Politica

Il giovane 27enne si è imposto su Emanuele Cozzio, vicesindaco uscente di Paolo Donadoni
3 minuti e 6 secondi di lettura

SANTA MARGHERITA LIGURE - Dopo la sbornia - politica si intende - per la vittoria alle Amministrative dell'8 e 9 giugno, il neo sindaco di Santa Margherita Ligure Guglielmo Caversazio è pronto a sedere sullo scranno più importante, circondato dalla sua squadra. Caversazio, consulente finanziario per enti pubblici, è segretario del Partito Democratico di Santa Margherita, candidatosi come indipendente, ha incassato l'appoggio di tutto il mondo progressista. Con la lista Uniti per Santa, ill primo cittadino ha ribaltato i pronostici, ottenendo il 53,02%, pari a 2.573 voti. Il giovane 27enne si è imposto su Emanuele Cozzio, vicesindaco uscente di Paolo Donadoni. Cozzio si è fermato al 46,98% con 2.280 preferenze. Il sindaco - come comunicato dal suo staff - in accordo e sintonia con il gruppo che lo sostiene, ha individuato i componenti della nuovo giunta di Santa Margherita.

Fabiola Brunetti, avvocato, 39 anni - vicesindaco - Raccolta dei rifiuti, Ambiente, Demanio, Pari opportunità, Contenzioso, Rapporti con le associazioni, Animali da affezione

Alessandro De Giovanni, pediatra in pensione, 74 anni - già assessore ai Servizi sociali- Servizi alla persona, politiche di integrazione, volontariato

Francesca Tarabocchia (assessora esterna, prima dei consiglieri non eletti nella lista Uniti per Santa ) - Funzionario E.Q., responsabile dell’Area finanziaria presso il comune di Zoagli , 50 anni - Società partecipate, Patrimonio, Servizi bibliotecari, imprese produttive

Sebastiano Teppati (assessore esterno), bancario, dipendente di Cassa Depositi e Prestiti, 27 anni - Bilancio, tributi, Sport, impianti sportivi, Politiche giovanili

Il sindaco mantiene le seguenti deleghe: Urbanistica, Lavori pubblici, Turismo, Polizia Locale, Personale, Servizi Scolastici, Parco di Portofino

"Nell'individuare i nominativi si è dovuto tenere conto dei limiti di legge, che prevedono un massimo di quattro assessori - si legge nella nota -. È un numero che purtroppo non rende giustizia alla complessità di una città turistica come Santa Margherita Ligure. Diventano così fondamentali, ai fini dell'efficacia amministrativa, gli incarichi ai consiglieri comunali, parte integrante e attiva dell'azione di governo". Di seguito i componenti:

Barbara Trabucco, esercente, 47 anni - Capogruppo di maggioranza, verde pubblico, arredo urbano, agricoltura, pesca e prodotti tipici locali

Giuseppe "Pinuccio" Fois, pensionato, ex esercente, già assessore, 85 anni - Crêuze

Francesco Palli, avvocato, 27 anni - Affari legali, commercio, aree giochi per bambini

Nicholas Brondi, dottore in Ingegneria meccanica dipendente presso Ansaldo, 31 anni - Protezione civile, Informatica, Innovazione tecnologica

Alberto Marenco, agente di Polizia Locale in pensione, 68 anni - Cura e manutenzione del territorio, viabilità e parcheggi, sicurezza e controllo del territorio

Andrea Turrin, Medico di Medicina generale, 63 anni - Sanità territoriale e piastra ambulatoriale, cultura ed eventi musicali

Per la prima volta nella storia del comune, il ruolo di presidente del consiglio non sarà esercitato dal sindaco. Il gruppo di maggioranza ha individuato in Francesco Palli il proprio candidato alla carica. Nel corso delle prossime settimane sarà definito anche uno staff del sindaco, composto da persone esterne al consiglio comunale.

L'obiettivo era quello di fare largo alla cosiddetta "matrice giovane", che è costata un lavoro lungo a tutto lo staff del sindaco Caversazio. "Ci abbiamo  lavorato per più di cinque anni, mi ero già candidato nel 2019 quando ne avevo 22, questo è stato il coronamento di un costante impegno, ma anche di serietà, studio e speranza, che non vogliamo tradire - ha spiegato a Primocanale Guglielmo Caversazio -. L'unione fa la forza e con la mia vicesindaca Fabiola Brunetti (inizialmente candidata per la poltrona di primo cittadino ndr) abbiamo deciso di creare un sodalizio e di trovare un accordo per portare avanti un programma comune. Fabiola ci ha accompagnato con un accordo di serietà e grande lavoro per elaborare il programma". Ci sono poi i primissimi cambiamenti all'orizzonte, come sottolineato dallo stesso Caversazio. "Partiremo dalla manutenzione ordinaria e dalla raccolta differenziata, con l'eliminazione graduale dei mastelli, come promesso ai cittadini in campagna elettorale, ci vorrà del tempo ma ce la faremo" ha concluso il neo sindaco.