CRONACA

Una giovane originaria del Congo gli ha strappato camicia e catenina

Regionali, Salvini aggredito durante una tappa del tour elettorale in Toscana

mercoledì 09 settembre 2020
Regionali, Salvini aggredito durante una tappa del tour elettorale in Toscana

PONTASSIEVE (FI) - Il leader della Lega, Matteo Salvini, è stato aggredito a Pontassieve in Toscana, dove si trovava durante una tappa del tour elettorale a sostegno di Susanna Ceccardi. Una giovane ventenne, originaria del Congo, lo ha strattonato, gli ha strappato la camicia e la catenina che aveva al collo. La ragazza è stata identificata dalle forze dell'ordine.

Lo stesso Salvini ha poi commentato l’accaduto: “Tutto bene tranquilli, nessun problema fisico. La camicia strappata la posso ricomprare, il Rosario strappato con violenza dal collo che mi aveva donato un parroco purtroppo no. A questa rabbia rispondo col sorriso e col lavoro, evviva l'Italia delle donne e degli uomini che credono nella libertà, nella serenità e nel lavoro. P.S. Per la 'signora' che mi ha aggredito e insultato non provo rabbia, solo pena e tristezza. Avanti, senza paura e a testa alta”.

Si avvicina il momento delle elezioni regionali e sale anche la tensione. Il 20 e 21 settembre si vota anche in Liguria. Tra i temi caldi di questa campagna elettorale c'è sicuramente quello della scuola. Salvini ha puntato il dito contro il ministro Azzolina: "Mancano Aule, mancano insegnanti, i genitori non sanno ancora se hanno tempo pieno, mensa, scuolabus, chi misura la febbre: dietro un bimbo ci sono una mama e un papà che lavorano. Ci sono insegnanti che non sanno in che scuola e città insegneranno, genitori che non sanno a che ora entreranno e usciranno da scuola i loro figli. Azzolina ha passato l'estate a insultarmi: mi insulti la sera rima di coricarmi, se vuole, ma dia risposte agli insegnanti".

Ancora: "Doveva dare certezze, stabilizzare i precari, coinvolgere le scuole paritarie. Abbiamo fatto proposte per 5 mesi, e non ci hanno mai ascoltato. E mi chiedo come il ministro abbia passato questi 5 mesi. Ha passato l'estate parlando dei banchi a rotelle, e scopriamo a settembre che mancano centinaia di migliaia di banchi". 

Poi durante il suo tour elettorale ha parlato dell'elezione del Presidente della Repubblica.  "L'elezione è tra un anno e mezzo, il problema ora è il lavoro, il lavoro, il lavoro. Quello che succederà tra un anno e mezzo lo decideremo tra un anno e mezzo" ha commentato il leader della Lega rispondendo a una domanda sulla possibilità di un bis di Sergio Mattarella, ipotizzata da Giuseppe Conte. "Al posto di Conte sarei nella sede dell'Inps a chiedere al presidente dell'Inps di pagare le Cig ancora non pagate invece che parlare di Draghi e Mattarella".

In Veneto, tra lista Zaia e lista della Lega, "ovviamente voterei la lista della Lega, visto che sono il segretario della Lega, ma ci sono candidati Lega in tutte e due le liste.Sono contento che Lega e lista Zaia insieme valgono più del 60%, mentre Pd e M5s insieme sono al 20%", ha aggiunto Salvini.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place