Commenti

GENOVA - Il Processo per il crollo del Ponte Morandi, uno dei momenti più importanti nella storia democratica del nostro Paese, sarà precluso ai microfoni e alle telecamere dei giornalisti: è questa la decisione presa dal collegio giudicante, motivata dal “rischio di spettacolarizzazione” delle udienze.

E’ una scelta che abbiamo accolto con profondo rammarico: nell’informazione costante e completa che abbiamo sempre garantito non vi è mai stata nemmeno l’ombra di uno spettacolo. E’ grazie al lavoro di Primocanale, e a quello delle decine di giornalisti genovesi che hanno seguito la tragedia, che i liguri e gli italiani sono stati aggiornati sui tremendi fatti che hanno sconvolto la vita civile della città e della nazione. Sono i nostri reportage ad avere messo in luce le carenze, le grida di allarme, le storie terribili delle famiglie spezzate dal crollo del ponte e ancora il dramma economico e sociale che ha investito il capoluogo della nostra regione.

E a quattro anni da quella data tragica, sentivamo fosse nostro dovere consentire a tutti, attraverso le nostre telecamere, di accedere alle aule dove lo Stato accerterà le specifiche responsabilità di 59 imputati e renderà giustizia.
Per farlo abbiamo messo a disposizione i nostri mezzi, senza risparmio alcuno: avevamo progettato di realizzare un canale dedicato integralmente alle udienze, consentendo a chiunque di accedere, anche on demand, a ogni singolo momento del processo. Avremmo messo a disposizione del Paese uno straordinario documento, trasparente, chiaro, democratico.

Il collegio giudicante ha deciso di percorrere un’altra strada, per questo sposiamo e sosteniamo la decisione dell’Ordine dei Giornalisti di realizzare un sit-in di protesta giovedì mattina di fronte al Tribunale e continuiamo a confidare che quando a settembre riprenderanno le udienze sarà possibile accedere con i nostri mezzi all’interno del palazzo di giustizia. Lo chiedono i familiari delle vittime, che sono dalla nostra parte, lo chiede il prestigio internazionale dell’Italia che, balzata all’attenzione mondiale per questa tragedia (hanno chiesto di partecipare le televisioni di moltissimi Paesi) ha preferito chiudersi in un inspiegabile guscio.


Primocanale, comunque, seguirà come sempre lo svolgimento delle udienze e porterà nelle case dei liguri, in tv, sul sito internet, sulla nostra app e sui social network, tutte le notizie, le voci e le testimonianze. Saranno nostri ospiti i familiari delle vittime, celebri avvocati penalisti, personalità della società civile ed economica della città di Genova.

Sarà come sempre prezioso il vostro contributo: da domattina alle 8 saranno aperte le nostre linee (il numero verde 800 640 771 e il numero Whatsapp 347 6766291) per raccogliere i vostri ricordi, le sensazioni, le speranze in una giustizia chiara, rapida e definitiva.
Genova pretende di uscire da questa storia terribile con la stessa dignità con cui l’ha affrontata.

ARTICOLI CORRELATI

Lunedì 04 Luglio 2022

Morandi, gli abitanti di Certosa: "Case svalutate più della media, risarciteci"

Appartamenti deprezzati circa il 10% in più della media. Al processo almeno 200 fra abitanti e professionisti chiederanno di aggiungersi alle 330 parti civili già accettate dai giudici per essere risarciti da Autostrade
Lunedì 04 Luglio 2022

Crollo Morandi: giovedì alla sbarra i vertici di Autostrade per l'Italia

Sono 59 gli imputati per la tragedia del 14 agosto 2018: si parte con le richieste delle parti civili, poi stop sino a settembre, quando inizierà il dibattimento
Martedì 05 Luglio 2022

Processo crollo ponte Morandi, meno due giorni al via

"No a limiti al diritto di cronaca dei giornalisti e al diritto dei cittadini ad essere informati" spiegano Associazione Ligure Giornalisti, Ordine dei Giornalisti della Liguria e Gruppo Cronisti Liguri
Lunedì 04 Luglio 2022

Niente immagini al processo Morandi, protesta dei giornalisti la mattina della prima udienza

"No a limiti al diritto di cronaca dei giornalisti e al diritto dei cittadini ad essere informati" spiegano Associazione Ligure Giornalisti, Ordine dei Giornalisti della Liguria e Gruppo Cronisti Liguri
Giovedì 30 Giugno 2022

Processo Ponte Morandi, Ravera: "Sentenza non prima del 2024"

Il presidente del tribunale di Genova al 7 giorni dalla prima udienza: "Quattro aule collegate in video con sistemi informatici ministeriali anti hacker"