CRONACA

Le stradine di Riomaggiore in primavera accoglievano turisti di tutto il mondo

Cinque Terre deserte per il secondo anno in lockdown durante le festivitÓ pasquali

di Emanuela Cavallo

venerdý 02 aprile 2021
Cinque Terre deserte per il secondo anno in lockdown durante le festivitÓ pasquali

RIOMAGGIORE - La pace dei piccoli borghi della riviera spezzina oggi è alienante come quella dello scorso anno. Le stradine di Riomaggiore in primavera accoglievano turisti di tutto il mondo. L’unico segnale di normalità e speranza viene dalle vaccinazioni: gli over80 sono già protetti e hanno ricevuto entrambe le dosi vaccinali, gli over70 possono prenotarsi nella farmacia del paese.     


    “Siamo fermi dal settembre dello scorso anno - spiega Gianni Capellini, presidente di un locale consorzio di affittacamere -, auspichiamo di riuscire a fare almeno un’estate come quella del 2020. Avevamo qualche prenotazione per questa primavera, ma ora sono solo disdette. Eppure notiamo un po’ di visualizzazioni sui siti e motori di ricerca che testimoniano la voglia di tornare a trovarci. Anche le tempistiche delle prenotazioni sono cambiate e tengono conto delle variazioni delle limitazioni e pertanto i turisti decidono all’ultimo momento. Contiamo in un’estate come quella passata e speriamo che la stagione si allunghi sino all’autunno”.     


    Più duro il commento di Gianluca Pasini, presidente associazione Guide del Parco: “Avevamo delle prenotazioni di visite guidate che sono state naturalmente cancellate. Abbiamo ideato percorsi adatti anche a turisti di prossimità o destinati anche ai locali, ma di fatto è ormai un anno che non lavoriamo. Mentre è consentito andare a fare le vacanza alle Canarie, la nostra economia turistica è in ginocchio”.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place