Sport

Nessuna brutta sorpresa, anzi un bellissimo Spezia che vince ad Udine in rimonta e conquista matematicamente la salvezza per il secondo anno consecutivo in Serie A. Gli Aquilotti erano passati in svantaggio con il gol di Molina per i friulani, ma hanno avuto la forza di reagire immediatamente. Episodio chiave si è rivelato l'ingresso di Salva Ferrer, che subentrato per l'infortunato Reca, ha messo lo zampino sui gol di Verde prima, di Gyasi poi nel recupero di primo tempo. Ha chiuso poi i giochi il tris del capitano Giulio Maggiore. Unica nota stonata, il rigore sprecato malamente da Manaj nel recupero.

Comincia meglio lo Spezia cha al 9' conduce un ottimo contropiede: Verde per Manaj, che semina il marcatore e serve Agudelo in area, sinistro del colombiano e grande risposta di Silvestri in angolo. In due minuti ammoniti Nuytinck e Gyasi, che salterà il Napoli per squalifica. Dal 24' al 25' due conclusioni di Perez che prima viene murato, poi il suo tiro viene deviato in angolo.

Al 26' sblocca il risultato l'Udinese con Molina: Deulofeu mette in area per Udogie, stacco di testa poderoso che trova Provedel, poi arriva Molina che calcia dal limite mettendo sotto la traversa.

Reazione dello Spezia che pareggia al 35' con Verde: cross d'esterno di Ferrer, entrato al posto di Reca, Verde prende il tempo ad Udogie e al volo di sinistro trafigge Silvestri.

Ribaltone Spezia in pieno recupero: protagonista ancora Ferrer che ruba palla a Pablo Mari, servito in area Gyasi che si libera di Nuytinck, si gira e batte Silvestri.

Nella ripresa lo Spezia non si ferma e va ancora in gol: Verde serve rasoterra il capitano Maggiore che insacca da pochi passi e cala il tris spezzino. Prova a reagire la squadra di Cioffi ma gli aquilotti mantengono la guardia cercando di abbassare i ritmi in campo.

Al 67' Agudelo lascia il posto a Nicolo Bertola: il capitano dello Spezia Primavera fa quindi il proprio esordio in Serie A, a 19 anni. Nel finale doppia occasione per l'Udinese con Molina, prima pescato da Deulofeu sul secondo palo, da cui calcia male, poi la seconda chance di testa col pallone che finisce fuori.

In pieno recupero Aureliano concede un rigore allo Spezia per un contatto Nehuen Perez - Kovalenko, dal dischetto va Manaj che spreca calciando un curva. L'Udinese accorcia a tempo scaduto con Pablo mari che stacca sulla punizione di Deulofeu, mettendo in apprensione lo Spezia. Ma la festa può iniziare per lo Spezia, matematicamente salvo dopo il risultato della Salernitana.