Commenti

 Sarà l’apertura di Euroflora nello splendore dei parchi di Nervi, o l’arrivo profumato della primavera, sarà l’appello lanciato dagli esperti in occasione della Giornata della Terra. In ogni caso un mio sogno antico e ricorrente si è riacutizzato in queste ultime ore. L’appello che ho ascoltato e letto è questo: “Riempite di alberi le città!”. Un invito accorato che viene rivolto soprattutto ai sindaci. Dunque visto che a Genova e a La Spezia siamo in piena campagna elettorale e che in queste occasioni le promesse non mancano vediamo se riesco a strappare una promessa dai candidati per esempio di Palazzo Tursi.

E’ impensabile piantare nuovi alberi a Genova? In qualche strada è stato fatto e il paesaggio è cambiato in meglio. Le palme che Renzo Piano a piantato in porto sono per me un simbolo della città futura. Anche a trent’anni di distanza dall’inaugurazione del porto antico. Intelligente e attenta.

Quando il direttore d’orchestra Claudio Abbado ritornò alla Scala chiese come contropartita di piantare molti alberi a Milano. E l’invito fu raccolto e caldeggiato proprio da Renzo Piano. Ma gli alberi non furono piantati. Allora utilizzo le parole del grande architetto, scritte dieci anni fa sul “Corriere” in questa occasione.

Diceva Piano che le città sono immobili, bellissime e spesso immutevoli come le pietre. E sono proprio gli alberi a animarle a dare loro la vita. “Mi chiedo che cosa sarebbe a Parigi Place des Vosges senza tigli”.

Quindi risponde che cosa è stato fatto a chi critica l’idea sostenendo che gli alberi piazzati in un contesto urbano hanno bisogno di terra per le radici, soffrono, (e gli abitanti e i bambini in una città senza alberi stanno forse bene?). E poi diffondono i pollini e bisogna raccogliere le foglie quando cadono e tolgono spazi per i posteggi delle auto. “E’ proprio quello che ci vuole” scriveva Piano.

D’altronde lo affermava anche Cicerone qualche anno prima. “ Serit arbores, quae alteri saeclo prosint”.  Pianta alberi che serviranno in altri tempi.

Appunto. Allora esiste qualche riga nei programmi dei candidati sindaco che prevede di piantare nuovi alberi a Genova?

Il mio sogno ricorrente immagina addirittura una via Assarotti lievemente alberata, invece che spaventosamente inquinata dagli scappamenti di auto, moto e bus. Togliamo le mascherine all’aperto? Ma che cosa respiriamo?

Forse sarà colpa dell’ antica fotografia del mio bisnonno seduto su un’ elegante panchina non massacrata dai vandali e sotto un magnifico platano? Al posto del semaforo in cima alla salita del Barabino. Ha ragione sempre Renzo Piano: l’albero in città riesce a creare una alchimia tra durevole e passeggero. E questo rende più felici le città.

Ascoltiamolo più spesso Renzo Piano….

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 23 Aprile 2022

Il suono del Ge.Mi.To e la riscossa di Alessandria

Una trentina di anni fa, quando noi dei vecchi giornali di carta avevamo ribattezzato il vecchio triangolo industriale Genova, Milano, Torino come GEMITO, non avevamo sbagliato quella tonalità bassa e lamentosa che la sigla proiettava, tra ironie e sfottò.  Per trenta anni l’alleanza storica del No
Venerdì 22 Aprile 2022

La teoria del caos applicata alle code sull'Aurelia e a Euroflora

Tra molta gioia e un pizzico di preoccupazione, il levante genovese si prepara ad accogliere Euroflora dal 23 aprile all'8 maggio. Scrivo da residente del levante, che ogni giorno percorre l'Aurelia, corso Europa, verso e dal centro. Che torna a casa e da questa stagione in poi trova auto di turisti
Giovedì 21 Aprile 2022

Il "Racconto di Genova" e l'Euroflora dei Lavarello

Oggi pomeriggio, alle 18, alla libreria Feltrinelli, con il sindaco Marco Bucci, la storica Gabriella Airaldi, Paolo Momigliano presidente di Fondazione Carige e Franco Manzitti presenteremo il libro “Il Racconto di Genova”, edito da De Ferrari e tratto dal docufilm prodotto e trasmesso da Primocana
Martedì 19 Aprile 2022

"Salvarsi a vanvera", funamboli e illusionisti in tempo di guerra

Accade, quando la realtà è scabra o inabitabile, di trovare rifugio nei libri. Succede poi che alcuni libri caschino in una realtà diversa da quella in cui erano stati scritti, simile invece a quella che raccontano. Se i romanzi a volte sono generi di conforto quando non bussole, la storia di un’ast
Lunedì 18 Aprile 2022

"Modello Genova" per lo scolmatore, possiamo essere un Paese normale

Lo scolmatore del Bisagno, una delle opere principali per mettere al riparo Genova dal pericolo delle alluvioni, ha dovuto fermare il cantiere per presunte infiltrazioni mafiose nell'azienda che stava realizzando i lavori. Il governatore ligure, Giovanni Toti, giura che "già nei prossimi incontrerem
Domenica 17 Aprile 2022

Movida nel centro storico. Eliminare, spostare o riqualificare?

La bella mostra sugli anni ’60 in corso al teatro del Falcone, organizzata dallo staff di Palazzo Reale, ci obbliga a rileggere quel decennio di enormi cambiamenti. Per esempio l’inizio di un progetto di recupero della vecchia città, che ancora nessuno chiamava centro storico. Ci furono prima le dis