IL COMMENTO

Il nuovo allenatore, esempio di stile e seriet, chiamato ad un'impresa fondamentale

Benvenuto a Ranieri, ora prioritario salvare la Sampdoria

di Maurizio Michieli

sabato 12 ottobre 2019
Benvenuto a Ranieri, ora  prioritario salvare la Sampdoria

Da alcuni mesi la linea editoriale di Primocanale è fortemente critica nei confronti di Massimo Ferrero e della sua gestione della Sampdoria, della quale prima o poi sarà chiamato dai fatti a rendere conto, anche e soprattutto alla luce del mancato accordo con il Gruppo Vialli per la cessione della società. Un'occasione straordinaria per garantire alla Samp un futuro in mani, professionalmente e finanziariamente, sicure. Con le sue eleganti ma acuminate parole, pronunciate dal ritiro della Nazionale, colui che poteva essere il prossimo presidente della Sampdoria ha messo per ora e forse per sempre una pietra tombale sull'operazione a stelle strisce.

Nonostante questo, la linea editoriale di Primocanale, spinta non certo da interessi personalistici ma dalla forte e fondata preoccupazione per il destino della Samp, nei confronti di Ferrero non muta.Tra gli elementi di questo "destino", tuttavia, c'è anche la permanenza in serie A o la retrocessione in B, con tutte le catastrofiche conseguenze che ciò comporterebbe. Ecco perché, in questa fase, riteniamo doveroso e prioritario concentrarci, anche noi per la nostra quota parte, sull'unico obiettivo da perseguire: la salvezza della squadra.

La scelta di Ferrero, dopo avere incassato i "no" di Pioli, Gattuso e forse Garcia, è ricaduta, per la panchina blucerchiata, su Claudio Ranieri. Non perché fosse e dunque risulti adesso la quarta scelta, ma perché costava di più, essendo quello più quotato. Il presidente, con l'acqua alla gola, è stato "costretto" ad affidarsi a lui. L'unico con tutte le carte in regola per tentare l'impresa e per riuscire a portarla a termine.

Su queste basi diamo il benvenuto a Claudio Ranieri, persona perbene, con grande esperienza ed uno stile che può contribuire a sopperire a quello mancante in altri ambiti societari. In questa fase "storica" abbandoniamo le polemiche e la ricerca della verità sulla mancata vendita della Sampdoria, destinata in ogni caso a venire a galla per conto suo. Aiutiamo e sosteniamo Ranieri, che dovrà subito "battezzare" un sistema di gioco ed una formazone base in cui credere e far credere i giocatori. I tifosi della Samp, conoscendoli, pur senza sconti verso Ferrero e i suoi guasti, faranno la loro parte. Il tempo degli alibi è finito. Per tutti. La speranza è che a Ranieri vengano attribuiti poteri esclusivi, nella gestione degli aspetti tecnici ma pure in quelli della comunicazione. Per raggiungere l'obiettivo c'è (anche) bisogno di serenità ed equilibrio. La Sampdoria viene prima di tutto e tutti. Buon lavoro, sir Claudio. 

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place