Sport

GENOVA - L'addio di Mimmo Criscito fa rumore perché la sua vita calcistica e non solo è andata di pari passo con la maglia rossoblù addosso. Un grifoncino prelevato da Napoli che poi ha saputo fare una grande carriera. Una presenza in prima squadra tra il 2002 e il 2004 quando di fatto faceva parte delle giovanili poi il passaggio alla Juve.

LEGGI ANCHE - Genoa, Criscito rescinde con il club: andrà al Toronto

Torna in prestito ed è boom dal 2006 e il 2007 con 36 presenze e 4 gol. Alla fine col Genoa ne segnerà solo in campionato 26. Dal 2008 al 2011 è capitano indiscusso, ma il Genoa che fa sognare si sfalda. Viene ceduto allo Zenith San Pietroburgo dove resta per 7 campionati. Rientra nel 2018 e contribuisce alle miracolose salvezze con 104 presenze e 17 reti. Preziosi  lo aveva assicurato di un futuro da dirigente , ma il "The end" è arrivato senza sorrisi con la maledizione di in rigore sbagliato nel derby.

LEGGI ANCHE - Criscito ai tifosi del Genoa: "Le nostre strade si dividono non per mia scelta"

Criscito ha rescisso un contratto ma non verrà mai cancellato il suo essere genoano. Doveva finire in altro modo, il Genoa perde un ottimo giocatore e un simbolo. La nuova società ha deciso così, il fondo il calcio va così.