PORTI E LOGISTICA

I sindacati: "Momento sbagliato, ora apriamo un nuovo tavolo"

Congelato sciopero al terminal di Genova Pra, Signorini: "Prevale il buonsenso"

mercoledì 27 novembre 2019



GENOVA - Tutti in coda dal terminal portuale Psa al casello di Genova Pra'. Un lungo serpentone di camion ha passato la notte ferma ad aspettare di poter entrare nel terminal portuale.

Questo la situazione dalle prime ore della mattina tra l'ingresso in porto e il casello autostradale di Pra'. Situazione figlia della scelta dei dipendenti del terminal di astenersi da lavoro durante la prima ora di ogni turno di lavoro per motivi interni. Una situazione di emergenza che coinvolge la città in giorni delicati sotto il profilo della viabilità a Genova per le numerose frane, e in tutta la Liguria per, oltre le frane, la chiusura della A6 tra Millesimo e Savona e alle limitazioni sulla A26. Per questo stesso motivo i camion in partenza dalla Francia e diretti verso il porto di Genova sono stati scaglionati dalla polizia (LEGGI QUI). 

Giampoalo Botta, direttore generale di Spediporto spiega la criticità presente: "Questa astensione ha un impatto pesante in condizioni normali figuriamo in una situazione di emergenza come l'attuale, i disagi si sono moltiplicati. Siamo preoccupati. Non vogliamo entrare nel merito delle ragioni dell'astensione ma in questo momento queste iniziative rischiano di creare conflitti sociali tra categorie e lavoratori perchè fuori ci sono tanti autisti che hanno fatto lunghe code per arrivare a Genova e che hanno aspettato e hanno passato la notte in attesa di poter scaricare. La tensione rischia di aumentare, queste situazioni vanno disinnescate" conclude Botta.

Proteste e lamentele per la situazione anche tra gli autisti che mostrano la loro rabbia per le lunghe ore di attesa per entrare al terminal. Qualcuno alza anche i toni: "Hanno rotto le pa... con questi scioperi" dice davanti alle nostre telecamere. Problemi e disagi che coinvolgono anche gli automobilisti che si devono recare a Genova per lavoro: "Sono rimasta bloccata un'ora dietro ai camion, è tutto fermo. La cosa scandalosa è che l'autostrada è l'unica possibilità che abbiamo per muoverci e dobbiamo pure pagarla, è incredibile".

IL TAVOLO - Per risolvere la questione si è svolto un tavolo in prefettura a Genova a cui hanno preso parte i rappresentanti sindacali, il sindaco di Genova Marco Bucci, il governatore Toti e il presidente dell'Autorità portuale del Mar Ligure Occidentale Signorini oltre ai vertici del Psa. Al termine del vertice la decisione da parte dei lavoratori di sospendere lo sciopero.

LA SVOLTA - "Il prefetto è stato bravo a risolvere un enpasse che durava da diverso tempo. Il problema è che questa vertenza è coincisa con un momento drammatico per la nostra regione. Rsu ha compreso il disagio che si è ingigantito con la protesta degli autotrasportatori che si sono trovati. Abbiamo congelato le ragioni delle parti. Da domani parte un tavolo in cui regione e sindacati cercheranno di trovare una soluzione. Ha prevalso il buon senso" così il presidente dell'Autorità del sistema portuale del Mar Ligure Occidentale Signorini.

Anche i sindacati accolgono con ottimismo l'accordo trovato per porre fine allo sciopero: "Doveva essere evitato. Sicuramente ci si doveva pensare prima. Un migliaio di camion fermi verso il Psa bisognava intervenire. Quando ci sono dei conflitti questi vanno sanati e per farlo ci vogliono due attori. Ora possiamo aprire un nuovo tavolo, era quarantotto ore che premevamo per sospednere".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place