Attualità

Sfatato lo stereotipo del 'braccino corto', si è parlato di come avvenga il riconoscimento da parte della Guida Michelin
1 minuto e 35 secondi di lettura
Jorg Giubbani, chef stellato con alcuni dei suoi piatti

MONEGLIA - Brillano due nuove stelle in Liguria, non 'astronomiche', ma culinarie. Nella Guida Michelin salgono a nove le eccellenze della ristorazione: il riconoscimento a chef 'stellato' è andato a Graziano Caccioppoli di Genova e Jorg Giubbani di Moneglia.

"Ci si sente ancora più carichi di responsabilità"

"Diciamo che uno chef ne ha già tanta sulle spalle e adesso però raddoppia", commenta all’indomani della tradizionale cerimonia di presentazione della Guida Michelin Italia, giunta ormai alla sua 67esima edizione, nel cuore della Franciacorta. Ma per chi si immagina una scena alla "Ratatouille" – il cartone Disney Pixar – con un noto, severo e austero critico culinario, non funziona così l'assegnazione delle stelle. "Noi in realtà non lo sappiamo quando, come, in che modalità sono giunti gli ispettori nel nostro ristorante. Deduciamo ovviamente che sono passati perché abbiamo ricevuto la stella, ma il momento della valutazione avviene totalmente in incognito", sorride Jorg Giubbani, rivelando, però, che ogni tanto qualche persona particolarmente esigente o dall'aspetto bizzarro fa venire il sospetto ai camerieri in sala che possa trattarsi di un critico. Il merito è dei clienti – soprattutto liguri – sfatando così lo stereotipo del 'braccino corto', e delle loro recensioni. "Sono tanti gli affezionati della zona che abitualmente frequentano le nostre sale, che ci hanno supportato nel periodo post pandemia e che ogni volta apprezzano la nostra cucina", commenta la proprietaria Orietta Schiaffino.

"Questo premio è anche loro, perché sono proprio le persone normali che amano mangiare che poi fanno la differenza e vengono ascoltate dagli ispettori". 

E nel 2022 il ristorante compirà 60 anni: quattro generazioni che con Jorg realizzano un altro traguardo che va festeggiato con un piatto speciale. "Sceglierne uno è davvero difficile, dovremmo chiederlo ai nostri ospiti", premette Jorg. "Visto che parliamo di anniversari, però, spezziamo una lancia a favore per la mitica e intramontabile 'Camogli e caponata di sgombro', che quest'anno compie cinque anni". Per il resto del menu, bisognerà assaggiare 'la stella' in prima persona. 

ARTICOLI CORRELATI

Martedì 23 Novembre 2021

Natale e covid, Fipe: "Non reggeremo altro lockdown, green pass e vaccino necessari"

In attesa delle feste natalizie qualche disdetta ma si guarda avanti con speranza
Martedì 23 Novembre 2021

Verso il Natale, boom di prenotazioni nei ristoranti: "Ma servono più controlli, io solo 1 in 4 mesi"

La provocazione del vice presidente della Federazione pubblici esercizi

DALL'ARCHIVIO DI PRIMOCANALE