POLITICA

Confronto Stato-enti locali, torna la cabina di regia sul Covid-19

Mascherine obbligatorie e proroga emergenza, una settimana per chiudere il Dpcm

mercoledì 07 ottobre 2020

“Diventa obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto, senza misure restrittive per l’economia reale: si tratta di una decisione che abbiamo condiviso, un segnale di attenzione, una misura che richiama tutti a prudenza, attenzione, a comportamenti corretti”. Così il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, in conclusione della Conferenza delle Regioni assieme ai ministri agli Affari regionali Francesco Boccia e alla Salute Roberto Speranza.


GENOVA - Una settimana di tempo per sciogliere tutti i nodi. È il tempo che si sono dati governo ed enti locali per risolvere i punti ancora in discussione prima del varo del nuovo Dpcm con le misure di contrasto al Covid-19, ora che la curva dei contagi sta risalendo dopo settimane di tregua. Quelle in vigore, infatti, sono state prorogate fino al 15 ottobre con il decreto approvato in Cdm che sposta il termine dello stato di emergenza al 31 gennaio 2021. Al quale è allegata la sola novità dell'uso obbligatorio delle mascherine anche all'aperto, con tanto di prescrizione a portare sempre con sé i dpi ogni volta che si esce di casa, su cui c'è il sostanziale parere favorevole di Regioni, Comuni e Province.

La prima riunione con il governo, cui hanno preso parte i ministri degli Affari Regionali, Francesco Boccia, e in collegamento dalla Sardegna il titolare della Salute, Roberto Speranza, consegna un passaggio significativo: il ritorno alla cabina di regia, chiesto a gran voce da tutti gli attori presenti al tavolo, che si riunirà frequentemente. "Se lo strumento ha funzionato nei momenti più duri dell'emergenza e per la fase delle riaperture, a maggior ragione può essere utile adesso", è il ragionamento portato dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, e sottoscritto anche dal numero uno di Anci, Antonio Decaro. Il sindaco di Bari, poi, ha introdotto nella discussione la possibilità, per i primi cittadini, di fare alcune ordinanze più specifiche rispetto alla fase più drammatica in cui avevano rinunciato al potere di ordinanza.

Il clima è disteso, in attesa di un altro incontro tra le parti in giornata, mentre le Regioni si riuniranno prima della Stato-Regioni e della Conferenza unificata. Un confronto interno in cui torneranno anche le parole del governo. Che rassicura sui protocolli vigenti, quelli relativi al comparto scuola e le attività produttive: "Non sono messi in discussione, ma restano in vigore", assicura Boccia. Mentre Speranza ha annunciato che i medici cosiddetti 'di famiglia' sono disponibili ad aprire i loro studi per i test antigenici. Ma il ministro della Salute ha anche espresso preoccupazione per i dati sui contagi che arrivano da alcuni Paesi europei come Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Belgio e soprattutto Olanda. E in un tweet annuncia la firma di un'ordinanza che dispone test per chi arriva proprio da queste nazioni.

Tra i nodi che andranno sciolti nei prossimi giorni sulla bozza del nuovo Dpcm, di sicuro c'è quello che riguarda il campo d'azione delle Regioni, che nel testo da approvare, come spiegato direttamente dal premier, Giuseppe Conte, in un punto stampa fuori Palazzo Chigi, possono prevedere solo misure più restrittive rispetto a quelle del governo. Questo è l'aspetto "meno condiviso da me e da altri governatori", spiega il presidente della Liguria, Giovanni Toti. Che considera comunque "un passo avanti" il fatto che venga contemplato "un confronto con il ministro della Salute sulle eventuali norme migliorative".

Non dovrebbero esserci particolari problemi sul resto del decreto, soprattutto dopo che il presidente del Consiglio, ricordando che sono previste sanzioni per chi non rispetta l'obbligo di indossare le mascherine, assicura che non verrà leso il "sacrosanto principio" del cittadino di non vedersi entrare lo Stato in casa propria. Dunque, niente controlli domiciliari. Mentre le norme su quarantena e autoisolamento non cambiano. Su tutto il resto c'è una settimana intera per discutere.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place