sfidante ha meno remore nell’autoconnotarsi culturalmente, ma sa benissimo che si vince recuperando persuasivamente voti altrui e non galvanizzando chi già lo voterebbe.

Certo, uno che a Genova riuscisse a riportare in cabina elettorale tutti quelli che non vedono per quale motivo andarci, e quindi non ci andranno, vincerebbe al primo turno o quasi. Ma non accadrà: forse perché in città la “tipica accoglienza” ormai viene praticata perfino al proprio interno.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Venerdì 22 Aprile 2022

Porti, assessore Benveduti visita il terminal Psa di Prà: "Accelerare su infrastrutture terrestri"

Permetteranno un più agevole collegamento con il sud e il centro Europa
Giovedì 21 Aprile 2022

Elezioni Genova, Lega: "Accogliamo Italia Viva ma devono rispettarci"

Ci spiace che Paita non apprezzi i simboli di Lega e Fdi - prosegue il comunicato - perché saranno quelli su cui la maggioranza costruisce
Martedì 19 Aprile 2022

Elezioni Comunali, apre il point di Vince Genova con Bucci: i primi nomi in lista

Il point sarà aperto al pubblico da oggi nella centralissima galleria Mazzini: una vera e propria folla, tra candidati e sostenitori, al taglio del nastro
Martedì 19 Aprile 2022

Elezioni a Genova, il sondaggio: centrodestra avanti di 16 punti percentuali

La fotografia di Tecnè in vista delle elezioni di giugno. Il Pd resta il primo partito
Sabato 23 Aprile 2022

Genova celebra la sua bandiera: la città si riempie di Croci di San Giorgio

https://www.youtube.com/embed/CNJuLaMWN98  GENOVA - La città celebra la sua bandiera. Il simbolo della Superba, campeggia ovunque nel giorno in cui Genova omaggiare la storia della sua città. Croce rossa in campo bianco: la bandiera di San Giorgio esposta sugli autobus, alle finestre, ai palazzi, n