Commenti

Lei subisce, lei decide, lei denuncia… Lei muore. La giornata contro la violenza sulle donne si è conclusa con buoni propositi ma numeri sempre agghiaccianti. Il femminicidio sta diventando cosa ovvia. I provvedimenti, troppo spesso, cadono come leggere gocce d’acqua sui mostri denunciati, individuati ,ammoniti, a volte allontanati ma mai abbastanza.

Se vuole uccidere il mostro uccide, alla luce del sole, al buio, in macchina, in strada, in casa, davanti ai bimbi. Uccide per vendetta, per volontà di possesso, per rabbia. Uccide con lucidità. Il mostro va fermato prima prima, non dopo.

La vittima si chiede: "Ora che l’ho denunciato finirà tutto?". Risposta: "Sì… ma non si sa come". L’ intervento in difesa deve essere immediato: la donna che denuncia va protetta, subito scortata in una struttura adeguata dove si senta al sicuro.

Il mostro ha tempo, si è tolto l’orologio dal polso. Lei no: se indifesa sente il tempo scorrere e la paura ingigantirsi. Annaspa solo per salvarsi la vita. Non vuole finire in una drammatica statistica. Stop alla violenza sulla donne, sì alla protezione. Senza se e senza ma.

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 25 Novembre 2021

Giornata contro violenza sulle donne, Medusei: "Ogni forma di violenza contro le donne è una sconfitta per tutti"

"Ogni prevaricazione, sia fisica che psicologica verso la donna è una sconfitta per tutti, rappresenta una ferita per tutta la comunità ed è la dimostrazione che il percorso è ancora lungo e difficile". Questo è il forte messaggio che il Presidente del Consiglio Regionale Gianmarco Medusei ha voluto
Giovedì 25 Novembre 2021

L'Asl2 ricorda le donne vittime di violenza, più di 200 accessi ai pronto soccorso nel 2021

SAVONA - Una panchina rossa per ricordare le donne vittime di violenza in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Con questo gesto simbolico anche l’Asl2 vuole porre l’accento e sensibilizzare su questo tema che riguarda la collettività, con l’obiet
Giovedì 25 Novembre 2021

Violenza donne, in un anno +17 per cento di richieste di aiuto

Aumentano nel 2021 gli accessi ai centri antiviolenza, una escalation costante