Porto e trasporti

GENOVA - La conferma ufficiale dell'intesa che fa sbarcare il gruppo Hapag Lloyd, primo cliente in termini di volumi del porto di Genova, da azionista sulle banchine genovesi con l'acquisizione del 49% del gruppo Spinelli è arrivata oggi con una nota.

"Hapag-Lloyd e Spinelli Group hanno stretto un accordo per unire le forze" recita il comunicato sul sito del colosso tedesco - "La compagnia di navigazione di linea container tedesca acquisirà il 49% del Gruppo Spinelli - dice la nota - uno dei principali gruppi logistici italiani, dagli attuali azionisti, mentre la famiglia Spinelli continuerà a detenere la quota di maggioranza del 51%. Le parti hanno convenuto di non rivelare alcun dettaglio finanziario dell'accordo. Il perfezionamento dell'operazione è subordinato all'approvazione delle competenti autorità antitrust, prevista entro i prossimi mesi"

Nel pomeriggio sono arrivate anche le dichiarazioni da parte del consigliere delegato di Hapag Paolo Pessina, che scrive "La scelta di Hapag-Lloyd su Genova si colloca all'interno di una strategia di sviluppo in Mediterraneo e in Medio Oriente, che si è già concretizzata in investimenti sui terminal di Tangeri e di Damietta, e che nel caso particolare del gruppo Spinelli dal settore portuale prioritario si estende ad abbracciare anche l'intera catena logistica in cui il gruppo genovese è presente: Hapag Lloyd quindi parteciperà con il 49% a tutte le attività del gruppo Spinelli, il che significa inland terminal, logistica, spedizioni, trasporti su gomma. Non è previsto alcun impatto o alcuna integrazione fra il personale di Hapag a Genova e quello del gruppo Spinelli e ovviamente tutti i contratti in vigore con clienti terzi saranno validi al 100%. Di certo per Hapag Lloyd l'operazione, ancora soggetta all'approvazione dell'Antitrust e degli altri soggetti competenti, assume un particolare peso competitivo nel mercato dei terminal in Italia e nel Mediterraneo"