CRONACA

A Primocanale quel video non convince, mai un mea culpa dal concessionario

Caos neve in A7, Autostrade mostra video incongruente per scaricare sui camionisti

di Giuseppe Sciortino

lunedý 07 dicembre 2020

Autostrade nelle ore successive al caos sulla A7 verso Sud di venerdi 4 dicembre a seguito di una nevicata, per giustificarsi aveva attaccato il mondo dell'autotrasporto individuato come colpevole per non aver rispettato i divieti imposti per limitare lungo le tratte i disagi. Dalla stessa Autostrade Ŕ stato poi diffuso un video che risulterebbe in alcuni punti incongruente, come messo in evidenza da Primocanale.


GENOVA - Pochi centimetri di neve hanno mandato in tilt la A7 e soprattutto la gestione dell’emergenza di Autostrade per l’Italia. Il protocollo del Piano neve è rimasto tale solo nelle intenzioni con gravi disagi ad automobilisti e trasportatori nel tratto tra Serravalle e Genova. I risultati smentiscono i comunicati del gruppo della comunicazione di Autostrade: un continuo ridimensionamento dei problemi che via via si manifestavano sul percorso, una continua esaltazione dei mezzi messi in campo per contrastare l’emergenza.

Mai un mea culpa – per esempio - sulle oltre 12 ore di stop tra la neve all’altezza del casello di Busalla per una lastra di ghiaccio con auto e camion incolonnati e raggiunti con un tè caldo solo nei pressi dell’ora di cena. Verso Ronco Scrivia i mezzi pesanti sono stati liberati dopo le 4 di mattina, fermi quindi per 16 ore. Nonostante i comunicati d’allerta meteo di Arpal fossero chiari sugli eventi atmosferici in corso.

Caos A7, sindaci Valle Scrivia contro Autostrade: "Piano neve inadeguato" - CLICCA QUI

Il direttore del Primo tronco, Mirko Nanni, intervistato da Primocanale ha puntato subito il dito contro i camionisti. Secondo il dirigente di Autostrade il problema subito dopo il casello di Busalla, una lastra di ghiaccio presente nonostante le temperature non fossero siberiane e la nevicata nei canoni della stagione, sarebbe stato provocato dal passaggio dei Tir che non avrebbero rispettato il divieto di transito per i mezzi oltre le 7,5 tonnellate imposto intorno alle 9 dalla concessionaria. A sostegno della tesi di Nanni, Autostrade ha inoltrato alla polizia stradale alcuni filmati per documentare la violazione sistematica dei mezzi pesanti rispetto ai divieti. Primocanale è entrato in possesso di uno di quei video, le cose che non tornano sono molte.

Uno dei video diffusi da Autostrade, della durata di 57 secondi, è diviso in due parti. Nella prima si vedono camion che passano il casello di Serravalle Scrivia con la scritta ‘A7 Serravalle-Genova km84, 4.12.20 ore 08.46’, nella seconda parte mezzi spazzaneve che puliscono la sede stradale con la scritta ‘A7 Serravalle-Genova km99, 4.12.20 ore 12.59’. A una prima vista, quindi, quanto si vede avvalorerebbe in pieno la tesi di Nanni: i mezzi pesanti che entrano in autostrada nonostante i divieti già evidenziati e i mezzi spazzaneve e spargisale in azione sul tratto che ha causato i maggiori disagi con la formazione della lastra di ghiaccio subito dopo il casello di Busalla in direzione Sud.

Otto ore sulla A7, per Autostrade è colpa dei Tir: "Non rispettano le regole" - CLICCA QUI

A Primocanale però quel video non convince. Una valutazione generata da una verifica effettuata grazie alla tecnologia di Google Maps e con le immagini delle telecamere di Autostrade per l’Italia disseminate lungo la rete. Esaminando la prima parte del filmato, quello in cui il concessionario fa intendere che i camionisti entrino al casello nonostante il divieto, si nota che invece i mezzi stanno uscendo dal casello stesso. Se si prende come riferimento l’inquadratura del luogo da Google Maps, si nota che i mezzi stanno uscendo dal casello invece di entrare. Indicativa la presenza della macchina sullo sfondo, con la direzione di marcia proprio verso l’uscita e non verso l’ingresso sul nodo autostradale.

Il secondo punto che non collima riguarda la direzione degli spazzaneve. La scritta impressa sul video segnala i mezzi impegnati nella pulizia dell’asfalto che operano sulla Serravalle-Genova quando invece quella è la carreggiata opposta, la Genova-Serravalle. Guarda caso, proprio la carreggiata che non ha avuto le difficoltà della corsia opposta - che non corre parallelamente - dove testimoni confermano che da lì i mezzi per pulire l’asfalto sono passati troppo in ritardo, quando ormai il danno era fatto. L’immagine dalla telecamera presente sul sito di Autostrade all’imbocco della galleria Prodonno è chiara. Inoltre, su quel tratto nella corsia opposta verso Sud non ci sono telecamere.

Manca la pattuglia della Stradale, Autostrade chiude per ore la A7 verso Sud - CLICCA QUI

Ad aggravare la situazione, sabato 5 dicembre è stato chiuso il tratto A7 Serravalle-Genova all’altezza della diramazione con la A26 per alcune ore a tutti i mezzi mentre sul sito veniva riportato un divieto solo per mezzi pesanti. Il motivo: il mancato arrivo della pattuglia della polizia stradale. 



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place