Commenti

Una iniziativa che nasce dalla volontà di mettere a disposizione un contenitore di idee, un luogo di approfondimento che alla Liguria manca. Le parole di Raffaella Paita le sottoscrivo, così come quelle della sua co-equipier, Anna Maria Furlan: "Ci sono molti modi per servire il proprio territorio e non necessariamente per farlo bisogna fondare un partito". Forse Paita, presidente della Commissione Trasporti e referente ligure di Italia Viva, il partito di Matteo Renzi, un piccolo peccato lo commette. Di ottimismo. Un "pensatoio" che scavalchi i muri dell'appartenenza in realtà manca al Paese, non solo alla Liguria. E l'affermazione di Furlan la trovo bellissima perché testimonia una esigenza, quella dell'unità di intenti, che neppure  due anni di pandemia e, adesso, l'orrore della guerra in Ucraina sono riusciti a costruire.

Molte cronache si sono affrettate a immaginare come, dove e quando le due signore deborderanno dall'associazione culturale al terreno politico, cercando prima di tutto una sistemazione per se stesse. Ora, Paita fa politica con il suo partito e alla guida di una importante istituzione parlamentare, mentre Furlan non è da meno: se sei stata segretaria nazionale di un grande sindacato non è che ti sei occupata di giardinaggio e hai perso l'abitudine a trattare certi argomenti (difatti il Pd di Roma l'avrebbe voluta candidata sindaco del centrosinistra a Genova per le prossime comunali).

Dico questo perché entrambe non mi pare abbiano alcuna necessità di cercare spazi politici, mentre tutti noi abbiamo un disperato bisogno di luoghi nei quali elaborare idee e progetti per poi consegnarli alla politica, sfrondati di ogni partigianeria. In ossequio all'affermazione, diventata persino banale, secondo cui certi problemi "non sono né di destra né di sinistra" perché hanno una sola soluzione possibile.

Dovrebbe essere normale, ma l'Italia non è un Paese normale. Difatti, accanto a chi si chiede dove le due vogliano davvero andare a parare, molti altri hanno salutato con una certa gioia l'iniziativa per il solo fatto di avere come protagoniste due donne.

Dissento. Per rispetto prima di tutto delle donne. A me questa cosa piace non perché Paita e Furlan appartengano al cosiddetto gentil sesso, ma più semplicemente perché è una buona pensata fatta da due persone capaci. Capaci, non donne. Questo, vista la condizione che storicamente viviamo, può essere un valore aggiunto. Ma non è il motivo per cui l'idea va promossa.

Non casualmente viene raccolta da gente alla quale non difetta il pragmatismo, per tutti il presidente in pectore (secondo mandato) di Federacciai, Antonio "Tonino" Gozzi. Semmai è la politica a dover sciogliere i dubbi che la accompagnano. Le prime reazioni "non sono state" oppure hanno spinto Paita e Furlan nell'angolo dell'opportunismo: "Vedremo perché lo fanno".

Il problema è che la stragrande maggioranza dei politici ragiona con il metro dei propri comportamenti, puntualmente improntati a inseguire consenso e rendite di posizione. Dunque, non concepiscono che si possano pensare e fare delle cose solo per dare una mano. Anche se appena possono sproloquiano sulla "politica come servizio". Che tristezza.

ARTICOLI CORRELATI

Domenica 03 Aprile 2022

Se la sinistra locale è danneggiata dai suoi leader nazionali

Il rischio è di finire sotto i fuochi delle bizze romane
Venerdì 01 Aprile 2022

Effetto Blessin e tifosi, il Genoa può evitare "l'incidente di percorso"

GENOVA - Da Verona a Verona, il Genoa rispetto a un girone fa ha sempre lo stesso entusiasmo, ma con l'effetto Blessin in più. Diciamolo chiaro e tondo, la salvezza resta difficile perché in mezzo al torneo molte cose non hanno funzionato, le scelte, come quella di Sheva, sono state sbagliate e l'as
Sabato 02 Aprile 2022

Uno, cento, mille Flavio Briatore. Ci vuole una rivolta anti autostrade

GENOVA- Uno, cento, mille Flavio Briatore. Non ho mai spasimato per questo imprenditore del “top”, che si è conquistato una notorietà da star con la Formula 1 e poi con le sue incalzanti iniziative imprenditoriali-glamour, dalla Sardegna al Kenia, a Montecarlo e da ultimo alle superpizzerie in via V
Mercoledì 30 Marzo 2022

Quella triste notorietà della Liguria

La Liguria viene spesso ignorata dalle classifiche nazionali sui più svariati temi, Genova non viene spesso considerata, banalmente, neppure tra i capoluoghi scritti in grafica nelle previsioni del tempo nazionali. Insomma, diciamo che non spicca molto, a livello italiano e internazionale. Non si di
Giovedì 31 Marzo 2022

Sampdoria gattopardesca, tutto cambia perché nulla cambi

Come volevasi dimostrare, per il futuro societario della Sampdoria non sussistono svolte imminenti. Lo ha confermato, nelle ultime dichiarazioni, il trustee (ovvero il "custode") della società blucerchiata, Gianluca Vidal. "La fine della stagione calcistica attuale e almeno l'inizio della successiva
Martedì 29 Marzo 2022

Malinconia e mistero del calcio: da Wembley alla Favorita senza un perché

Cerchiamo talvolta risposte nel posto sbagliato, oppure dove non ce ne sono proprio. Forse perché le domande più profonde rinviano ad altre domande: se l’Universo ha un limite, cosa c’è dopo? E prima del big bang, cosa c’era? E se invece ci ha creato un Dio, chi ha creato Lui? Insomma, la Canzone de
Domenica 27 Marzo 2022

Distratti da guerra e Covid mentre il voto si avvicina

La guerra divampa vicino a casa, l’informazione se ne è appropriata e ci inonda di bombe, rifugi sotterranei, profughi disperati in fuga dalle loro case distrutte, bambini con gli occhi senza felicità. Tutto questo ci angoscia.E il Covid che ci ha tormentato per più di due anni, sconvolgendo i nostr
Sabato 26 Marzo 2022

Genova come Mariupol? Se si scopre Zelensky e quel gemellaggio con Odessa

GENOVA-Chissà se le bombe russe sparate dalla flotta di Mosca al largo di Odessa stanno anche cadendo anche sulla mitica e leggendaria scalinata Potemkin, una delle bellezze di quella città dolce, sulla riva del mar Nero? Centoventisette gradini, resi celebri da noi, più che dalla rivoluzione contro
Lunedì 28 Marzo 2022

Nomine Fincantieri: lotta di potere, ma per Bono parlano i risultati

  Performance di bilancio eccellente, un'azienda in grado di primeggiare a livello mondiale, un'esperienza solida per competere con quei marpioni di francesi e tedeschi sul terreno della difesa, in attesa di costruirne una europea. Più, per buon peso, la capacità di saper gestire una fase in cui i
Giovedì 24 Marzo 2022

Dove i bambini giocano ancora per strada

Da Bogliasco alla Sardegna, i cartelli per il gioco libero. Con un pensiero alla guerra
Lunedì 21 Marzo 2022

Autostrade, i Benetton, lo Stato e la politica del familismo amorale

Semplicemente affidandomi al buon senso, la capivo così: io Stato mi riprendo le autostrade perché tu, Aspi, società concessionaria, ti sei fatta crollare il ponte Morandi per "mancata manutenzione", dice la magistratura, provocando 43 vittime e decine di feriti. Invece no, sembra che funzioni in qu